Alla maggioranza dei lettori sembrerà assurdo, ai più semplicemente impossibile; eppure è vero: calcolare il valore del proprio bollo auto ponendo come unico dato la sola targa dell’automobile è possibile. L’importo viene visualizzato automaticamente al momento della richiesta, mentre se questa viene effettuata successivamente al periodo del pagamento (cioè un mese dopo la scadenza del bollo) risultano addirittura le dovute sanzioni con relativi interessi da versare nell’importo complessivo. E, per fare tutto ciò, basta inserire nel programma calcolatore semplicemente la targa del veicolo!

Calcolo del bollo auto online con inserimento della targa

Programmi di questo tipo sono disponibili anche sul web tramite diversi portali specifici di automobilismo. Tuttavia questa meravigliosa applicazione, che ci consente di calcolare l’importo del nostro bollo con il solo inserimento del numero di targa appartenente al relativo veicolo, è da considerarsi per quello che è: uno strumento di calcolo crudo e semplice.

Ciò significa che, sebbene possa fornirci le eventuali maggiorazioni che intercorrono da anno in anno, non tiene conto dei pagamenti già effettuati dagli automobilisti più solerti. Allo stesso modo, se la richiesta sul pagamento venisse effettuata in data precedente (quanto non importa) all’inizio del periodo di pagamento, il programma intenderebbe (sbagliando) la nostra come una richiesta di pagamento del bollo tardivo, indicandoci di conseguenza anche le sanzioni imponibili con eventuali interessi pecuniari.

Il programma appartiene all’Agenzia

Il programma che calcola il bollo auto partendo dalla targa della vettura è di proprietà dell’Agenzia delle Entrate. Quindi, alla fine delle fiere, l’ultimo ente cui bisogna rivolgersi per eventuali chiarimenti è Lei. Il fatto che le tasse automobilistiche vengano gestite dalle Regioni (eccezione fatta per il Friuli Venezia Giulia, la Sardegna e la Sicilia, di cui si occupa direttamente l’Agenzia delle Entrate), perciò, non vuol dire nulla.

Questo significa pure, indirettamente, che è proprio l’Agenzia delle Entrate, in quanto responsabile del servizio in oggetto, a elaborare i dati da noi forniti nel momento in cui facciamo la richiesta.

Esenzioni del bollo

Un’altra importante funzione insita nel programma di calcolo del bollo auto riguarda l’opzione relativa all’individuazione di eventuali riduzioni e/o esenzioni dal pagamento della tassa.

Infatti basta cliccare sull’opzione così denominata (“esenzione del bollo desiderato”) per richiedere al sistema di calcolare nuovamente, secondo le normative vigenti, il bollo includendo le esenzioni e le riduzioni di cui la nostra vettura potrebbe godere. Chiaramente, basta inserire solo la nostra targa!

Aggiornamento 2014: verso l’esenzione per i primi tre anni?

Che questa tassa automobilistica sia la più odiata dagli italiani è un dato di fatto. Il bollo è visto come un fardello che si sa per quale motivo si debba pagare su un’auto di nostra proprietà. Gli ultimi aggiornamenti nel campo legislativo parlano di un’abolizione per tre anni da quando la vettura è stata immatricolata, periodo che sale fino a cinque anni se il veicolo in questione è ibrido, elettrico o sia dotato di un impianto a gas. Inoltre, potrebbe andare a regime il concetto del “più inquini più paghi”, ossia una tassazione che tenga conto delle emissioni inquinanti di ogni specifico mezzo. Una misura, quest’ultima, che potrebbe penalizzare chi non si può permettere di comprarsi un’automobile nuova ed è costretto a tenersi macchine più inquinanti ma più datate. Ma solo il tempo dirà se queste misure saranno approvate visto che siamo per ora solo alle battute iniziali.

Una breve cronostoria

La tassa più odiata dagli italiani esiste dal 1953 e durante questi anni ha vissuto diversi periodi, con molti esecutivi che hanno messo mano a questa materia per innalzare le tasse e reperire più risorse per lo Stato. Innanzitutto partiamo dalla denominazione: la tassa di circolazione, così era originariamente chiamata, cambia nome in superbollo (dal 1976 al 1997) perchè per vetture diesel e a gas in questo arco di tempo si deve pagare una maggiorazione che fa crollare il mercato di queste vetture a vantaggio di veicoli a benzina. Nel 1982 ecco un’altra modifica nel nome, con la tassa di circolazione che diventa tassa di possesso, ovvero da pagare anche se il mezzo in questione non circola. Una norma che sembra assurda visto che in altri Paesi non esiste e che sembra paradossale. Dal 1999 la tassa è di competenza regionale mentre dall’anno successivo arriva l’esenzione per le vetture con più di 30 anni.

