Dopo aver parlato di Blocco auto, oggi vi parliamo delle Fatture Telepass. Con oltre 6 milioni di apparecchi circolanti e due milioni di transiti al giorno (e si parla di dati risalenti al 2008!), il Telepass consente a chi lo utilizza di percorrere la rete autostradale italiana senza il timore di dover sostenere le code chilometriche al casello.

All’uscita dell’autostrada il tratto percorso viene conteggiato dal sistema e il costo del pedaggio, senza alcuna maggiorazione, viene incluso nei costi delle fatture del Telepass che vengono addebitate al cliente.

Oltre ai costi del viaggio vengono addebitate al cliente altre spese: il canone di locazione e l’eventuale commissione della banca.

Fatture Telepass: cosa contengono?

Il Telepass viene rilasciato in locazione dalla Telepass S.p.A. e rimane una sua proprietà; il cliente pertanto non acquista l’apparecchio ma solo il suo utilizzo e paga nella fattura del Telepass un canone di locazione trimestrale di 3,75 euro, IVA inclusa.

A seconda della banca potrebbe essere prevista una spesa di commissione del valore comunque non superiore agli 1,55 euro, è compito del beneficiario del servizio informarsi presso la propria banca.

La fattura ha cadenza trimestrale e prevede per tutta la durata del periodo un tetto di 258,23 euro (o di 86 euro mensili per chi scelga di addebitare la spesa su di un conto BancoPosta), superato il quale la fatturazione diviene mensile con un pagamento di 3,72 euro fino al rientro dei termini prefissati.

Come visionare il documento?

La fattura del Telepass può essere visionata registrandosi al sito della società, per farlo bisogna:

  • accedere al sito telepass.it e registrarsi (ciccando su “registrati” dalla home in alto a destra);
  • immettere nel sistema i dati nel sistema inserendo il codice ID (il codice di 16 cifre ottenuto insieme all’aapparecchio), il nome dell’utente e la mail;
  • accettare i termini e le condizioni;
  • confermare la procedura.

Fatto questo sarà sufficiente tornare sulla pagina principale, inserire il nome utente e la password, scorrere le varie voci visionabili e cercare quella intitolata “le mie fatture”; si aprirà quindi una pagina con l’elenco ordinato di tutte le fatture (dalla prima all’ultima), liberamente scaricabili e stampabili.

Il servizio Family

Grazie al Telepass Family oltre 1.500.000 clienti possono percorrere le autostrade italiane senza doversi fermare a pagare al casello, grazie all’utilizzo di varchi dedicati che si aprono automaticamente al passaggio del mezzo.

Se questo può far risparmiare qualche minuto nei giorni infrasettimanali, nei periodi in cui gli italiani si spostano in massa per le vacanze beneficiare di una corsia privilegiata può portare a superare code chilometriche.

L’unico requisito per poter acquistarlo è di disporre di un conto postale o bancario sul quale addebitare le spese del pedaggio, tenendo presente che possono essere registrate due vetture per ogni apparecchio. Telepass Family è acquistabile nei Punti Blu o direttamente online se si possiede una carta di credito American Express, Agos o CartaSì o un conto presso la Banca della Toscana o il Monte dei Paschi di Siena.

Una volta attivato (solitamente in 5 giorni lavorativi) i clienti ricevono una fattura trimestrale comprendente l’importo dei pedaggi e il canone di locazione di 3,72 euro (IVA inclusa); qualora si superino i 258,23 euro di spesa su conto normale o gli 86,00 mensili per quello BancoPosta è prevista una quota di 3,72 euro al mese fino al rientro del tetto previsto.

Fatture Telepass online sul sito

La fattura è scaricabile dal sito telepass.it nella sezione riservata; quanti volessero ricevere la copia cartacea per posta insieme al riepilogo dei viaggi dovranno compilare il modulo relativo e pagare un costo di servizio di 0,56 euro IVA inclusa.

