A partire dal 1 settembre 2014 è entrata in vigore la nuova normativa EURO 6 per tutti i nuovi modelli di auto venduti nell'Unione Europea. In pratica con la siglasi va a identificare un insieme di nuovi standard europei sulle emissioni inquinanti. L'obbligo di adattare la propria vettura agli standard è entrato in vigore invece a partire dal 2016.

Normativa antinquinamento euro 6

Di fronte alle nuove direttive europee, le case automobilistiche stanno progettando modelli di auto sempre più ecologiche. Sia per rispettare i limiti imposti dalla normativa, sia per stare al passo con le successive modifiche. Le nuove auto montano dei motori efficienti e con bassi consumi ed emissioni. Ciò è possibile grazie ai turbocompressori e all’iniezione diretta del carburante.

Primi modelli Euro 6

Attualmente esistono già alcune case automobilistiche che hanno in produzione per il 2011 i primi modelli di auto Euro 6: si tratta dei modelli Audi A4, TT e Q7, dei modelli BMW serie 3, serie 5 e serie 7, e dei modelli Mercedes E, S, R, M e GL.

Alcuni costruttori mirano, invece, alla produzione di auto elettriche, quali il gruppo Renault-Nissan, Wolkswagen e ibride come Toyota e Honda. Di seguito menzioniamo le prime dieci auto più ecologiche che è possibile trovare sul mercato:

  • Opel Ampera e Chevrolet Volt: avendo un motore elettrico più benzina, emettono solo 27 g/km di CO2;
  • Toyota Yaris 1.5 HSD: emette 79 g/km di CO2 con un motore benzina più elettrico;
  • Tre auto che hanno un motore a metano ed emettono 79 g/km di CO2: Seat Mii 1.0 Ecofuel, Skoda Citigo 1.0, Volkswagen Up! 1.0 Eco;
  • Renault Clio 1.5 dCi Ecobusiness con un motore diesel emette 83 g/km di CO2;
  • Toyota Auris 1.8 HSD Active Eco: produce 84 g/km di CO2 e ha un motore benzina più elettrico;
  • Renault Twingo 1.5 dCi: la versione diesel produce 85 g/km di CO2;
  • Smart Cdi: il motore diesel emette 86 g/km di anidride carbonica.

Incentivi Euro 6

Dal 31 dicembre 2013 gli Stati membri della comunità Europea possono introdurre incentivi finanziari per l’acquisto di veicoli a motore secondo le norme Euro 6. Le agevolazioni saranno molto utili poiché il prezzo delle auto aumenterà a seguito di questi adattamenti. Infatti, se da una parte le auto saranno meno inquinanti, dall’altra il prezzo lievita. I produttori hanno stimato una maggiorazione compresa tra i 600 e i 1000 euro sul prezzo base.

L’incentivo è pari al 20% del costo totale dell’auto, imposte escluse, fino ad una cifra massima di 5.000 euro per i veicoli con riduzione delle emissioni fino a 50 g/km. Mentre per i veicoli con emissione fra 51 e 95 g/km il contributo è di 4.000 euro. Nel 2015, il valore dell’incentivo sarà del 15%.

Per usufruire dello “sconto” sull’acquisto del nuovo bisogna rivolgersi ai quei rivenditori che hanno a disposizione i contributi dati dal governo. Infatti, questi saranno erogati fino ad esaurimento della somma stanziata dallo Stato.

Regole di certificazione

Le regole di certificazione sono contenute nel seguente Atto della CE: Regolamento (CE) n. 595/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009. In particolare, il riferimento all’accesso alle informazioni relative a riparazioni e manutenzione del veicolo rappresenta un punto importante. Queste devono poter essere reperite facilmente per sostenere la libera concorrenza del mercato. Infatti, coloro che si occupano di riparazioni possono avere un accesso facile e gratuito alle informazioni pubblicate sul sito del costruttore.

Cosa fissava invece la normativa Euro 5?

La normativa per le Auto Euro 5 fissa dei nuovi limiti per i gas di scarico delle automobili. La normativa è entrata in vigore obbligatoriamente per le vetture omologate da settembre 2009.

La nuova disposizione apporta dei limiti soprattutto per i veicoli diesel. Anche gli effetti sulle potenze quindi sono più sostanziali per i veicoli diesel. La normativa ha lo scopo di evitare al minimo l'uso di dispositivi e additivi come l'AdBlue per i veicoli non a benzina. Le auto Euro 5 non dovrebbero apportare cambiamenti sulle potenze, ma forse potrebbero risentirne i valori di coppia. Le riprese di un veicolo risultano infatti più tranquille.

