Può capitare ai possessori di un motorino o ciclomotore, spesso giovani, che dopo diversi anni vogliano acquistarne uno nuovo o addirittura passare ad una vera e propria automobile, una volta conseguita la patente di guida. A parte la spesa economica, diversi sono i passaggi burocratici che il proprietario deve effettuare per potersi "sganciare" dal vecchio motorino e passare eventualmente a quello nuovo o al veicolo a quattro ruote. Tra questi, fondamentale risulta essere il sospendere la targa del ciclomotore.

Tale operazione è importante, in quanto permette al proprietario del veicolo e possessore della stessa di poterla scindere dal mezzo e poterla poi usare, come spesso succede, su un ciclomotore nuovo che si andrà ad acquistare. Tutto ciò deve essere effettuato perchè la targa è personale e quindi legata al suo proprietario e non al mezzo, pertanto dovrà essere trasferita su quello nuovo. Naturalmente, questa operazione la si può eseguire anche nel caso non si voglia semplicemente più utilizzare il motorino. Scopriamo quali sono i passaggi da effettuare.

Vendita del veicolo

Come detto, la targa quadrata a 6 caratteri alfanumerici è personale, quindi collegata al suo possessore. Di conseguenza, per sospenderla (temporaneamente o definitivamente) bisogna consegnare, ad una qualsiasi agenzia per le pratiche automobilistiche o direttamente all'ufficio competente locale della Motorizzazione Civile, alcuni documenti e attestazioni di versamenti effettuati.

In particolare, si deve presentare il modello cartaceo TT2118, a cui abbinare il modulo "Allegato 2-bis" (compilati e sottoscritti); il certificato di circolazione del mezzo; una fotocopia di un documento di identità e annesso codice fiscale; i versamenti effettuati tramite due bollettini da 10,20 Euro e da 32 Euro (rispettivamente sul c/c n° 9001 il primo e su quello n° 4028 il secondo). A questo punto, si otterrà un certificato di sospensione, che il soggetto dovrà conservare e servirà nel caso si voglia acquistare un nuovo ciclomotore per riattivare la targa sospesa.

Una cosa importante è che, nel caso il richiedente sia minorenne, tale istanza deve essere sottoscritta da un genitore o dal tutore e vi si dovrà abbinare la fotocopia di un documento di riconoscimento dello stesso, naturalmente in corso di validità. Inoltre, i moduli ed eventuali allegati si possono trovare sia presso gli uffici della motorizzazione che online, sul Portale dell'Automobilista.

Effettuate tali operazioni, se contestualmente il mezzo verrà acquistato da un'altra persona, questa dovrà presentare, agli stessi uffici della Motorizzazione Civile, una serie di documenti simili a quelli già descritti in precedenza, a cui si deve aggiungere tuttavia anche la fotocopia del certificato di sospensione del veicolo, e relativi versamenti.

Sospensione volontaria della targa

Nell'eventualità in cui non si voglia mettere in vendita il ciclomotore, ma semplicemente sospendere la targa ad esso collegata, l'iter da seguire è praticamente lo stesso. Di conseguenza, consegna del consueto modello TT2118 e allegato 2-bis sottoscritti dal possessore della targa (se maggiorenne) oppure da un genitore o tutore (nel caso si sia in presenza di un minorenne), certificato di circolazione originale, a cui allegare poi fotocopia di un documento valido di riconoscimento con codice fiscale e le attestazioni dei versamenti effettuati.

Altri casi

Naturalmente si può effettuare tale procedura anche per altri situazioni, quali ad esempio per la vendita successiva da parte di un operatore commerciale oppure se si voglia esportare il mezzo o rottamarlo o, ancora, per la perdita del suo possesso (nell'ipotesi di furto). In tali casi, oltre ai consueti moduli da compilare e versamenti da effettuare, si possono aggiungere ulteriori documenti richiesti dalla stessa motorizzazione.

Nell'ipotesi della vendita da parte di un operatore commerciale, ad esempio, si deve presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà dell'impresa o della società. Nel caso di furto, invece, a dover essere presentata deve essere anche la denuncia effettuata agli organi di polizia o una dichiarazione comprovante tale denuncia. Nell'ipotesi di rottamazione o demolizione, poi, alla documentazione richiesta si deve abbinare quella prodotta dal centro di raccolta o dal concessionario o gestore della succursale, dove è stato portato il mezzo.


Potrebbe interessarti

Auto per disabili usate: ecco alcune idee per risparmiare

Le auto per disabili sono veicoli adibiti al trasporto di persone che possono avere gravi handicap fisici e psichici; si tratta di automobili realizzate con particolari allestimenti ed optional che facilitino il trasporto dei disabili: munite di pedane per sollevare le carrozzine o altri congegni in grado di aiutare le persone affette da particolari disturbi ed handicap a salire agevolmente in macchina e viaggiare in tranquillità

Auto a km 0: una guida imperdibile per capirne a pieno il significato

 

Tra vetture nuove e usate c’è una terza via: l’auto a km0, dal prezzo di listino vantaggioso e dal contachilometri praticamente intatto La crisi non è ancora alle spalle, e basta guardare le principali rilevazioni economiche per rendersene conto. Soprattutto, resta un generalizzato calo dei consumi, particolarmente evidente nel settore delle vendite di automobili: in Italia, il 2013 si è chiuso con un totale di centomila vetture immatricolate in meno rispetto al già non brillante 2012.

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Auto sinistrate in vendita: ecco a chi rivolgersi?

Un gran numero d’incidenti avviene sulle strade cittadine e sulle grandi arterie stradali che collegano zone tra loro distanti all’interno delle metropoli moderne. Spesso negli spazi sterrati delle autodemolizioni si vedono auto incidentate, oltre a veicoli che sono giunti al termine della loro vita utile e quindi non sono più utilizzabili.

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Targhe storiche: possono essere usate per la re-immatricolazione?

È raro veder circolare vetture autenticamente storiche dotate della propria targa di origine, capita invece di vedere vetture storiche dotate di targhe moderne; questo perché la vigente normativa non permette di re-immatricolare vetture storiche con una targa in “formato” storico e coloro che se ne fanno realizzare una appositamente non possono circolare se non in luoghi privati.

Concessionari Citroen a Milano e provincia: a chi rivolgersi?

La casa automobilistica Citroen, presente a Milano grazie ai numerosi concessionari, è stata fondata nel 1919, o meglio è diventata tale in seguito alla trasformazione della precedente industria di materiale meccanico e militare. 

Leggi anche...

Autoscuole a Firenze: a chi rivolgersi? Ecco i contatti

Riportiamo una lista delle migliori Autoscuole di Firenze che si occupano di corsi e pratiche relative ad ogni tipo di patente. Presenti i link delle strutture e gli indirizzi. L'elenco verrà costantemente aggiornata e monitorata.

Leggi anche...

Kit per la sicurezza in auto: ecco cosa serve!

Ogni Stato della Comunità Europea ha stabilito negli ultimi anni quali siano i dispositivi obbligatori da inserire nei kit per la sicurezza in auto.

Leggi anche...

Pagamento bollo ACI: tutte le informazioni

L'ACI è l'automobile Club d'Italia. Fondato nel 1905, ha seguito e sostenuto negli anni l'evoluzione dell'automobile in Italia.

Go to Top