I segnali stradali sono necessari per regolamentare il traffico e dare indicazioni agli utenti della strada. Possono essere suddivisi a seconda della loro funzione in:

  • verticali;
  • orizzontali;
  • manuali;
  • luminosi;
  • pannelli complementari.

Fra quelli verticali possiamo considerare i segnali di divieto. Si tratta di una serie di cartelli circolari, prevalentemente con contorno rosso e fondo bianco, e comunque sempre caratterizzati dalla presenza di questi due colori e di altri simboli che vanno ad indicare il tipo di divieto come ad esempio quello di voltare a destra o voltare a sinistra.

I principali tipi di "pannelli"

Noti anche come cartelli stradali, possono essere suddivisi ulteriormente in:

  • segnali di pericolo: di forma triangolare, con il vertice rivolto verso l'alto, servono a indicare un punto pericoloso per diverse motivazioni, e sono posti a 150 mt dal pericolo, così che si abbia il tempo di rallentare.
  • segnali di indicazione: sono di forma quadrata o rettangolare e forniscono al guidatore informazioni utili sulla città.
  • segnali di prescrizione;

Questi ultimi di prescrizione sono suddivisi ancora in

  • segnali di precedenza, di diverse forme e colori, indicano chi deve dare la precedenza in determinati punti della strada;
  • segnali di divieto: sono segnali stradali tondi, bianchi con bordo rosso ad eccezioni di quelli riferiti alla fermata e alla sosta. Vietano a veicoli e pedoni determinati comportamenti pericolosi.
  • segnali di obbligo: sono tondi, di colore blu, con un simbolo all'interno indicante la direzione da seguire, ad esclusione dei segnali stradali di ALT, POLIZIA e DOGANA. Questi segnali indicano la direzione obbligatoria da seguire o l'obbligo da seguire.

Vediamo nel dettaglio i principali segnali di divieto

46 - divieto di transito: vieta l'ingresso in una strada. Può avere applicazione limitate ad alcune categorie di veicoli oppure la circolazione può essere limitata nel tempo.

47 - senso vietato: impossibilita l'entrata in una strada. accessibile esclusivamente dall'altra parte.

48 - divieto di sorpasso: viete il sorpasso dei veicoli a motore, eccetto i ciclomotori e i motocicli, anche se la manovra può compiersi entro la semicarreggiata (corsia) con o senza striscia continua.

49 - distanziamento minimo obbligatorio: vieta di seguire il veicolo che precede ad una distanza inferiore a quella indicata in metri sul segnale. Impone, quindi, una distanza minima di sicurezza.

50 - Limite massimo di velocità: vieta di superare la velocità indicata in Km/h.

51 - divieto di segnalazioni acustiche: vieta, salvo casi di pericolo immediato o trasporto di feriti e ammalati gravi, l'uso di avvisatori acustici.

52 - divieto di sorpasso per veicoli a massa a pieno carico di 3,5 tonnellate, non adibiti a trasporto di persone.

53 - divieto di transito ai veicoli a trazione animale.

54 - divieto di transito ai pedoni.

55 - divieto di transito ai velocipedi.

56 - divieto di transito ai motocicli.

57 - divieto di transito ai veicoli a braccia.

58 - divieto di transito a tutti gli autoveicoli.

59 - divieto di transito agli autobus.

60a - divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate.

60b - divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore al peso indicato.

Come viene segnalato l'obbligo?

I segnali di obbligo sono tondi, di colore blu, con un simbolo all'interno indicante la direzione da seguire, ad esclusione dei segnali stradali di ALT, POLIZIA e DOGANA. Questi cartelli indicano la direzione obbligatoria da seguire o l'obbligo da seguire, e rientrano nella categoria dei segnali di prescrizione.

Segnaletica orizzontale

Nell'ambito della segnaletica stradale, è molto importante conoscere la cosiddetta segnaletica orizzontale, ovvero tutta quella serie di segnali composti da strisce e scritte pitturate sulla pavimentazione stradale, con la funzione di prescrizione e indicazione necessaria a regolamentare la circolazione dei veicoli e dei pedoni.

Conoscere questo tipo di segnaletica, insieme a quella verticale, ci permette di guidare in maniera civile senza arrecare danno a cose o persone. Perciò è utile impararne il significato per la nostra sicurezza stradale e quella degli altri.
L’articolo 40 del Codice della Strada, approvato nel 1992 con D.L.vo n. 285, specifica e indica i vari tipi di segnali inclusi in questa categoria.

Ruolo dei segnali sull’asfalto

I segnali presenti sulle carreggiate permettono a tutti coloro che si mettono alla guida di vedere bene i percorsi stradali sia di giorno che di notte e in tutte le condizioni atmosferiche. I segnali orizzontali, a seconda di dove si trovano svolgono varie funzioni, ad esempio quelle ai margini laterali delle strade e quelle in mezzo danno un’indicazione sulla propria direzione di marcia. In generale, indicano i comportamenti da seguire.
Grazie a questo sistema di riferimento, il guidatore è facilitato nel controllo del proprio mezzo sia per mantenere la giusta traiettoria sia per evitare ostacoli. Per questo motivo, chi si occupa della manutenzione stradale è tenuto ad un costante rifacimento della segnaletica quando si consuma.

