Dopo aver parlato della Normativa che riguarda le auto Euro 6, oggi vi parliamo delle leggi che regolamentano l'uso di catene in auto. Le catene da neve sono necessarie per evitare di correre inutili pericoli quando si percorrono tratti di strada sulla quale sono presenti ghiaccio e neve. In sostituzione, esistono delle speciali gomme termiche, che permettono alle automobili di percorrere strade innevate, in piena sicurezza e stabilità. Chi percorre una strada dove è presente il cartello che obbliga ad averle a bordo, rischia di dover pagare una multa molto salata e ovviamente mette scioccamente in pericolo la propria vita.

Si posizionano sui pneumatici delle auto attraverso dei ganci. Lo scopo per i veicoli, nate nel 1904, è quello di migliorare ed accrescere l'attrito delle ruote sulla neve e sul ghiaccio.

Dal 2002, in Italia le catene da neve devono essere omologate. Oggi ne esistono di tipi differenti in base alle caratteristiche del terreno sul quale l'autoveicolo deve camminare. Ad esempio ne esistono di rompighiaccio dotate di un anello che si sporge in modo più pronunciato capace di rompere la lastra ghiacciata.

Solitamente si posizionano sulle ruote motrici; nel caso di mezzi a trazione anteriore vanno applicate sulle ruote anteriori. Vanno poi sganciate quando si percorre un tratto di strada non innevato.

Oggi sono sostituite dai pneumatici invernali, anche chiamati gomme invernali. Il vantaggio principale di queste ultime sta nel fatto che non è necessario cambiare o togliere le catene su tratti non interessati dal ghiaccio o dalla neve. Lo svantaggio interessa invece la presa su strada, inferiore rispetto alle catene neve.

In conclusione il codice della Strada impone al guidatore l'utilizzo delle catene o dei pneumatici termici se si percorrono strade ghiacciate o innevate.

La scelta per avere a bordo un oggetto sicuro

La Normativa per le catene a bordo

Prima di acquistarle è necessario capire bene quali quelle più adatte alla nostra vettura e alle nostre esigenze e come montarle. E' importante sapere che sono state realizzate della catene da neve di una particolare tipologia, la CUNA NC 178-01, che si trovano solo nel nostro paese. Vanno montate sui pneumatici del veicolo, solo nel caso in cui ci siano almeno cinque centimetri di neve o ghiaccio sull'asfalto.

Possono avere diverse forme: a rombo, tonde, quadrate e a scaletta, che sono le più economiche ma anche le meno sicure sulla strada. Quelle realizzate negli ultimi tempi hanno un particolare sistema di autotensionamento, grazie al quale la catena si adatta facilmente al pneumatico.

Normativa su obbligo di catene a bordo

Il codice della strada non prevede un obbligo generale di viaggiare con le catene a bordo, ma l'articolo numero 122, comma 8, del suo Regolamento di esecuzione e attuazione stabilisce che il segnale stradale riferito all'obbligo, indica che da quel punto della strada in poi è necessario circolare con gomme termiche. Le vetture che sono trovate senza le catene o i pneumatici da neve subiranno, pesanti sanzioni, da parte delle forze di polizia e possono rischiare addirittura di subire il blocco della marcia.

E' importante sapere che la riforma del Codice della strada, ha permesso tramite un'apposita ordinanza, agli Enti locali, di poter obbligare gli automobilisti a circolare con le gomme termiche anche in assenza di neve sull'asfalto. Le amministrazioni locali ovviamente sono tenute a comunicare questa decisione, in modo da permettere a tutti di potersi munire di catene o di pneumatici da neve.

Vietato fare distinzioni tra strade prettamente montane, collinari o di pianura: la modifica dell’articolo 6 del Codice della strada permette agli enti proprietari o gestori delle strade di disporre a proprio piacimento sugli eventuali obblighi, da parte degli automobilisti, di munirsi di pneumatici invernali.

Ciò significa che ogni singolo sindaco di ogni centro abitato “da Milano a Bari” può disporre di un mezzo di regolamentazione cui ricorrere per regolamentare la fluidità del traffico nella propria zona di competenza.

