Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. In linea di massima è sempre consigliabile rivolgersi ad un concessionario di auto usate, sia per la vendita della vettura di proprietà, sia per la scelta di quella che la sostituirà.

Le motivazioni sono varie, tra cui possiamo enumerare la possibilità di ottenere maggiori vantaggi da una permuta, o anche il fatto che sarà il professionista a pensare a tutte le pratiche burocratiche da effettuare in queste situazioni.

La valutazione dell’usato

Ciò che ci preoccupa quando stiamo per rivendere la nostra vettura usata è sempre il medesimo problema: ottenere una buona valutazione. In molti casi ci si fa attirare dagli sconti proposti nel caso in cui si scelga una vettura nuova, come le supervalutazioni o gli incentivi alla rottamazione.

Non sempre questo tipo di offerta è la migliore possibile, soprattutto se la macchina che possediamo non è vecchissima; tali sconti infatti sono di entità misera se si considera il valore di una vettura che ha solo qualche anno, che è in ottimo stato di conservazione e che abbia avuto tutta la manutenzione necessaria. Se si desidera scegliere invece un’auto usata, allora la proposta economica dipende da una serie di fattori, correlati al valore della macchina che si sceglie ma anche allo stato di conservazione della nostra automobile, quella che lasceremo al concessionario.

Verificate sempre tutto

Recarsi presso un concessionario di auto usate per scegliere una vettura è sempre una buona idea, anche perché questi professionisti ci garantiranno il prodotto che ci offrono, almeno per 1 anno. Si tratta quindi di mezzi controllati e verificati, la cui descrizione deve essere veritiera l 100%. Nel caso in cui si decida di scegliere invece un prodotto offerto da un privato cittadino si pososno trovare prezzi più interessanti, ma non è detto che il venditore ci dica tutta la verità su ciò che ci propone.

Sia che si decida di rivolgersi ad un privato, sia che ci rechi da un concessionario specializzato, è sempre consigliabile verificare ciò che ci offrono, controllando le varie parti della vettura che si possono maggiormente usurare con il passare del tempo e con l’utilizzo quotidiano. Il chilometraggio dovrà essere il più basso possibile, e ricordiamo che questo dato può essere certificato dal veditore, mentre il privato potrebbe aver manomesso l’indicatore. Inoltre la vernice non deve mostrare segni, la carrozzeria dovrà essere in buono stato, tutte le parti elettriche e meccaniche dovranno funzionare al meglio. In caso contrario potremo spuntare un prezzo di molto inferiore a quello pattuito inizialmente, in quanto il mezzo che ci stanno proponendo è diverso da quello offerto.

La scelta poi dipende dalle personali esigenze di ognuno; se si intende avere un autoveicolo da utilizzare saltuariamente, per pochi chilometri, possiamo approfittare delle offerte a basso prezzo.

Cosa bisogna verificare

Come detto e come anticipato l’acquisto di un’autovettura di seconda mano, sia da un privato che da un concessionario, necessita di alcune attenzioni particolari. Le cifre che giustamente vengono investite sono ingenti e la paura di rimanerci fregati è ampiamente comprensibile. Per questo motivo andiamo a vedere cosa consigliano gli esperti in termini di accortezze da prendere necessariamente:

  • Ruggine e umidità - uno dei problemi più comuni che spesso passa in cavalleria è quella inerente alla presenza di ruggine e dei danni provati dall’umidità e a tal proposito vi consigliamo vivamente di controllare anche la parte inferiore dell’automobile;
  • Carrozzeria – come detto precedentemente l’attenzione iniziale cade sulla carrozzeria. La stessa deve essere integra, priva di graffi e ammaccature e ovviamente le porte si devono chiudere in modo adeguato. Da controllare eventuali segni che possono indicare danni sul telaio;
  • Olio e fluido di trasmissione – dal punto di vista meccanico ci sarebbero tante e troppe cose da elencare per avere la certezza di fare un affare. Quello che vi consigliamo se non siete degli esperti nel settore è di verificare l’olio motore, il liquido dei freni e il fluido di trasmissione. Da verificare anche eventuali gocciolamenti che possono provenire dal motore.

Fare giustamente tutte queste verifiche può sembrare un compito troppo grande per chi di meccanica ne mastica poco. A tal proposito la soluzione migliore è quella di andare con il meccanico di fiducia dal venditore e fare provare direttamente l’autovettura allo stesso: meglio di lui, oggettivamente e se di fiducia, non ci può consigliare nessun’altro.

Nel caso in cui lo stesso meccanico dovesse riscontrare un qualcosa che non va o che comunque non gira come dovrebbe potete scegliere se abbandonare l’autovettura virando le attenzioni su altre macchine oppure potete provare a contrattare con il venditore. Ovviamente la scelta è personale e si basa su tanti fattori: mai essere approssimativi e superficiali.

