È raro veder circolare vetture autenticamente storiche dotate della propria targa di origine, capita invece di vedere vetture storiche dotate di targhe moderne; questo perché la vigente normativa non permette di re-immatricolare vetture storiche con una targa in “formato” storico e coloro che se ne fanno realizzare una appositamente non possono circolare se non in luoghi privati.

Il mercato delle targhe storiche però è piuttosto vivace e popolato di aziende private che ne realizzano appositamente su commissione o in base a un campionario già prodotto. Si tratta, in questo caso, di aziende che producono anche targhe decorative e riproduzioni d’epoca per i collezionisti.

Qualche cenno storico sulle targhe storiche a e targhe decorative

In Italia, le prime targhe furono emesse nel 1903 e riportavano il nome per esteso della provincia e un numero di immatricolazione progressivo. Dal 1905 al 1927, le targhe riportavano due numeri rossi che identificavano la provenienza (per es.: Milano 38, Roma 55, Napoli 40, Torino 63) e una serie di cifre in nero di numero crescente. Le targhe venivano rilasciate dalla procura e realizzate a mano dal proprietario della vettura, per questo motivo erano molto diverse tra loro.

Durante il periodo fascista, dal 1927 al 1932 e dal 1933 al 1943, le targhe erano incise su una sola riga, scritta bianca su fondo nero e il numero davanti alla sigla della provincia, solo Roma era scritta per esteso. Nel decennio 1933-’43, le targhe erano scritte su due righe e su quelle posteriori era riportato il fascio littorio. Su quelle anteriori, invece, compariva il simbolo del CONI (Comitato Olimpico) che le produceva trattenendo i proventi della vendita. Tutte le targhe precedenti il 1927 furono sostituite con le nuove pur mantenendo lo stesso numero.

Dopo la guerra, dalle targhe fu abolito il fascio, ma mantenuto sulle anteriori il simbolo del CONI (rombo con la scritta CONI all’interno). Dal 1948 al 1976 le “novità” sulle targhe riguardano l’introduzione del simbolo della Repubblica Italiana, l’adozione di un carattere più lineare e leggibile, mentre si mantenne la scritta bianca su fondo nero.

Ci fu il passaggio dalla targhe in metallo a quelle in plastica che si rivelarono meno resistenti e facilmente deformabili.
Dal 1976 al 1985 le novità introdotte riguardano le sole targhe posteriori con il cambiamento di colore (arancione) della sigla della provincia, e composta da due parti: una che riportava solo la provincia e l’altra che riportava il numero di targa con, a sinistra, la sigla in caratteri minuscoli della provincia e il sigillo della Repubblica italiana. La targa si poteva “montare” su una riga o su due.

Cosa sono le targhe decorative

targhe storiche

Le targhe decorative appartengono al mondo dei collezionisti, vi sono quelle che riproducono le targhe delle vetture americane, o targhe personalizzate con nomi propri e sfondi colorati, targhe che ricordano eventi storici o nomi di veicoli “mitici” come la Harley Davidson o la Cadillac. Le targhe sono principalmente realizzate in plastica, alluminio o ferro.

La re-immatricolazione delle targhe storiche

Nel 2010 in attuazione della direttiva europea 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, è stato emanato il decreto con le nuove norme che regolano la circolazione delle auto storiche, prima fra tutti la revisione biennale e non più annuale e la possibilità di ritargare l’auto storica anche se è stata radiata o non abbia più i documenti.

Vi possono essere molte ragioni per cui ci si può imbattere in un veicolo storico non immatricolato:

  • radiato d’ufficio;
  • ritirato dalla circolazione;
  • custodito in un’area privata;
  • portato in demolizione;
  • sia di origine sconosciuta;
  • proveniente dall’estero.

In tutti questi casi, è possibili “riabilitare” una vettura storica e re-immatricolarla.

Cosa fare per riabilitare l'auto storica?