Veicoli per cui vale l'obbligo

Tali leggi valgono per un periodo predeterminato (dal 15 novembre scorso fino a, circa, il 15 aprile 2012) e impongono ai conducenti di autoveicoli l’obbligo di avere, quando non montate, almeno all’interno del proprio mezzo le catene o gli pneumatici invernali, anche se non sono in corso né previste precipitazioni nevose: quindi, anche se c’è il sole e abbiamo una temperatura superiore al canonico 0°!

Nel caso delle gomme termiche, esse devono essere montate su entrambi gli assi e non solo su quello di trazione. L’obbligo vale anche per le automobili a quattro ruote motrici: il 4x4 nemmeno, quindi, è esente dall’ordinanza.

Niente scuse! 

A poco varrà sostenere che sul tratto di strada percorsa il rischio di nevicata era davvero molto basso: se il sindaco l’avrà interessata all’obbligo, le catene dovranno esserci e le contravvenzioni saranno sempre in vigore. Sul sito della Polizia di Stato è possibile trovare l’intera rete viaria, stradale ed autostradale, suddivisa per Regioni, con in evidenza tutte le zone interessate alla prescrizione.

Tipologie

Non tutte le catene vanno bene per il nostro veicolo. Innanzitutto occorre sapere che ne esista una tipologia specifica omologata solo per l'Italia, che è la CUNA NC 178-01 o il modello O-Norm.

Sono di diverso tipo. Possono essercene a rombo, che risultano sicuramente le migliori in termini di sicurezza ed efficacia. O ancora, a scaletta, che costano meno ma offrono minori prestazioni di sicurezza.

Infine possiamo avere catene da neve tonde o quadrate. Negli ultimi anni sono state progettate in modo da essere sempre più facili da montare, grazie al sistema di autotensionamento, che fa in modo che la catena si adatti quasi automaticamente allo pneumatico.

Come montare le catene da neve

Montarle è un'operazione apparentemente semplice, ma se non si conosce bene lo schema di montaggio rischiamo di rimanere bloccati con l'auto in panne.

E' importante sapere che modello dobbiamo montare, e leggere bene le istruzioni facendo qualche prova prima di partire. Inoltre il montaggio va effettuato sulle ruote che garantiscono la trazione dell'automobile: nella maggior parte dei casi, dunque, andranno montate sulle ruote anteriori.

Nel caso di pickup o altre macchine sportive, dotate di trazione posteriore, il montaggio andrà effettuato sulle ruote posteriori. Se l'automobile è a trazione integrale, in teoria vanno montate su tutte e quattro le ruote, ma se non si vuole spendere un capitale basta montarle sulle ruote posteriori.

Nella maggior parte dei casi, bisogna far passare uno dei capi dei cavi dietro la ruota per riagganciarlo all'altro facendolo scorrere sul retro; dopodichè si fissano gli altri ganci, seguendo uno schema segnato sulle istruzioni e che prevede la priorità di un gancio colorato rispetto ad un altro.

Una volta effettuato sistemato tutto, è bene non superare i 50 km/h di velocità, ed evitare di guidare sull'asfalto in condizioni normali per non rovinare sia le gomme che le catene; conviene fare qualche metro di strada e verificare che non si impiglino intorno all'asse delle ruote o se è il caso di inserire dei particolari dispositivi che aiutano a tenere in tensione le maglie.

Konig, caratteristiche e vantaggi

Le König, in realtà, dall’anno scorso si chiamano Thule. Comunque, per comodità e per maggiore intesa, continueremo a chiamarle König. I prodotti dell’azienda vantano un fatturato massimo da 615 milioni nel 2010, contenenti insieme la produzione delle varie sedi europee, americane e asiatiche. Tra i sottogruppi e sottomarchi più conosciuti, tutti della stessa casa, oltre alla Thule e alla König, riconosciamo Folgesta, Case Logic, UWS, Branderup e altre ancora.

L’arrivo di Thule, tuttavia, in termini produttivi non ha determinato cambiamenti. I centri di produzione, direzione e sviluppo sono rimasti nella storica sede di Molteno (dove la fabbrica è nata nel 1966): in Germania e in Francia restano solo uffici e magazzini minori; ma il grosso di produzione della König (che vanta un saldamento medio di anelli di catena pari a 2.800 al minuto) è rimasto nel territorio.

