Il sogno degli automobilisti, ma anche degli ecologisti, è quello di poter guidare automobili ad emissione zero: questo sarebbe possibile abbandonando una volta per tutte il motore a combustione, che necessità di petrolio, e passare definitivamente a motori che si alimentano grazie ad energie alternative.

Attualmente la soluzione più ecologica sembra essere le autoche utilizzano come propulsore l'idrogeno. A quanto pare, molte case automobilistiche sembrano orientate verso la produzione in serie di questi veicoli: proviamo a fare il punto della situazione.

Lo stato delle auto a idrogeno: scopriamone le caratteristiche delle auto di serie. Consigliamo anche di dare uno sguardo sui Forum

L'utopia delle auto a idrogeno sembra a un passo dalla realizzazione: infatti circa nove gruppi automobilistici sembrano orientati, entro l'anno 2015, a introdurre sul mercato un importante numero di vetture elettriche con propulsione di celle a combustibile anche detta fuel cell.

Queste case sono la die Allianz Renault SA, la Daimler AG, la Ford Motor Company, la General Motors Corporation/Opel, la Honda Motor Co., Ltd., la Hyundai Motor Company, la Kia Motors Corporation, la Nissan Motor Corporation e la Toyota Motor Corporation, quest'ultima con il modello Toyota Mirai. Queste compagnie avrebbero firmato un accordo in tal senso, con l'impegno aggiuntivo di rimuovere quelle che sono le barriere tecnologiche e politiche legate alla diffusione della tecnologia che si basa sulla combustione a idrogeno per le auto.

Un passo verso questa scelta definitiva è ben visto e favorito anche dai vari governi che, negli ultimi periodi, hanno manifestato l'intenzione di veder ridotta l'emissione inquinante degli automezzi. A questo c'è da aggiungere il problema della rete dei distributori di idrogeno, ovvero i punti in cui gli automobilisti dovrebbero fare rifornimento di carburante. Pare che le compagnie di distribuzione abbiano già confermato la possibilità di realizzare impianti di stoccaggio, trasporto e impiego per sfruttare l'idrogeno e dunque favorire il transito verso le auto con motori alimentati a idrogeno.

Come funzionamento queste auto? Come siamo messi in Italia? I consumi?

Lo sviluppo delle auto a idrogeno è collegato alla possibilità di utilizzare l'idrogeno come combustibile: questo elemento è contenuto in celle o pile in grado di generare tensione elettrica, necessaria a sviluppare la propulsione del motore elettrico.

Tuttavia, l'idrogeno non è un elemento naturale come può essere il petrolio o il gas propano liquido: questo significa che per produrlo non si potrà prescindere da un utilizzo, seppur minore, di fonti rinnovabili di energia di vecchio tipo.

In conclusione, quella delle auto idrogeno, seppure sempre più vicina, sembra essere una rivoluzione attualmente ancora molto costosa e non definitiva per quanto riguarda la riduzione totale delle emissioni inquinanti.

La nuova frontiera delle macchine ecologiche in commercio: Giappone e Toyota all'avanguardia

Benzina e diesel non sono più i re per quanto riguarda gli impianti di alimentazione delle macchina. D’altronde, il costo della verde è diventato eccessivo, seppure negli ultimi tempi abbia subito un ribasso nelle pompe di benzina. Ma la pesante influenza delle accise (un continuo sommarsi di tasse che parte addirittura dagli anni prima della Seconda Guerra Mondiale) ha portato il costo a un prezzo talmente elevato che molti cittadini hanno deciso di farne a meno per prendere i mezzi pubblici per recarsi a lavoro.

Il confronto con qualche decennio fa è agghiacciante: molti ricordano infatti quando la verde costava 1800 lire, quando invece oggi è un miracolo trovarla a 1.60 euro a litro. Un prezzo raddoppiato e gli automobilisti se ne sono accorti. Ecco perchè ultimamente stanno riscuotendo successo altri impianti di alimentazione, come gas, metano o Gpl che permette una maggiore autonomia con lo stesso importo.

Una differenza colossale che non può essere più sottovalutata. Infine, il rispetto dell’ambiente: ecco perchè si vedono sempre più spesso auto ibride, ad aria compressa e anche quelle ad idrogeno. Queste macchine “green” infatti permettono una minor emissioni di inquinamento nell’aria, condizione da mettere ai primi posti per non lasciare il nostro pianeta in preda ai gas inquinanti. Tutto questo ha portato a una maggior sensibilizzazione sul tema, che non ha lasciato indifferenti i grandi produttori di automobili.



Potrebbe interessarti

Il contralbero del motore: come funziona

Una delle componenti importanti del motore, ma spesso ignorata dai più, è il cosiddetto contralbero. Il contralbero, noto anche come albero di equilibratura, è una parte del motore necessaria per la riduzione delle vibrazioni del motore stesso.

Leggi tutto...

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Leggi tutto...

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Leggi tutto...

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Leggi tutto...

Noleggio a lungo termine o acquisto auto nuova? Quale conviene?

Acquistare un’auto diventa sempre più una scelta importante da effettuare perché oltre al costo di acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, bisogna aggiungere le spese di mantenimento, come la benzina, la manutenzione, l’assicurazione, le tasse e così via.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionarie Mercedes Roma: a chi rivolgersi?

Uno dei marchi automobilistici più conosciuti al mondo è senza dubbio Mercedes-Benz, anche per il connubio sportivo con McLaren che ha fatto di questo motore uno dei protagonisti dagli anni '70 in poi. Il simbolo universalmente noto è lo stemma della stella a tre punte, presente sui cofano di tutti i veicoli di questo marchio.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Emilia Romagna

Dal 2014 la storica azienda torinese ha vissuto un passaggio epocale nella propria storia: il marchio infatti si è trasformato in FCA, che nasce dalla fusione di FIAT con Chrysler con relativa quotazione alla borsa di Wall Street.

Leggi tutto...

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Leggi tutto...

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Leggi tutto...

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarla!

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari, anche a Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile di Torino: sede e orari

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sospensione della targa di un ciclomotore: come fare?

Può capitare ai possessori di un motorino o ciclomotore, spesso giovani, che dopo diversi anni vogliano acquistarne uno nuovo o addirittura passare ad una vera e propria automobile, una volta conseguita la patente di guida.

Leggi tutto...
Go to Top