Tipologie

Come detto prima, il Codice della strada suddivide i segnali orizzontali in:

  • strisce longitudinali: a loro volta si suddividono in continue e discontinue. Entrambe separano due carreggiate, ma le prime vietano il sorpasso, mentre se sono presenti le seconde è possibile; inoltre possono apparire insieme, una continua affiancata da una discontinua, permettendo così il sorpasso;
  • strisce trasversali: anch’esse possono essere continue e discontinue, le prime indicano al conducente che bisogna fermarsi e dare la precedenza, mentre le seconde solo “dare la precedenza”;
  • attraversamenti pedonali o ciclabili: in prossimità delle strisce pedonali o vicino a quelle riservate ai ciclisti, i conducenti dei mezzi devono fermarsi e far passare i pedoni o i ciclisti;
  • frecce direzionali;
  • iscrizioni e simboli;
  • strisce di delimitazione degli stalli di sosta o per la sosta riservata;
  • strisce di delimitazione della fermata dei veicoli in trasporto pubblico di linea;

La presenza di questi segnali fornisce delle indicazioni su ciò che è vietato fare. Ad esempio, non è consentito circolare sopra le strisce longitudinali o sostare ai marigini delle strade dove è presente una striscia continua.

Colori dei segnali orizzontali

Le caratteristiche di forma, dimensioni, colori o simboli da utilizzare sono anch’esse regolate dal Codice e a cui devono attenersi i gestori delle strade. Il colore usato per la normale segnaletica è il bianco, con cui vengono dipinte ad esempio le strisce pedonali o le linee di limitazione delle corsie. Quella colorata di giallo serve a indicare le corsie preferenziali e i luoghi di sosta riservati, come ad esempio le aree dedicate al parcheggio per invalidi; il giallo viene anche usato per la segnaletica orizzontale provvisoria nei pressi di cantieri e lavori in corso.

Se troviamo delle strisce di colore blu, servono a delimitare gli spazi riservati ai parcheggi a pagamento o ai particolari categorie di veicoli. Oltre alle strisce pedonali che indicano la precedenza al passaggio dei pedoni, troviamo e strisce di mezzerìa, poste normalmente al centro della carreggiata a più corsie.

Possono essere strisce continue, ad indicare il divieto di sorpasso e di invasione della corsia opposta al senso di marcia: questo tipo di si trova ad esempio nei pressi di curve o altri punti pericolosi.

Le strisce tratteggiate invece indicano i punti in cui è consentito il sorpasso e l'invasione della corsia opposta al senso di marcia. Per mettere in evidenza la separazione dei due sensi di marcia, la segnaletica può essere costituita da una doppia striscia, continua oppure una continua e l'altra tratteggiata, ad indicare che la corsia dalla parte della linea tratteggiata può effettuare il sorpasso mentre l'altra no.


Potrebbe interessarti

Incentivi per le auto elettriche: cosa fanno per noi i produttori?

Le auto elettriche fanno parte della classe di vetture dette ecologiche, che utilizzano una fonte energetica alternativa alla benzina. Possono essere elettriche, ibride, a gpl, a metano, a idrogeno o a biocombustibili.

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Auto all'asta per privati: vediamo di che si tratta e come funziona

Auto all'asta per privati

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Autosupermarket: compravendita e offerte per auto

Uno dei principali siti italiani dedicati alla vendita e all'acquisto di automobili, è Autosupermarket.it. In questo sito italiano è possibile trovare tutte le migliori offerte di auto usato, ed è possibile trovare e vendere sia automobili usate che nuove, oltre ad avere a disposizione una panoramica su tutta una serie di offerte e occasioni di auto a km0.

Aste giudiziarie auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarle e come contattarle

concessionari mini a roma

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari Mini Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Concessionarie Audi a Roma: ecco dove andare

La casa automobilistica Audi fa parte attualmente del gruppo Volkswagen, ed è presente a Roma con diverse concessionarie. Venne fondata da August Horch nel 1909.

Leggi anche...

Motorizzazione di Torino: indirizzo della sede e orari

Motorizzazione di Torino

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi anche...

Guarnizioni per il settore automotive: caratteristiche e utilizzo

automotive.jpeg

Come vengono realizzate le guarnizioni automotive? Solitamente realizzate in gomma, esse vengono progettate a partire dalle caratteristiche del veicolo: in questo modo può essere sviluppato tutto il car set, che comprende le guarnizioni hard top, quelle per il finestrino, il giro porta, e così via. Il settore automobilistico rappresenta un campo di applicazioni molto ampio, e non di rado richiede prodotti in grado di garantire prestazioni elevate, in virtù delle sollecitazioni a cui essi sono sottoposti.

Leggi anche...

Normativa Euro 6: scopri i dettagli

A partire dal 1 settembre 2014 è entrata in vigore la nuova normativa EURO 6 per tutti i nuovi modelli di auto venduti nell'Unione Europea. In pratica con la siglasi va a identificare un insieme di nuovi standard europei sulle emissioni inquinanti. L'obbligo di adattare la propria vettura agli standard è entrato in vigore invece a partire dal 2016.

Go to Top