A partire dal primo giugno 2019 è diventato obbligatorio equipaggiare le auto di nuova produzione con la radio DAB digitale. Dal primo gennaio 2020 l’obbligo della radio DAB sarà esteso a tutte le radio vendute su ogni tipo di canale di vendita (da quello tradizionale a quello online). L’intento normativo è quello di decretare la scomparsa progressiva delle radio basate sulle vecchie frequenze AM e FM, frequenze che resteranno ancora per qualche tempo accese in Italia.

Fino alla fine del corrente anno 2019 sarà possibile acquistare un’auto priva di radio DAB digitale, successivamente sarà necessario adeguarsi alla normativa.

Radio DAB digitale: una tecnologia in evoluzione

In Italia, anche se le frequenze FM non andranno in pensione, il cambiamento più rilevante sarà quello di migliorare la qualità delle trasmissioni, grazie all’introduzione del Digital Audio Broadcasting, uno standard introdotto dal Legislatore a livello comunitario.

Anche se la radio DAB non è una novità in assoluto, i display sono più accattivanti ed esaustivi. Inoltre, la qualità sonora è decisamente migliore: il segnale subisce una compressione digitale ed è in grado di “trasportare” immagini e testi.

Oltre alle normali funzioni di ascolto canzoni, le radio DAB digitali sono predisposte per la ricezione di dati e servizi.

A fronte del miglioramento della qualità del suono si dovrà fare fronte ad un costo superiore. Non a caso alcuni brand hanno già incrementato i prezzi per offrire ai clienti la dotazione di serie (radio DAB digitale). Si stima che si potrà arrivare fino ad un esborso monetario di 450/500 euro.

Copertura del segnale, a che punto siamo?

Anche se la copertura del segnale non è ancora omogenea su tutto il territorio nazionale, per chi viaggia sui tratti autostradali, le trasmissioni digitali si ricevono senza alcun problema.

In particolare, ad essere avvantaggiate sono le regioni del Settentrione italiano (Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, etc.), ma anche quelle dell’Italia Centrale (Toscana, Lazio, Umbria, etc.).

Nel caso sfortunato in cui si circoli in un’area non coperta, la radio passa in automatico alla ricezione dello standard migliore.

Quali sono i vantaggi?

Tra i principali vantaggi della radio DAB digitale ricordiamo i seguenti:

  • migliore qualità sonora,
  • nel caso di non copertura l’autoradio si sintonizza sulle frequenze FM senza alcun problema,
  • minori interferenze sul segnale,
  • condivisione dello stesso canale a più segnali,
  • mantenimento della stazione in funzione della posizione del ricevente,
  • minor costo dell’impianto trasmettitore per canale,
  • introduzione di interessanti servizi multimediali innovativi quali DLS, PAD e N-PAD.

DAB e DAB+: le differenze

Quali sono le differenze che intercorrono tra la prima versione del DAB e la tecnologia DAB+.

La prima versione DAB aveva un bit rate di 128 kbit/s con un codec audio MP2. Nel 2007 l’Istituto europeo per gli standard nelle telecomunicazioni (ETSI) ha lanciato lo standard DAB+ che adotta l’algoritmo di compressione High Efficiency Advanced Audio Codec (HE-AAC).

Grazie a questa tecnologia, nel prossimo futuro la radio diventerà il vettore di numerosi servizi innovativi di grande valore aggiunto.

Come sostituire la vecchia radio e quanto costa 

Fermo restando l’obbligo sulle nuove auto di installare direttamente la radio digitale, se volessimo cambiare apparecchio sulla nostra vecchia vettura cosa dovremmo fare e, soprattutto, quanto ci verrebbe a costare? Andiamo per ordine. Se la nostra auto è recente non ci sarà bisogno di grossi interventi, ma con un piccolo budget possiamo optare per un sistema di infotainment innovativo che abbia un ingresso 2 din (180 x 100 mm), ovviamente verifichiamo sempre che siano predisposti a ricevere il segnale DAB+. Se invece non abbiamo intenzione di cambiare l’intero impianto, possiamo acquistare un sintonizzatore DAB+, ovvero un adattatore che permette di ascoltare il segnale digitale anche se abbiamo una radio analogica.