Infine un’ultima nota che ci sentiamo di fare riguarda la garanzia: nel caso in cui si decidesse di acquistare un’auto da una concessionaria la legge ha previsto una Garanzia che ha validità 24 mesi per qualsiasi tipologia di problema di grave entità ma solo per quel che è la meccanica. Molti non lo sanno e si disperano ma due anni di garanzia non sono pochi...

Quali sono i pro e i contro dell’usato?

PRO:

  • Il prezzo di acquisto è più basso rispetto ad un’auto nuova e la svalutazione più lenta.
  • Se l’auto è stata usata poco, potrebbe essere ancora sotto garanzia o poter usufruire di programmi specifici di assistenza – molti produttori garantiscono l’auto per 5 anni o 100.000 chilometri.
  • Puoi usare l’auto liberamente e non essere sempre sulle spine come per quelle nuove – nel caso di graffi o ammaccature, qualche macchia alla tappezzeria, specie se hai figli o trasporti animali, riesci a passarci sopra con leggerezza.
  • Puoi comprare un’auto più sicura, più spaziosa, più potente, con optional migliori e più grande allo stesso prezzo di una nuova, di segmento inferiore.
  • Se compri un’auto di seconda mano da un concessionario con un programma di usato garantito, la vettura è in pratica nuova, con programmi di assistenza a lungo termine.
  • Se cambi auto regolarmente (ogni due anni circa), l’usato ha più senso perché le vetture di seconda mano perdono valore più lentamente.
  • Se compri un’auto da un privato ci sono meno costi di avviamento
  • L’assicurazione è decisamente più economica. Bonus!

CONTRO:

Affidabilità e libretto di assistenza. Magari il proprietario di un’auto usata ti venderà una vettura che non gli ha mai dato un grattacapo da quando è uscita dalla fabbrica, questo però non è una garanzia che non si guasterà qualcosa a distanza di una settimana dal passaggio di proprietà. Per stare tranquilli è bene controllare il libretto di manutenzione e verificare gli interventi fatti. Controlla che i tagliandi siano stati effettuati secondo le scadenze consigliate dalla casa produttrice e, qualora non siano stati eseguiti da un concessionario ufficiale, è bene verificare che sia almeno un’officina autorizzata per quella marca.

Hai minori possibilità di scelta in quanto a modello, tipo di motorizzazione e colore.

Come si può osservare, ci sono molto più pro che contro per quel che riguarda l’acquisto di una vettura usata.

Basta ricordarsi di rivolgersi a concessionarie ufficiali e professionali per evitare truffe di qualsiasi genere.


Potrebbe interessarti

Incentivi per le auto elettriche: cosa fanno per noi i produttori?

Le auto elettriche fanno parte della classe di vetture dette ecologiche, che utilizzano una fonte energetica alternativa alla benzina. Possono essere elettriche, ibride, a gpl, a metano, a idrogeno o a biocombustibili.

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Auto all'asta per privati: vediamo di che si tratta e come funziona

Auto all'asta per privati

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Autosupermarket: compravendita e offerte per auto

Uno dei principali siti italiani dedicati alla vendita e all'acquisto di automobili, è Autosupermarket.it. In questo sito italiano è possibile trovare tutte le migliori offerte di auto usato, ed è possibile trovare e vendere sia automobili usate che nuove, oltre ad avere a disposizione una panoramica su tutta una serie di offerte e occasioni di auto a km0.

Aste giudiziarie auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarle e come contattarle

concessionari mini a roma

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari Mini Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Concessionarie Audi a Roma: ecco dove andare

La casa automobilistica Audi fa parte attualmente del gruppo Volkswagen, ed è presente a Roma con diverse concessionarie. Venne fondata da August Horch nel 1909.

Leggi anche...

Motorizzazione di Torino: indirizzo della sede e orari

Motorizzazione di Torino

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi anche...

Guarnizioni per il settore automotive: caratteristiche e utilizzo

automotive.jpeg

Come vengono realizzate le guarnizioni automotive? Solitamente realizzate in gomma, esse vengono progettate a partire dalle caratteristiche del veicolo: in questo modo può essere sviluppato tutto il car set, che comprende le guarnizioni hard top, quelle per il finestrino, il giro porta, e così via. Il settore automobilistico rappresenta un campo di applicazioni molto ampio, e non di rado richiede prodotti in grado di garantire prestazioni elevate, in virtù delle sollecitazioni a cui essi sono sottoposti.

Leggi anche...

Normativa Euro 6: scopri i dettagli

A partire dal 1 settembre 2014 è entrata in vigore la nuova normativa EURO 6 per tutti i nuovi modelli di auto venduti nell'Unione Europea. In pratica con la siglasi va a identificare un insieme di nuovi standard europei sulle emissioni inquinanti. L'obbligo di adattare la propria vettura agli standard è entrato in vigore invece a partire dal 2016.

Go to Top