Può capitare ai possessori di un motorino o ciclomotore, spesso giovani, che dopo diversi anni vogliano acquistarne uno nuovo o addirittura passare ad una vera e propria automobile, una volta conseguita la patente di guida. A parte la spesa economica, diversi sono i passaggi burocratici che il proprietario deve effettuare per potersi "sganciare" dal vecchio motorino e passare eventualmente a quello nuovo o al veicolo a quattro ruote. Tra questi, fondamentale risulta essere il sospendere la targa del ciclomotore.

Tale operazione è importante, in quanto permette al proprietario del veicolo e possessore della stessa di poterla scindere dal mezzo e poterla poi usare, come spesso succede, su un ciclomotore nuovo che si andrà ad acquistare. Tutto ciò deve essere effettuato perchè la targa è personale e quindi legata al suo proprietario e non al mezzo, pertanto dovrà essere trasferita su quello nuovo. Naturalmente, questa operazione la si può eseguire anche nel caso non si voglia semplicemente più utilizzare il motorino. Scopriamo quali sono i passaggi da effettuare.

Vendita del veicolo

Come detto, la targa quadrata a 6 caratteri alfanumerici è personale, quindi collegata al suo possessore. Di conseguenza, per sospenderla (temporaneamente o definitivamente) bisogna consegnare, ad una qualsiasi agenzia per le pratiche automobilistiche o direttamente all'ufficio competente locale della Motorizzazione Civile, alcuni documenti e attestazioni di versamenti effettuati.

In particolare, si deve presentare il modello cartaceo TT2118, a cui abbinare il modulo "Allegato 2-bis" (compilati e sottoscritti); il certificato di circolazione del mezzo; una fotocopia di un documento di identità e annesso codice fiscale; i versamenti effettuati tramite due bollettini da 10,20 Euro e da 32 Euro (rispettivamente sul c/c n° 9001 il primo e su quello n° 4028 il secondo). A questo punto, si otterrà un certificato di sospensione, che il soggetto dovrà conservare e servirà nel caso si voglia acquistare un nuovo ciclomotore per riattivare la targa sospesa.

Una cosa importante è che, nel caso il richiedente sia minorenne, tale istanza deve essere sottoscritta da un genitore o dal tutore e vi si dovrà abbinare la fotocopia di un documento di riconoscimento dello stesso, naturalmente in corso di validità. Inoltre, i moduli ed eventuali allegati si possono trovare sia presso gli uffici della motorizzazione che online, sul Portale dell'Automobilista.

Effettuate tali operazioni, se contestualmente il mezzo verrà acquistato da un'altra persona, questa dovrà presentare, agli stessi uffici della Motorizzazione Civile, una serie di documenti simili a quelli già descritti in precedenza, a cui si deve aggiungere tuttavia anche la fotocopia del certificato di sospensione del veicolo, e relativi versamenti.

Sospensione volontaria della targa

Nell'eventualità in cui non si voglia mettere in vendita il ciclomotore, ma semplicemente sospendere la targa ad esso collegata, l'iter da seguire è praticamente lo stesso. Di conseguenza, consegna del consueto modello TT2118 e allegato 2-bis sottoscritti dal possessore della targa (se maggiorenne) oppure da un genitore o tutore (nel caso si sia in presenza di un minorenne), certificato di circolazione originale, a cui allegare poi fotocopia di un documento valido di riconoscimento con codice fiscale e le attestazioni dei versamenti effettuati.

Altri casi

Naturalmente si può effettuare tale procedura anche per altri situazioni, quali ad esempio per la vendita successiva da parte di un operatore commerciale oppure se si voglia esportare il mezzo o rottamarlo o, ancora, per la perdita del suo possesso (nell'ipotesi di furto). In tali casi, oltre ai consueti moduli da compilare e versamenti da effettuare, si possono aggiungere ulteriori documenti richiesti dalla stessa motorizzazione.

Nell'ipotesi della vendita da parte di un operatore commerciale, ad esempio, si deve presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà dell'impresa o della società. Nel caso di furto, invece, a dover essere presentata deve essere anche la denuncia effettuata agli organi di polizia o una dichiarazione comprovante tale denuncia. Nell'ipotesi di rottamazione o demolizione, poi, alla documentazione richiesta si deve abbinare quella prodotta dal centro di raccolta o dal concessionario o gestore della succursale, dove è stato portato il mezzo.


Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie auto a Modena: un’opportunità per fare buoni affari

Non si tratta di un percorso consueto quello di pensare di partecipare ad un’asta giudiziaria per poter acquistare un’automobile o altro bene in buone condizioni e magari anche di un certo pregio; ma è pur sempre una modalità attuabile.

Neopatentati: mai più utilitarie, è il momento del SUV

 049 Neopatentati mai più utilitarie è il momento del SUV

No, non è assolutamente detto che i neopatentati debbano necessariamente accontentarsi di auto poco brillanti, come tipicamente sono utilitarie e city car.

Fiat 500L Trekking: scopri la nuova 4x4 in miniatura!

Nonostante la difficile situazione del mercato europeo versi in grave crisi da ormai troppo tempo, Fiat ha ottenuto un buon successo di pubblico con il lancio della nuova 500L, una vettura che è stata in grado di trasferire lo spirito sbarazzino e simpatico della sua sorella minore a portata di famiglia.

Garanty.it: compra la tua auto usata e garantiscila con noi!

garantly.jpg

Hai idea di quanto potrebbero costarti dei danni meccanici alla tua auto usata? Ti chiariamo noi questi dubbi. Un guasto al motore ti potrebbe costare fino a 5000 euro, un problema al radiatore 500 euro, per riparare il cambio potresti spendere fino a 3500 euro, 1800 euro per sistemare la turbina e 2000 euro per problemi agli iniettori.

Modelli auto Kia: scopri tutte le novità

 

I modelli auto Kia vengono prodotti dalla casa automobilistica coreana, in particolare si tratta della prima azienda della Corea del Sud ad aver iniziato la produzione di modelli automobilistici.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Audi a Milano: dove trovare gli ultimi modelli

L’Audi è la casa automobilistica tedesca, fondata da August Horch nei primi anni del '900, oggi appartenente al gruppo Volkswagen. La vera spinta alla casa automobilistica dell'Audi risale al 1965, quando al salone di Parigi, la ditta presentò "Audi 72", un modello progettato e realizzato in prototipo dalla Daimler-Benz. Da lì seguì l'uscita dell'Audi 80 ricca di optional quali: abs, pretensionatore delle cinture di sicurezza, inedito motore a iniezione diretta da 112cv, dotabile anche di trazione integrale permanente.

Citroen a Milano e provincia: a quale concessionaria rivolgersi?

Citroen a Milano

La casa automobilistica Citroen, presente a Milano grazie ai numerosi concessionari, è stata fondata nel 1919, o meglio è diventata tale in seguito alla trasformazione della precedente industria di materiale meccanico e militare. 

Concessionari Fiat a Napoli: a chi rivolgersi

Il nome della Fiat ha acquistato sempre più importanza nel mercato dell'automobile, fino ad attestarsi tra i primi dieci produttori di auto nel mondo; il successo costante delle auto del Lingotto, stabilimento Fiat per antonomasia, ha portato ad un allargamento che, ad oggi, include marchi di notevole prestigio come Lancia ed Alfa Romeo.

Leggi anche...

Autoscuole a Bologna: a chi rivolgersi?

Quando arriva il momento di iscriversi ad una scuola guida per conseguire la patente, spesso, si ha qualche dubbio sulla scelta di quella migliore. 
In ogni città o paese sono presenti numerose autoscuole: il primo passo da compiere è quello di recarsi presso quelle più vicine a casa, o più facili da raggiungere, per chiedere informazioni. 

Leggi anche...

Interfono per moto: ecco come scegliere il migliore

moto-strada.jpg

Si tratta di uno strumento che semplifica la vita in maniera determinante ai motociclisti, ma è così facile effettuare una scelta adeguata? Veniamo nel dettaglio alcune informazioni basilari.

Leggi anche...

Fatture Telepass: come visionarle?

Con oltre 6 milioni di apparecchi circolanti e due milioni di transiti al giorno (e si parla di dati risalenti al 2008!), il Telepass consente a chi lo utilizza di percorrere la rete autostradale italiana senza il timore di dover sostenere le code chilometriche al casello.

Go to Top