Se non siamo esperti di auto e abbiamo comunque deciso di investire in un nuovo acquisto, puntando sull’usato, sarà bene farci aiutare. Ecco, allora, qualche consiglio utile per non sbagliare o, almeno, provare a ridurre al minimo il rischio di prendere una fregatura, sia che decidiamo di acquistare da un privato che da un concessionario. Il primo suggerimento è di andare a visionare l’auto con un meccanico di fiducia, che controllerà tutto il sistema meccanico appunto dell’automobile. Darà un’occhiata al moto, alle cinghie, alla frizione e così via dicendo. Ci sono alcune accortezze che potremmo provare a mettere in pratica per stare più tranquilli. Cominciamo da un’analisi visiva dell’auto per individuare:

  • l’eventuale presenza di ruggine o altri segni di umidità, badando bene di guardare anche nella parte inferiore;
  • il corretto funzionamento delle portiere e eventuali danni al telaio;
  • segni sulla vernice che possano essere delle spie di eventuali incidenti precedenti;
  • Eventuali graffi o ammaccature.

Se notiamo uno di questi dettagli, cerchiamo di approfondire e quanto meno proviamo a tirare sul prezzo. Naturalmente sarà opportuno che eventuali problemi siano risolti a spese del proprietario prima del passaggio di proprietà.

In ogni caso, la verifica visiva non basta, ma occorre badare anche alle componenti meccaniche per controllare:

  • la limpidezza del refrigerante e del fluido di trasmissione;
  • la giusta consistenza e colore dell’olio e del liquido dei freni;
  • eventuali gocciolamenti dal motore e danni alla cinghia di trasmissione; 

Meglio poi fare sempre un giro di prova sull’auto, anche da passeggero, così da avere il tempo e il modo di controllare eventuali rumori o problemini dell’auto. Se possibile, poi, proviamo sempre a ricostruire la storia del veicolo che abbiamo scelto, così da capire quanti proprietari ha avuto, se ha subito incidenti e così via. Non ultimo, controlliamo sempre la proprietà effettiva dell’auto e se su di essa gravano ipoteche o fermi.

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Auto usate: i motivi che spiegano la convenienza

Il mercato delle auto usate è potenzialmente ricco di auto seminuove, che vengono vendute non per motivi o difetti legati al loro funzionamento. Semplicemente, per non subire la perdita di valore che interessa ogni auto nuova nei primi anni di utilizzo. L'altro motivo è ancora più banale e consiste nell'evitare di affrontare costose manutenzioni quando l'auto ha già perso gran parte del suo valore. Ecco che chi si appresta ad acquistare un'auto usata può veramente fare un affare, se si sa ben valutare l'acquisto.

Come scegliere un'auto usata: le prime valutazioni da fare

L'auto usata si deve scegliere in base alle proprie esigenze e al proprio stile di vita. Se si desidera un'auto comoda per muoversi velocemente nel traffico di città, si sceglierà un modello dalle dimensioni ridotte che agevolerà la ricerca del parcheggio. Le city car possono davvero essere molto convenienti, perché spesso non raggiungono mai elevati livelli di chilometraggio, essendo state utilizzate principalmente in ambito urbano. Se l'esigenza è quella di percorrere frequenti tragitti extraurbani, allora si potrà optare per quei modelli più grandi, di maggiore cilindrata, che assicurano un viaggio ricco di comfort. Auto familiari più grandi, sono consigliate in vista dell'allargarsi della famiglia o in presenza di animali domestici da trasportare. Se, invece, si ha voglia di un'auto sportiva in cui lo spazio non è un problema, allora il SUV resta la scelta migliore.

