A partire dal 1 settembre 2014 è entrata in vigore la nuova normativa EURO 6 per tutti i nuovi modelli di auto venduti nell'Unione Europea. In pratica con la siglasi va a identificare un insieme di nuovi standard europei sulle emissioni inquinanti. L'obbligo di adattare la propria vettura agli standard è entrato in vigore invece a partire dal 2016.

Normativa antinquinamento euro 6

Di fronte alle nuove direttive europee, le case automobilistiche stanno progettando modelli di auto sempre più ecologiche. Sia per rispettare i limiti imposti dalla normativa, sia per stare al passo con le successive modifiche. Le nuove auto montano dei motori efficienti e con bassi consumi ed emissioni. Ciò è possibile grazie ai turbocompressori e all’iniezione diretta del carburante.

Primi modelli Euro 6

Attualmente esistono già alcune case automobilistiche che hanno in produzione per il 2011 i primi modelli di auto Euro 6: si tratta dei modelli Audi A4, TT e Q7, dei modelli BMW serie 3, serie 5 e serie 7, e dei modelli Mercedes E, S, R, M e GL.

Alcuni costruttori mirano, invece, alla produzione di auto elettriche, quali il gruppo Renault-Nissan, Wolkswagen e ibride come Toyota e Honda. Di seguito menzioniamo le prime dieci auto più ecologiche che è possibile trovare sul mercato:

  • Opel Ampera e Chevrolet Volt: avendo un motore elettrico più benzina, emettono solo 27 g/km di CO2;
  • Toyota Yaris 1.5 HSD: emette 79 g/km di CO2 con un motore benzina più elettrico;
  • Tre auto che hanno un motore a metano ed emettono 79 g/km di CO2: Seat Mii 1.0 Ecofuel, Skoda Citigo 1.0, Volkswagen Up! 1.0 Eco;
  • Renault Clio 1.5 dCi Ecobusiness con un motore diesel emette 83 g/km di CO2;
  • Toyota Auris 1.8 HSD Active Eco: produce 84 g/km di CO2 e ha un motore benzina più elettrico;
  • Renault Twingo 1.5 dCi: la versione diesel produce 85 g/km di CO2;
  • Smart Cdi: il motore diesel emette 86 g/km di anidride carbonica.

Incentivi Euro 6

Dal 31 dicembre 2013 gli Stati membri della comunità Europea possono introdurre incentivi finanziari per l’acquisto di veicoli a motore secondo le norme Euro 6. Le agevolazioni saranno molto utili poiché il prezzo delle auto aumenterà a seguito di questi adattamenti. Infatti, se da una parte le auto saranno meno inquinanti, dall’altra il prezzo lievita. I produttori hanno stimato una maggiorazione compresa tra i 600 e i 1000 euro sul prezzo base.

L’incentivo è pari al 20% del costo totale dell’auto, imposte escluse, fino ad una cifra massima di 5.000 euro per i veicoli con riduzione delle emissioni fino a 50 g/km. Mentre per i veicoli con emissione fra 51 e 95 g/km il contributo è di 4.000 euro. Nel 2015, il valore dell’incentivo sarà del 15%.

Per usufruire dello “sconto” sull’acquisto del nuovo bisogna rivolgersi ai quei rivenditori che hanno a disposizione i contributi dati dal governo. Infatti, questi saranno erogati fino ad esaurimento della somma stanziata dallo Stato.

Regole di certificazione

Le regole di certificazione sono contenute nel seguente Atto della CE: Regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009. In particolare, il riferimento all’accesso alle informazioni relative a riparazioni e manutenzione del veicolo rappresenta un punto importante. Queste devono poter essere reperite facilmente per sostenere la libera concorrenza del mercato. Infatti, coloro che si occupano di riparazioni possono avere un accesso facile e gratuito alle informazioni pubblicate sul sito del costruttore.

Cosa fissava invece la normativa Euro 5?

La normativa per le Auto Euro 5 fissa dei nuovi limiti per i gas di scarico delle automobili. La normativa è entrata in vigore obbligatoriamente per le vetture omologate da settembre 2009.

La nuova disposizione apporta dei limiti soprattutto per i veicoli diesel. Anche gli effetti sulle potenze quindi sono più sostanziali per i veicoli diesel. La normativa ha lo scopo di evitare al minimo l'uso di dispositivi e additivi come l'AdBlue per i veicoli non a benzina. Le auto Euro 5 non dovrebbero apportare cambiamenti sulle potenze, ma forse potrebbero risentirne i valori di coppia. Le riprese di un veicolo risultano infatti più tranquille.

Le vetture diesel saranno assoggettate al limite di 0,18 grammi di ossido d'azoto (NOx) per km (il limite per la normativa Euro 4 era 0,25 g/km). Cambieranno anche i limiti per l'emissione di particolato (PM) da 0,025 grammi per km si passerà a 0,005 grammi con la normativa Euro 5.

Per le auto a benzina, la normativa Euro 5 fissa le emissioni di NOx (ossido fi azoto) a 0,60 grammi invece che 0,80 definite con la normativa Euro 4.

Per scoprire quali sono gli Standard Europei relativi alle Emissioni inquinanti, ti suggeriamo l'approfondimento che indentifica i livelli degli standard fissati in ambito comunitario.