Montaggio dell'apparecchio

“Si alzerà o resterà abbassata?” Ogni cliente prova un certo disagio ad oltrepassare il casello ed abbondano storie più o meno reali di frontali con lo sbarramento.

Posto che la regola d’oro è di osservare il limite di 30 chilometri orari per l’attraversamento del varco, per azzerare i rischi ci sono alcune accortezze da rispettare:

  • il dispositivo va posizionato sul suo supporto nella parte superiore e centrale del parabrezza;
  • collocarlo sul cruscotto o tenerlo in mano, nel portaoggetti o in altre zone dell’auto non garantirà l’apertura della sbarra;
  • due o più dispositivi nella stessa vettura entrano in conflitto tra loro e possono non permettere un corretto scambio di informazioni con la stazione ricevente;

Come montare il Telepass Family sulle moto

Nel caso si utilizzi in moto, deve essere posizionato:

  • nel portaoggetti se di plastica;
  • sul manubrio utilizzando il sostegno acquistabile dai rivenditori autorizzati;
  • nel borsello mediante la tasca apposita.

Telepass Privati, Business e Truck

I Telepass si dividono sostanzialmente in tre grandi categorie: Privati, Business e Truck. I primi rappresentano la soluzione creativa dedicata ai privati, cioè a quelle persone non giuridiche e dunque fisiche che possiedono un proprio conto corrente all’interno di un istituto di credito italiano. La soluzione del telepass privato è concepita per dare la disponibilità ad un massimo di 2 veicoli, associando le rispettive targhe. Questo significa che se si possiedono due veicoli intestati ad un soggetto che sfrutta il veicolo per diverse esigenze, questo non deve richiedere due dispositivi diversi, pagando quindi due canoni mensili. Il telepass business invece è finalizzato alle aziende e a quei liberi professionisti che, per motivi di lavoro, realizzano spostamenti in auto all’interno della rete autostradale italiana. Per tutti i servizi telepass per privati, si vanno ad aggiungere diversi vantaggi estremamente interessanti, soprattutto per chi viaggia per motivi di lavoro. Questi vantaggi sono:

  • Il risparmio del 10% sul costo totale del parcheggio all’interno dell’aeroporto di Fiumicino;
  • L’assistenza stradale h24 per mezzo del servizio di soccorso stradale garantito da Global Assistance;
  • Sconti e agevolazioni rispetto al noleggio di auto con Hertz, Europcar e Maggiore;
  • Risparmio nei punti vendita McArthurGlen;
  • Sconti in diversi autogrill, come Ristop, Autogrill, Mychef e Chef Express;
  • Diverse agevolazioni sulle assicurazioni auto.

Se possiedi già un Telepass, allora ottenere i vantaggi della versione Premium sarà molto semplice, perché basterà aggiungere 1,23 euro annuali al costo dell’abituale canone mensile. Se invece si possiede la tessera Viacard, allora si potrà associare un dispositivo aggiungendo solo 1,03 euro.

Infine è stato introdotto il telepass truck. Questa tipologia di telepass è stato finalizzato e dedicato alle aziende che si occupano di trasporti. I camion nello specifico sono quelli con un peso superiore ai 25 quintali ed effettuano dei viaggi anche oltre i confini italiani. Per mezzo del Telepass EU è inoltre possibile sfruttare i servizi Telepass in ben 7 paesi europei, tra cui Austria, Spagna, Portogallo, Francia, Belgio e Polonia.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Bagagli ingombranti e auto: cosa dice la legge?

Conoscere il Codice della Strada è fondamentale per evitare sanzioni, soprattutto perché, com’è noto, la legge non ammette ignoranza. La questione del trasporto di bagagli sulle barre portatutto è importante non solo per ciò che dice la legge ma anche per una questione di sicurezza del viaggio e di consumo di carburante. Se per l’acquisto di un nuovo modello puoi dare uno sguardo su BarrePortatutto.it, per conoscere meglio la legge continua a leggere il nostro approfondimento