Le vetture diesel saranno assoggettate al limite di 0,18 grammi di ossido d'azoto (NOx) per km (il limite per la normativa Euro 4 era 0,25 g/km). Cambieranno anche i limiti per l'emissione di particolato (PM) da 0,025 grammi per km si passerà a 0,005 grammi con la normativa Euro 5.

Per le auto a benzina, la normativa Euro 5 fissa le emissioni di NOx (ossido fi azoto) a 0,60 grammi invece che 0,80 definite con la normativa Euro 4.

Per scoprire quali sono gli Standard Europei relativi alle Emissioni inquinanti, ti suggeriamo l'approfondimento che indentifica i livelli degli standard fissati in ambito comunitario.

Modelli omologati Euro 5

Audi

A3 2.0 TDI,
TT 2.0 TFSI e TTS,
A4 1.8 TFSI, 2.0 TDI, 2.7 TDI, 3.0 TDI,
A5 2.7 TDI, 3.0 TDI,
Q7 3.0 TDI.

BMW

118d e 120d,
(dal 2009) 520d.

Chrysler/Jeep/Dodge

L'omologazione è attiva su tutti i veicoli a benzina (tranne Grand Cherokee SRT8) e per i diesel solo su Compass 2.0 CRD e 300 C 3.0 CRD.

FIAT

Bravo 1.6 Multijet 16V DPF, 105 CV e 120 CV,
500.

Honda

tutti i veicoli ACCORD.

Mercedes - Benz

E300 Bluetec (conforme alla normativa Euro 6).

Skoda

Superb 1.4 TSI, 1.8 TSI, 2.0 TDI, 3.6 FSI.

Volkswagen

Tiguan TDI,
Passat TDI e CC TDI,
Phaeton V6 TDI,
Scirocco TDI.

Gli standard europei

Gli standard europei rappresentano delle limitazioni imposte sulle emissioni inquinanti delle auto vendute degli Stati membri dell'Unione Europea. Sono identificati con la sigla Euro- seguita da un numero. Sono stati introdotti dalla Comunità Europea e hanno delle caratteristiche sempre più restrittive, che controllano le emissioni dei veicoli, misurate in g/kWh per i veicoli commerciali pesanti e in g/km per gli altri veicoli.

Ad uno standard possono collegarsi più codici diversi riportati sul libretto di circolazione. Alcune città possono ostacolare la circolazione ai veicoli al di sotto di un certo standard. Il blocco spesso grava su tutte le autovetture diesel e benzina fatta eccezione per i mezzi di servizio e le auto a combustibile alternativo. In certi casi le eccezioni ai blocchi autorizzano la circolazione ai veicoli più recenti.

Elenco degli standard

Euro 1 - 1992
Euro 2 - 1995
Euro 3 - 1999
Euro 4 - 2005
Euro 5 - 2008
Euro 6 - 2014



Potrebbe interessarti

Il contralbero del motore: come funziona

Una delle componenti importanti del motore, ma spesso ignorata dai più, è il cosiddetto contralbero. Il contralbero, noto anche come albero di equilibratura, è una parte del motore necessaria per la riduzione delle vibrazioni del motore stesso.

Leggi tutto...

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Leggi tutto...

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Leggi tutto...

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Leggi tutto...

Noleggio a lungo termine o acquisto auto nuova? Quale conviene?

Acquistare un’auto diventa sempre più una scelta importante da effettuare perché oltre al costo di acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, bisogna aggiungere le spese di mantenimento, come la benzina, la manutenzione, l’assicurazione, le tasse e così via.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionarie Mercedes Roma: a chi rivolgersi?

Uno dei marchi automobilistici più conosciuti al mondo è senza dubbio Mercedes-Benz, anche per il connubio sportivo con McLaren che ha fatto di questo motore uno dei protagonisti dagli anni '70 in poi. Il simbolo universalmente noto è lo stemma della stella a tre punte, presente sui cofano di tutti i veicoli di questo marchio.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Emilia Romagna

Dal 2014 la storica azienda torinese ha vissuto un passaggio epocale nella propria storia: il marchio infatti si è trasformato in FCA, che nasce dalla fusione di FIAT con Chrysler con relativa quotazione alla borsa di Wall Street.

Leggi tutto...

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Leggi tutto...

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Leggi tutto...

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarla!

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari, anche a Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile di Torino: sede e orari

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sospensione della targa di un ciclomotore: come fare?

Può capitare ai possessori di un motorino o ciclomotore, spesso giovani, che dopo diversi anni vogliano acquistarne uno nuovo o addirittura passare ad una vera e propria automobile, una volta conseguita la patente di guida.

Leggi tutto...
Go to Top