Badiamo bene, però, che il segnale DAB+ ha bisogno di un’antenna specifica, ce ne sono alcune decisamente economiche che vengono applicate sul parabrezza e sono praticamente invisibili. Ora passiamo al tasto dolente, ovvero i prezzi. Una radio digitale può avere un costo differente a seconda della tipologia e della qualità. Il range di prezzo in genere va da un minimo di 100 a un massimo di 200 euro. Anche per questo, questo tipo di radio è ancora poco diffusa in Italia. Inoltre, la radio digitale è ancora poco presente a livello di copertura di segnale. Un’altra motivazione per cui il sistema DAB non è ancora così diffuso in Italia è che non esiste un vero switch off delle frequenze analogiche in favore di quelle digitali. Gli unici Paesi ad aver abbandonato completamente la radio in FM e questo tipo di trasmissione in tutta Europa sono la Norvegia, che ha preso questa decisione fin dal 2017, e ora la Svizzera. Una tecnologia innovativa, quindi, ma ancora davvero poco amata e conosciuta non soltanto dagli italiani, per antonomasia i più pigri rispetto alle novità tecnologiche, ma anche nel resto del vecchio continente.



Potrebbe interessarti

Noleggio a lungo termine o acquisto auto nuova? Quale conviene?

Acquistare un’auto diventa sempre più una scelta importante da effettuare perché oltre al costo di acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, bisogna aggiungere le spese di mantenimento, come la benzina, la manutenzione, l’assicurazione, le tasse e così via.

Leggi tutto...

Nuova Fiat 500X Sport: opinioni e recensione

fiat-500x-sport-2019.webp

Arriva un nuovo membro della famiglia Fiat 500X, il nuovo modello 500xSport si presenta con un assetto più sportivo e aggressivo. La Fiat 500X Sport è dedicata a tutte le persone che amano lo stile della Fiat 500 ma desiderano entrare in un auto più spaziosa, energica e a tratti aggressiva. I dettagli fanno la differenza, per questo motivo è stato integrato nella carrozzeria uno splitter anteriore.

Leggi tutto...

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Leggi tutto...

Auto per disabili usate

Le auto per disabili sono veicoli adibiti al trasporto di persone che possono avere gravi handicap fisici e psichici; si tratta di automobili realizzate con particolari allestimenti ed optional che facilitino il trasporto dei disabili: munite di pedane per sollevare le carrozzine o altri congegni in grado di aiutare le persone affette da particolari disturbi ed handicap a salire agevolmente in macchina e viaggiare in tranquillità

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionari ufficiali Volkswagen del Veneto: i contatti

Se, per la vostra nuova auto, cercate il giusto connubio tra carattere sportivo ed eleganza ed affidabilità tedesca, il marchio Volkswagen è quello che fa per voi. Qui di seguito vi segnaliamo dei concessionari Volkswagen del Veneto a cui potete rivogelrvi per l'acquisto di un'auto nuova o usata.

Leggi tutto...

Concessionari Mercedes a Milano

Coloro che desiderano acquistare una Mercedes a Milano, non possono non recarsi nel Mercedes-Benz Center in via Gottlieb Daimler 1/angolo via Gallarate 450 a Milano. Tale concessionaria rappresenta il più grande Centro di Vendita nato nel Sud Europa.

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot a Firenze: contatti e informazioni

L’acquisto di un auto è sempre un momento delicato in quanto la spesa che si va a sostenere deve essere ben investita in un’auto adatta alle nostre esigenze e che rispecchi le aspettative.

Leggi tutto...

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Leggi tutto...

Targhe storiche: possono essere usate per la re-immatricolazione?

È raro veder circolare vetture autenticamente storiche dotate della propria targa di origine, capita invece di vedere vetture storiche dotate di targhe moderne; questo perché la vigente normativa non permette di re-immatricolare vetture storiche con una targa in “formato” storico e coloro che se ne fanno realizzare una appositamente non possono circolare se non in luoghi privati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bollo auto nella Regione Marche: info principali

Forniamo una serie di informazioni relative al pagamento del bollo auto per la Regione Marche. Questo tipo di imposta relativa al possesso dell'automobile, varia infatti a seconda della Regione di appartenenza certificato nei documenti del veicolo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ufficio motorizzazione civile di Bari: tutto quello che c’è da sapere

In Italia si contano numerose sedi legali regionali della motorizzazione per decentralizzare e velocizzare alcune pratiche automobilistiche. La sede centrale si trova a Roma e insieme al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) gestisce le normative e le verifiche sui veicoli circolanti. Tra le varie sedi regionali e provinciali, si cita anche l’Ufficio della motorizzazione civile di Bari.

Leggi tutto...
Go to Top