Modelli omologati Euro 5

Audi

A3 2.0 TDI,
TT 2.0 TFSI e TTS,
A4 1.8 TFSI, 2.0 TDI, 2.7 TDI, 3.0 TDI,
A5 2.7 TDI, 3.0 TDI,
Q7 3.0 TDI.

BMW

118d e 120d,
(dal 2009) 520d.

Chrysler/Jeep/Dodge

L'omologazione è attiva su tutti i veicoli a benzina (tranne Grand Cherokee SRT8) e per i diesel solo su Compass 2.0 CRD e 300 C 3.0 CRD.

FIAT

Bravo 1.6 Multijet 16V DPF, 105 CV e 120 CV,
500.

Honda

tutti i veicoli ACCORD.

Mercedes - Benz

E300 Bluetec (conforme alla normativa Euro 6).

Skoda

Superb 1.4 TSI, 1.8 TSI, 2.0 TDI, 3.6 FSI.

Volkswagen

Tiguan TDI,
Passat TDI e CC TDI,
Phaeton V6 TDI,
Scirocco TDI.

Gli standard europei

Gli standard europei rappresentano delle limitazioni imposte sulle emissioni inquinanti delle auto vendute degli Stati membri dell'Unione Europea. Sono identificati con la sigla Euro- seguita da un numero. Sono stati introdotti dalla Comunità Europea e hanno delle caratteristiche sempre più restrittive, che controllano le emissioni dei veicoli, misurate in g/kWh per i veicoli commerciali pesanti e in g/km per gli altri veicoli.

Ad uno standard possono collegarsi più codici diversi riportati sul libretto di circolazione. Alcune città possono ostacolare la circolazione ai veicoli al di sotto di un certo standard. Il blocco spesso grava su tutte le autovetture diesel e benzina fatta eccezione per i mezzi di servizio e le auto a combustibile alternativo. In certi casi le eccezioni ai blocchi autorizzano la circolazione ai veicoli più recenti.

Elenco degli standard

Euro 1 - 1992
Euro 2 - 1995
Euro 3 - 1999
Euro 4 - 2005
Euro 5 - 2008
Euro 6 - 2014


Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Aste giudiziarie auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Aste giudiziarie auto a Modena: un’opportunità per fare buoni affari

Non si tratta di un percorso consueto quello di pensare di partecipare ad un’asta giudiziaria per poter acquistare un’automobile o altro bene in buone condizioni e magari anche di un certo pregio; ma è pur sempre una modalità attuabile.

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Acquisto auto in leasing: scopri come fare

Nell'ambito dell'acquisto delle automobili, esiste una particolare pratica di finanziamento molto diffusa e utilizzata, ovvero il leasing. Questo termine, in generale, definisce una forma contrattuale di finanziamento attraverso la quale il soggetto, definito locatore, concede ad un un altro soggetto, definito utilizzatore, il diritto di utilizzare un qualsivoglia bene, ricambiando tale utilizzo con il pagamento di un canone mensile.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionari Peugeot del Veneto: qualche consiglio

É recente la notizia di una nuova vita in casa Pegeot. L’azienda francese che gestisce anche Citroen, ha acquistato per poco più di 1 miliardo di euro il marchio Opel, direttamente dal gruppo General Motors.

Concessionari BMW a Torino: alcune indicazioni

Quando si parla di auto di lusso, il nome BMW è tra i primi che viene in mente; il marchio tedesco si è sempre contraddistinto, nella sua storia, per l'eleganza dei suoi modelli e per la solidità della meccanica e del motore, e i concessionari di Torino offrono ai piemontesi la possibilità di verificare con i propri occhi quanto questo sia vero.

Concessionari Citroen a Milano e provincia: a chi rivolgersi?

La casa automobilistica Citroen, presente a Milano grazie ai numerosi concessionari, è stata fondata nel 1919, o meglio è diventata tale in seguito alla trasformazione della precedente industria di materiale meccanico e militare. 

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Palermo (e in Sicilia in generale)

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi anche...

Cerchi MAK: le opinioni degli automobilisti

I cerchi MAK vengono scelti con frequenza dagli automobilisti perché coniugano design ricercato e affidabilità: ecco quali sono le opinioni di chi li acquista. I cerchi MAK rappresentano una delle scelte più diffuse fra gli automobilisti, poiché si tratta di prodotti di design che coniugano elevata qualità e affidabilità. L’azienda italiana con sede a Brescia ha saputo conquistare un’ampia fetta di mercato grazie a cerchioni in lega realizzati con materiali altamente qualitativi e dalle linee moderne ed innovative, infatti fra i pregi principali dei cerchi MAK troviamo il disegno e le geometrie dei diversi modelli, che caratterizzano immediatamente le auto su cui vengono montati.

Leggi anche...

ACI a Venezia: informazioni e contatti pronti all'uso

Chi ha bisogno di sbrigare le pratiche legate alla propria autovettura nel capoluogo veneto, può fare riferimento agli sportelli dell’Automobile Club Italiano: il personale a vostra disposizione può venirvi incontro in merito alle principali attività “burocratiche” legate al possesso di una automobile.

Go to Top