Dal 2006 si inizia a parlare di aumenti delle tasse in base alla cilindrata. Il Governo Prodi vara delle norme che vanno a colpire chi ha vettura con più di 100Kw di potenza: inoltre sono previste delle diverse tariffe a seconda se il mezzo sia Euro 0, 1, 2, 3 o 4 con una somma che cala per ogni kw in più a seconda che il mezzo sia meno inquinante. Si parla di un nuovo aumento del bollo nel 2011, in piena crisi economica, quando il Governo Belusconi reintroduce il “superbollo” con una tassa di 10 euro per ogni kw in più rispetto al limite fissato a 225 kw di potenza. Una misura retroattiva che doveva essere pagata immediatamente.
Il Governo Berlusconi cade e viene sostituto dall’economista Monti che mette di nuovo mano alla materia abbassando il limite precedentemente imposto (da 225 kw a 185 kw) e aumentando la tariffa, da 10 euro a 20 euro.
Purtroppo tutte queste misure hanno avuto come conseguenza l’aumento delle immatricolazioni di vetture dall’estero per non pagare questa super-tassa.


Potrebbe interessarti

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Neopatentati: mai più utilitarie, è il momento del SUV

 049 Neopatentati mai più utilitarie è il momento del SUV

No, non è assolutamente detto che i neopatentati debbano necessariamente accontentarsi di auto poco brillanti, come tipicamente sono utilitarie e city car.

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Auto ibride in commercio: quali sono le loro caratteristiche?

Un veicolo ibrido è un mezzo di trasporto con un sistema di propulsione di tipo termico ed un motore elettrico. Oltre a questa definizione relativa al motore, una auto ibrida può essere definito dal tipo di carburante utilizzato: alcuni esempi sono il motore a benzina-gpl, oppure a benzina e metano, o ancora benzina-idrogeno. Con questo tipo di veicolo potrete ottenere delle agevolazioni sul bollo auto e potrete circolare nella fascia verde, evitando così il blocco auto imposto dal comune. Così oltre a combattere l'inquinamento delle polveri sottili, eviterete qualsiasi blocco del traffico.

Modelli auto Kia: scopri tutte le novità

 

I modelli auto Kia vengono prodotti dalla casa automobilistica coreana, in particolare si tratta della prima azienda della Corea del Sud ad aver iniziato la produzione di modelli automobilistici.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Volkswagen a Torino: tutte le informazioni

Nei concessionari del gruppo Volkswagen di Torino, potrete trovare tutti quei modelli di auto nuove e auto usate che fanno parte della grande famiglia del marchio tedesco di cui fanno parte anche altri grandi case automobilistiche come Audi, Seat e Skoda. Non solo Polo Golf, quindi, saranno disponibili per voi nella rete di concessionari, ma anche A4, A6, Fabia e Altea: in pratica, grazie a questo nutrito parco macchine difficilmente non riuscirete a trovare il modello che fa per voi.

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Concessionari Fiat in Toscana: a chi rivolgersi?

A tutti coloro che risiedono in Toscana, presentiamo dei concessionari Fiat a cui si possono rivolgere per l'acquisto di auto nuoveauto usate, di veicoli commerciali, di auto a metano o a 5 porte del marchio di Torino. La professionalità e la cortesia che contraddistinguono questi concessionari, si estendono anche alla fase successiva alla vendita, momento in cui verrete assistiti con dei servizi che vi torneranno molto utili.

Leggi anche...

Il ritiro e la sospensione della patente: in quali casi?

Speriamo non vi capiti mai di dovermi informare in tal senso. Significherebbe che siete degli automobilisti modello. Dei piloti sicuri e delle persone responsabili. Nel caso in cui invece vi capiti di vedervi ritirare la patente, abbiamo qui pronto un articolo che vi aiuterà a gestire al meglio la cosa.

Leggi anche...

Kit per la sicurezza in auto: ecco cosa serve!

Ogni Stato della Comunità Europea ha stabilito negli ultimi anni quali siano i dispositivi obbligatori da inserire nei kit per la sicurezza in auto.

Leggi anche...

Incentivi per le auto a metano: rendi ecologica la tua vettura

I fondi disponibili sono stati messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico e sono piuttosto limitati, si tratta nel complesso di 3 milioni e mezzo di euro, motivo per il quale è consigliato fare presto per riuscire ad ottenere il prestito.

Go to Top