Modalità di produzione delle König

Le König sono al 99% catene da autotrazione e solo per il restante 1% ricoprono un utilità di sicurezza o di decoro urbano. Dopo l’assemblaggio, ogni catena König attraversa un momento fondamentale della sua produzione, e cioè quello della cementazione con trattamento galvanico: tale processo garantisce alle König una robustezza superiore ai normali parametri delle altre case di produzione.

A questo processo vanno aggiunte chiaramente le fasi di assemblaggio e controllo qualità, oltre all’aggiunta degli elementi stampati e dei cavi d’acciaio avvolti nella gomma. Il lavoro di assemblaggio è solitamente affidato a una maggioranza di operai donne, in quanto sono ritenute più precise e affidabili dei colleghi di sesso maschile. Sempre dal 2011 la linea König ha iniziato a produrre catene rivolgendosi specialmente a un nuovo target: quello degli autoveicoli professionali di dimensioni medio-grandi (spalaneve, autocarri, trattori e anche quad). La Thule, di contro, sembra essersi specializzata nele catene per auto, SUV, veicoli commerciali e camper. E’ giusto, insomma, che un gruppo così competitivo abbia scelto di specializzarsi e di “settoriarsi” al fine di garantire una professionalità maggiore e specialmente volta alle esigenze particolari degli autoveicoli più diversi.

Tuttavia le König sono sempre state e restano tuttora una garanzia di sicurezza per quanti scelgono di viaggiare su strade non facilmente accessibili. Conoscerne le modalità di produzione è un presupposto indispensabile per apprezzare nella giusta misura ciò che ci accingiamo a usare.

Calze da neve: sono omologate in Italia?

Con l’inverno alle porte, si ripresenta il pericolo delle strade innevate o ghiacciate. Il codice della strada impone all’automobilista di dotarsi di mezzi contro neve e ghiaccio, pena multe salate. Per evitare di ritrovarvi in situazioni spiacevoli ed anche pericolose, è doveroso iniziare a pensare a come mettere in sicurezza la vostra auto: meglio optare per le classiche misure all'italiana, oppure scegliere nuovi strumenti come le calze da neve? E in questo caso, si tratta di prodotti omologati per la circolazione in Italia?

Meglio usare calze da neve!

La legge italiana richiede all’automobilista di dotare la propria vettura di “mezzi antisdrucciolevoli”, dal 15 novembre fino al 15 aprile. Quali sono le soluzioni possibili? Vi sono innanzitutto i pneumatici invernali, che garantiscono una maggiore aderenza al manto stradale quando il termometro scende sotto i 7° C.

Tuttavia montarli solo sulle ruote motrici, seppur consentito dalla legge, è in realtà pericoloso: molto meglio, per la vostra sicurezza, averli sulle quattro ruote. Cambiare un intero treno di gomme può essere però costoso, soprattutto se nella regione dove abitate neve e ghiaccio sono apparizioni sporadiche. Per essere in regola e sentirsi sicuri si può allora scegliere uno dei mezzi antisdrucciolevoli alternativi: calze o catene da neve?

Le calze omologate

Le calze da neve non sono ancora molto conosciute in Italia: si tratta in pratica di una rete di poliestere da applicare alle gomme per aumentare l’attrito tra il manto stradale ghiacciato o innevato e il pneumatico, recuperando così motricità. Si narra che il loro inventore, Bård Løtveit, abbiaavuto l’idea dopo aver provato a usare la sua stessa camicia sulle gomme per poter far ripartire la propria auto bloccata nella neve norvegese.

Il vantaggio principale rispetto alle catene è una certa maneggevolezza che permette di montarle con rapidità. Tuttavia le calze presentano due difetti importanti: innanzitutto funzionano soltanto su ghiaccio e neve compatta e non sulla neve sfatta o sull’asfalto sgombrato (e comunque sempre a velocità non superiori ai 40 km/h), ma soprattutto al momento non sono omologate in Italia, dove sussiste tuttora una controversia giuridica sulla loro equiparabilità.

Per essere in regola con il codice della strada, dunque, l’unica alternativa ai pneumatici invernali riconosciuta al momento dalla legge sono le catene da neve. Averle nel bagagliaio durante tutto l’inverno non è però sufficiente: nel momento del bisogno non si monteranno di certo da sole! Innanzitutto è importante sapere quando montarle. Vanno montate in presenza di neve, quando le ruote slittano ed è impossibile avanzare.