L'alimentazione: gli aspetti da considerare per scegliere bene

Una volta scelto il modello, dopo aver messo a fuoco le proprie esigenze, allora bisogna concentrarsi sugli elementi da prendere in considerazione affinché l'acquisto si riveli di successo. L'alimentazione dell'auto non è un aspetto secondario, anzi è quello che condizionerà molto il suo utilizzo e le vostre abitudini. Benzina, GPL, diesel, elettrica o ibrida non è una scelta da poco. Dovrete valutare le possibilità di utilizzo e le esigenze che inducono all'acquisto, per scoprire qual è l'alimentazione per voi più conveniente. Per brevi tragitti, magari non quotidiani, è utile un'auto a benzina. Il diesel è conveniente se l'auto si utilizza molto e per lunghi tragitti. Inoltre, il motore diesel è destinato a durare di più, essendo meno soggetto ad usura. La auto a metano o a GPL richiedono, invece, una revisione più accurata e frequente.

In particolare, le bombole vanno sostituite del tutto almeno ogni 10 anni. Inoltre, non rappresentano le auto più adatte a chi possiede una guida sportiva. Infine, le auto elettriche o ibride sono l'alternativa che sta rubando la scena a tutte le altre auto. Raccomandate per coloro che ne fanno una questione etica, ma non solo anche di buon senso. Infatti, questo tipo di auto riduce notevolmente i consumi e i costi, a fronte però di un prezzo iniziale più salato. Assicurano la sostenibilità di lungo periodo, ma richiedono una revisione annuale. Gli aspetti fondamentali da tenere a mente sono la durata della batteria e l'effettiva fruibilità nel vostro contesto urbano. Per i più diffidenti, la scelta migliore è di sicuro rappresentata da un ibrido a benzina, che garantisce maggiore sicurezza e un adeguato risparmio, laddove necessario.

Perché è più conveniente acquistare da un privato

Coloro che possiedono un'auto praticamente nuova, da cedere per evitare l'incombente svalutazione, generalmente non scelgono una concessionaria. La scelta che sembra più ovvia e più sicura è, però, quella meno proficua per il venditore. Infatti, la concessionaria valuterà l'auto da immettere sul mercato dell'usato molto meno di quanto ci si aspetti. Per questo motivo, tali venditori saranno molto propensi a ricercare una compravendita fra privati in cui non è presente la figura dell'intermediario che acquista a prezzi più bassi e rivende a prezzi comprensivi del proprio margine. Per questi motivi, se ci si sa muovere nel mercato automobilistico, la concessionaria è l'ultimo posto dove vorreste andare.

Dove acquistare

L'acquisto di un'auto da un privato richiede un incontro fra le parti per il preventivo esame delle condizioni del bene, preferibilmente da un meccanico di vostro fiducia. Per questo è consigliato che la piazza della compravendita non sia troppo lontano da voi, ciò attribuisce maggiore sicurezza e certezza dell'acquisto. Oggi il passaparola è stato praticamente sostituito dal web, in cui spuntano ogni giorno migliaia di annunci di auto usate. Il problema è quello di orientarsi all'interno di un'offerta così massiccia. Un punto di riferimento è il sito di annunci gratuiti più famoso d'Italia auto.aaannunci.it. Il portale non è solo adatto per chi ricerca auto usatema ogni tipo di bene e servizio.

Il sito è ricco di annunci molto interessanti, anche per la facilità con cui poterli pubblicare e per il fatto che sono gratuiti. Il contatto con il venditore è molto rapido, la ricerca del bene o del servizio è fluida e suddivisa per categorie e aree geografiche. I risultati sono, ulteriormente, suddivisibili in sottocategorie e marche. Tutte queste caratteristiche ne fanno il principale sito che tratta il mercato dell'usato in Italia, con migliaia di annunci pubblicati al proprio attivo. Gli affari ci sono, oggi vi abbiamo spiegato come trovarli.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Acquisto auto in leasing: scopri come fare

Nell'ambito dell'acquisto delle automobili, esiste una particolare pratica di finanziamento molto diffusa e utilizzata, ovvero il leasing. Questo termine, in generale, definisce una forma contrattuale di finanziamento attraverso la quale il soggetto, definito locatore, concede ad un un altro soggetto, definito utilizzatore, il diritto di utilizzare un qualsivoglia bene, ricambiando tale utilizzo con il pagamento di un canone mensile.