Per circolare con un veicolo storico occorre prima iscriverlo al registro ASI, sottoporlo a una verifica sulla funzionalità e autenticità delle parti meccaniche e del telaio, farsi rilasciare una dichiarazione e autocertificare la corretta conservazione del veicolo con data e luogo del ritrovamento e modalità di conservazione.
Con questa documentazione, occorre far revisionare il veicolo. La domanda si inoltra al

  • Centro Prova Autoveicoli (CPA) per le vetture costruite prima del 1° gennaio 1960;
  • Ufficio della Motorizzazione Civile (UMC) per le vetture costruite dopo il 1° gennaio 1960.

Se il collaudo è superato, la Motorizzazione rilascia al proprietario i documenti di circolazione e la targa nuova.

Nel caso di auto radiata, oltre alla dichiarazione di avvenuto “restauro e collaudo”, occorre indicare nell’autocertificazione sulla buona conservazione del veicolo, gli anni trascorsi dalla data di cancellazione al PRA.

Se la vettura, invece, è stata custodita in un’area privata, ritirata dalla circolazione o portata in demolizione, occorre presentare l’estratto cronologico del PRA o il certificato di cancellazione e per i veicoli cancellati dal 30 giugno 2008, è necessario indicare il “centro di raccolta o demolitore” al quale la vettura era stata consegnata.
In questi casi, se si possiedono le vecchie targhe è possibile riattivarle con l’annotazione sul libretto di circolazione originario della dicitura: “Riammesso alla circolazione in data…”. Altrimenti, la motorizzazione emette un nuovo libretto e nuove targhe.

Per le auto storiche provenienti dall’estero – per procedere alla nazionalizzazione del veicolo -, bisognerà avere in mano i documenti esteri originari e informare lo Stato di provenienza della vettura dell’avvenuta nuova immatricolazione in Italia.


Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie per le auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Nuova Fiat 500X Sport: opinioni e recensione

fiat-500x-sport-2019.webp

Arriva un nuovo membro della famiglia Fiat 500X, il nuovo modello 500xSport si presenta con un assetto più sportivo e aggressivo. La Fiat 500X Sport è dedicata a tutte le persone che amano lo stile della Fiat 500 ma desiderano entrare in un auto più spaziosa, energica e a tratti aggressiva. I dettagli fanno la differenza, per questo motivo è stato integrato nella carrozzeria uno splitter anteriore.

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Auto per disabili usate: ecco alcune idee per risparmiare

Le auto per disabili sono veicoli adibiti al trasporto di persone che possono avere gravi handicap fisici e psichici; si tratta di automobili realizzate con particolari allestimenti ed optional che facilitino il trasporto dei disabili: munite di pedane per sollevare le carrozzine o altri congegni in grado di aiutare le persone affette da particolari disturbi ed handicap a salire agevolmente in macchina e viaggiare in tranquillità

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Ford a Torino: come trovarli?

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Ford a Napoli: quale concessionario scegliere? Ecco alcune idee

Ford a Napoli

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Leggi anche...

Autoscuole a Bologna: a chi rivolgersi?

Quando arriva il momento di iscriversi ad una scuola guida per conseguire la patente, spesso, si ha qualche dubbio sulla scelta di quella migliore. 
In ogni città o paese sono presenti numerose autoscuole: il primo passo da compiere è quello di recarsi presso quelle più vicine a casa, o più facili da raggiungere, per chiedere informazioni. 

Leggi anche...

Candele di accensione: come sceglierle e come sostituirle

Candele di accensione

Nei motori la candela d'accensione, inserita nella testa di ognuno dei cilindri, genera la scintilla che avvia la combustione della carica fresca. Alla candela viene applicata una tensione di migliaia di volt generata dalla bobina.

Leggi anche...

ACI Bari: indirizzi e recapiti degli uffici

ACI sta per “Automobile Club Italia”. L'istituzione si pone come il punto di raccordo fra l'utente delle automobili e le problematiche concernenti il mondo delle quattro ruote e la sua burocrazia.

Go to Top