Non montatele prima: se la neve è poca o la strada addirittura è asciutta, non sono solo inutili ma addirittura dannose, poiché oltre a rovinarsi danneggerebbero il manto stradale.

Ricordate inoltre che la velocità massima consentita con le catene montate è di 50 km/h, da rispettarsi scrupolosamente se non volete che si sgancino, creando dei danni meccanici alla vostra automobile.



Potrebbe interessarti

Incentivi per le auto elettriche: cosa fanno per noi i produttori?

Le auto elettriche fanno parte della classe di vetture dette ecologiche, che utilizzano una fonte energetica alternativa alla benzina. Possono essere elettriche, ibride, a gpl, a metano, a idrogeno o a biocombustibili.

Leggi tutto...

Nuova Fiat 500X Sport: opinioni e recensione

fiat-500x-sport-2019.webp

Arriva un nuovo membro della famiglia Fiat 500X, il nuovo modello 500xSport si presenta con un assetto più sportivo e aggressivo. La Fiat 500X Sport è dedicata a tutte le persone che amano lo stile della Fiat 500 ma desiderano entrare in un auto più spaziosa, energica e a tratti aggressiva. I dettagli fanno la differenza, per questo motivo è stato integrato nella carrozzeria uno splitter anteriore.

Leggi tutto...

Auto all'asta per privati: vediamo come funziona

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Leggi tutto...

Auto sinistrate in vendita: ecco a chi rivolgersi?

Un gran numero d’incidenti avviene sulle strade cittadine e sulle grandi arterie stradali che collegano zone tra loro distanti all’interno delle metropoli moderne. Spesso negli spazi sterrati delle autodemolizioni si vedono auto incidentate, oltre a veicoli che sono giunti al termine della loro vita utile e quindi non sono più utilizzabili.

Leggi tutto...

Auto a km 0: una guida imperdibile per capirne a pieno il significato

 

Tra vetture nuove e usate c’è una terza via: l’auto a km0, dal prezzo di listino vantaggioso e dal contachilometri praticamente intatto La crisi non è ancora alle spalle, e basta guardare le principali rilevazioni economiche per rendersene conto. Soprattutto, resta un generalizzato calo dei consumi, particolarmente evidente nel settore delle vendite di automobili: in Italia, il 2013 si è chiuso con un totale di centomila vetture immatricolate in meno rispetto al già non brillante 2012.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionarie Ford a Milano: tutte le informazioni

 

La Ford Motor Company, fondata nel 1903, si distingue fin dall’inizio per l'introduzione di nuove forme di organizzazione del lavoro (anche se nel 2007, la Ford è scesa al terzo posto come costruttore mondiale). Attualmente, nonostante la crisi, i modelli continuano ad avere successo: i concessionari di Milano possono testimoniare grazie ai dati di vendita.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie per le auto d'epoca: occasioni irripetibili in tempo di crisi

Tutti coloro che si trovano in possesso di un’auto o di una moto d’epoca godono molto spesso di una serie di agevolazioni davvero molto speciali concesse dalla legge, soprattutto per quanto concerne il tema delle polizze di responsabilità civile (che, a voler vedere, altro non sono se non le nostre RC).

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Toscana: a chi rivolgersi?

A tutti coloro che risiedono in Toscana, presentiamo dei concessionari Fiat a cui si possono rivolgere per l'acquisto di auto nuoveauto usate, di veicoli commerciali, di auto a metano o a 5 porte del marchio di Torino. La professionalità e la cortesia che contraddistinguono questi concessionari, si estendono anche alla fase successiva alla vendita, momento in cui verrete assistiti con dei servizi che vi torneranno molto utili.

Leggi tutto...

Concessionari: rivendere auto usate

Il mercato dell’auto vive in un costante altalenarsi tra periodi di crisi e boom di vendite. La clientela italiana è molto variegata, perché diverse sono le esigenze di ogni singolo cliente.

Leggi tutto...

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile di Torino: sede e orari

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Funzionamento del carburatore per la tua auto: ecco come regolarlo

La funzione del carburatore è quella di preparare la miscela di aria e carburante da immettere nella camera di combustione. Il carburatore è dunque l'elemento principale del sistema di alimentazione dei motori.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Lucca

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi tutto...
Go to Top