Montare l'autoradio è un'operazione abbastanza semplice, che chiunque può affrontare in poco tempo. Vediamo dunque le operazioni principali e le cose da conoscere prima del montaggio dell'autoradio.

Spinotto ISO

La pedina fondamentale della nostra operazione di montaggio autoradio è lo spinotto ISO. Infatti le vetture commercializzate in Europa hanno questo spinotto femmina, ma bisogna che l'autoradio abbia il corrispondente spinotto maschio adatto, altrimenti bisogna acquistare uno spinotto adattatore per effettuare il collegamento fondamentale.

Lo spinotto è costituito da due parti, facilmente distinguibili, una destinata all'alimentazione della radio ed una per la connessione degli altoparlanti.

Colori ISO maschio - Alimentazione

Vediamo a cosa sono destinati i vari cavi colorati che troviamo nello spinotto ISO maschio, così da poter affrontare già preparati il montaggio dell'autoradio.

Il cavo nero è la massa, che va a collegarsi al telaio dell'auto.

Il cavo rosso serve a controllare l'accensione in remoto, in modo che l'autoradio si accenda automaticamente all'avvio del motore.

Il cavo giallo va collegato al positivo 12 volt della femmina. Questo serve a mantenere la memoria dell'autoradio.

Il cavo blu serve a comandare l'accensione delle varie periferiche elettroniche “in più” come antenne, amplificatori, ecc. In alcuni casi questo cavo serve solo per l'antenna, mentre sarà presente un cavo bianco-blu destinato agli amplificatori.

Il cavo arancione si collega per far ricevere i 12 volt dalle luci di posizione dell'auto, per illuminare il frontalino.

Colori ISO maschio – altoparlanti

  • Il cavo bianco e bianco-nero: positivo e negativo canale sinistro anteriore.
  • Il cavo grigio e grigio-nero: positivo e negativo canale destro anteriore.
  • Il cavo verde e verde-nero: positivo e negativo canale sinistro posteriore.
  • Il cavo viola e viola-nero: positivo e negativo canale destro posteriore.

Istruzioni per il montaggio

Dopo aver acquistato la nuova autoradio, bisogna procedere allo smontaggio della vecchia. Per fare ciò è occorre procurarsi degli attrezzi quali coltellini, pinze e cacciaviti. Se l’autoradio è di serie possiamo guardare sul libretto di istruzioni come toglierla, altrimenti possiamo, dopo aver tolto le eventuali viti, sganciarla dal suo alloggiamento aiutandoci con i coltellini. Inserendoli ai lati facciamo leva verso l’esterno e riuscirete così ad estrarrla con facilità.
Una volta fuori, dovrete staccare i fili premendo semplicemente le levette laterali che trovate sui connettori, e tirare verso l’esterno. Inoltre, bisognerà scollegare il filo dell’antenna radio.
Il passo successivo sarà altrettanto facile, bisognerà effettuare il percorso inverso, quindi collegare i fili al nuovo apparecchio. Quest’operazione non crea problemi poiché i i connettori sono standard. Una volta finito il collegamento, inserire l’autoradio nel vano e spingerla fino in fondo finché non si blocca.

La scelta dell’autoradio

Avere uno stereo in auto, come a casa, fa comodo ed oggi è diventato quasi necessario per chi si sposta per lunghi viaggi o semplicemente ha voglia di ascoltare un pò di musica. Alcune auto possiedono già un’autoradio di serie, ma a volte non hanno le permormance che vorremmo. La soluzione è quella di acquistare un nuovo modello con delle caratteristiche vicine alle nostre esigenze. In commercio esistono centinaia di marche e modelli, in base al livello di tecnologica e accessori. Infatti, oggigiorno questi apparecchi sono sempre più multimediali con la possibilità, ad esempio, di collegare il nostro smartphone.
In generale, un’autoradio deve avere delle caratteristiche base per svolgere al meglio la sua funzione: deve essere compatibile con cd e soprattutto mp3, grazie alla porta usb alla quale possiamo collegare una pendrive con migliaia di canzoni; avere una potenza di almeno 45watt per 4 canali; possedere il sistema RDS per visualizzare i nomi dei canali radio; presenza di altri connettori frontali, quali lettore di scheda di memoria e jack. Per quanto riguarda l’aspetto esterno deve essere presente il frontalino estraibile.
Oltre ai modelli base, esistono quelle più avanzate vale a dire fornite di sintonizzatore TV o dotate di schermo touch-screen. Questi permettono quindi di guardare i programmi televisivi, film in dvd o altri formati, inoltre avendo il GPS integrato permettono di avere una mappa stradale.

 


Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie per le auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Auto a km 0: una guida imperdibile per capirne a pieno il significato

 

Tra vetture nuove e usate c’è una terza via: l’auto a km0, dal prezzo di listino vantaggioso e dal contachilometri praticamente intatto La crisi non è ancora alle spalle, e basta guardare le principali rilevazioni economiche per rendersene conto. Soprattutto, resta un generalizzato calo dei consumi, particolarmente evidente nel settore delle vendite di automobili: in Italia, il 2013 si è chiuso con un totale di centomila vetture immatricolate in meno rispetto al già non brillante 2012.

Il contralbero del motore: come funziona

Una delle componenti importanti del motore, ma spesso ignorata dai più, è il cosiddetto contralbero. Il contralbero, noto anche come albero di equilibratura, è una parte del motore necessaria per la riduzione delle vibrazioni del motore stesso.

Modelli auto Kia: scopri tutte le novità

 

I modelli auto Kia vengono prodotti dalla casa automobilistica coreana, in particolare si tratta della prima azienda della Corea del Sud ad aver iniziato la produzione di modelli automobilistici.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionarie Ford a Roma: a chi rivolgersi?

La Ford possiede marchi quali Volvo, Mazda, Lincoln e Mercury. Nel 2007, è scesa al terzo posto come costruttore mondiale dopo General Motors e Toyota. Nonostante la crisi, i concessionari Ford di Roma restano comunque un punto di riferimento per chi cerca questi veicoli nella capitale.

Ford a Napoli: quale concessionario scegliere? Ecco alcune idee

Ford a Napoli

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Aste giudiziarie per le auto d'epoca: occasioni irripetibili in tempo di crisi

Tutti coloro che si trovano in possesso di un’auto o di una moto d’epoca godono molto spesso di una serie di agevolazioni davvero molto speciali concesse dalla legge, soprattutto per quanto concerne il tema delle polizze di responsabilità civile (che, a voler vedere, altro non sono se non le nostre RC).

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Palermo (e in Sicilia in generale)

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi anche...

Il Blocco Motore: come funziona?

Per prima cosa è necessario fare un po di chiarezza sul termine “blocco motore”, chiamato dagli addetti al settore anche “monoblocco” o “basamento”. Come lascia intendere il termine stesso, si tratta della parte unica più grande e pesante di tutta la vettura. Ovviamente blocco motore è un termine che potete trovare anche nell’ambito di altri macchinari, e non solo delle vetture.

Leggi anche...

Assicurazione eventi atmosferici, come funziona

2012 Citroen DS5 Side

Nel momento della stipula di un contratto assicurativo per l’automobile, molto spesso ci si trova a poter scegliere tra una serie di polizze accessorie, più o meno importanti ed onerose.

Go to Top