Sarà capitato quasi a tutti gli automobilisti di incorrere durante un viaggio, breve o lungo che fosse, in una foratura. Questo è un inconveniente che succede ormai sempre più raramente rispetto al passato, ma che tuttavia può capitare per diversi motivi: usura eccessiva dello pneumatico, il passaggio su una strada disconnessa oppure su cui siano presenti pietre o elementi particolarmente appuntiti o taglienti, come ad esempio dei chiodi

Una gomma forata è una grossa seccatura, sotto ogni punto di vista. A meno che non si è provvisti di assistenza stradale all-inclusive, bisogna affrontare il costo del nuovo pneumatico ed eventualmente, se non si possiede la ruota di scorta, anche il servizio di trasporto verso il più vicino gommista. In ogni caso, anche nell’ipotesi più ottimistica (si ferma l’auto proprio di fronte ad un gommista), dobbiamo fare i conti con la perdita di tempo. Per non parlare poi della sicurezza.

In quest'ultimo caso, si pensi ad esempio a quelle situazioni in cui la foratura avviene su una strada di montagna oppure poco frequentata e magari anche di notte. Per non parlare poi nel caso l'inconveniente avvenisse mentre si guida ad una velocità sostenuta, con conseguenze che potrebbero diventare pericolose per l'incolumità dell'automobilista. 

Tutte circostanze che possono complicare una situazione già di per sé non semplice da affrontare. Considerando che una foratura non è possibile prevederla, almeno si può tentare di ridurne le probabilità in cui essa possa verificarsi. Tante le possibili soluzioni da questo punto di vista, tra cui, come vedremo, anche una che in un futuro prossimo potrà risolvere alla radice il problema del pericolo di forare una gomma

Al momento la soluzione a questi problemi è rappresentata dall’acquisto di gomme certificate (che hanno superato specifici test per pneumatici estivi, invernali e Quattro Stagioni) e controlli periodici sulla pressione e sull’usura del battistrada. Resta tuttavia quel margine legato alla sfortuna, perché anche una gomma nuovissima e a norma può essere soggetta a forature, se gonfiata ad aria..

Michelin Uptis, lo pneumatico senza aria

Presentato come concept al Movin’on Summit, vertice sulla mobilità sostenibile, tenutosi a Montreal in Canada dal 4 al 6 giugno 2019, Uptis (acronimo di Unique Puncture-proof Tire System) è uno pneumatico destinato a rivoluzionare la sicurezza stradale, oltre a contribuire in modo significativo ad un minor inquinamento causato dagli pneumatici in disuso.

Michelin, in collaborazione con General Motors, ha sviluppato una struttura innovativa, che vedrà luce nel processo di produzione a partire dal 2024, che non ha bisogno di aria per sostenersi.

Il segreto è nei materiali che la compongono: resina, fibra di vetro e una miscela di gomme addirittura più performanti durante la guida, grazie alle elevate capacità ammortizzanti. Uno pneumatico anche versatile, in grado di adattarsi con facilità al manto stradale.

In particolare, il materiale composito con cui sono realizzate queste gomme tende a sostenere la massa del veicolo su cui sono montate e tendono a subire ed attutire delle deformazioni prestabilite in caso vi siano delle irregolarità del terreno su cui il mezzo circola. 

Riutilizzabile e affidabile

I 5 anni che separano Uptis dalla commercializzazione sono dovuti alla serie di test che i due colossi del settore automotive dovranno sostenere. L’obiettivo è infatti quello di superare gli ostacoli che fino ad ora avevano impedito ad altri concept di divenire realtà, ovvero l’utilizzo ad alte velocità e su veicoli pesanti. Al momento le prove vengono effettuate sull’elettrica Chevrolet Bolt.

Infatti, questo pneumatico sperimentale inizialmente sarà allestito per le automobili elettriche e poi, successivamente e sempre se i test e l'uso su questi primi veicoli fornisse buoni risultati, si dovrebbero commercializzare per il resto dei mezzi in circolazione sulle strade. Nel frattempo, le verifiche continueranno ad essere effettuate su una flotta di macchine appunto della casa automobilistica americana. 

Il grande vantaggio di Uptis consisterà nella possibilità di un suo riutilizzo diverse volte prima del definitivo scarto, semplicemente sostituendo il battistrada. In questo modo si potrà ridurre drasticamente il numero di pneumatici da smaltire, oltre a risparmiare sul cambio e sulla manutenzione degli pneumatici.

Altro elemento innovativo ed importante è che tale pneumatico potrà essere realizzato attraverso l'uso di stampanti di tipo 3D e ricostruito più volte, fino al momento ad un massimo di sei, rispetto alle sole 2-3 volte in media delle attuali gomme in circolazione. Tutto questo permetterà, naturalmente, una maggiore longevità delle stesse, riducendo in maniera consistente la quantità di pneumatici da realizzare e poi da smaltire, come detto. 

Sicuro, economico, ecologico, Uptis sarà un valore aggiunto per l’ambiente e per il settore automotive.



Potrebbe interessarti

Scegliere l’auto: meglio nuova o usata?

Decidere di scegliere un’auto nuova o una usata sono entrambe decisioni che dipendono dalle intenzioni della persona in base alle proprie particolari esigenze. Da quanto si capisce dalle ricerche in merito, gli italiani negli ultimi anni preferiscono sempre di più le vetture di seconda mano.

Leggi tutto...

Vendita auto incidentate e sinistrate: a chi rivolgersi?

Un gran numero d’incidenti avviene sulle strade cittadine e sulle grandi arterie stradali che collegano zone tra loro distanti all’interno delle metropoli moderne. Spesso negli spazi sterrati delle autodemolizioni si vedono auto incidentate, oltre a veicoli che sono giunti al termine della loro vita utile e quindi non sono più utilizzabili.

Leggi tutto...

Auto usate in vendita da privati (non solo su Trovit)

In un periodo di difficoltà economica il mercato delle auto nuove continua a far registrare continui cali e riduzioni dei volumi, senza far vedere nel breve periodo una possibilità di ripresa. Di contro dall’altra parte il mercato dell’usato continua a reggere, con passaggi di proprietà che tengono molto di più il passo rispetto alle nuove immatricolazioni di vetture.

Leggi tutto...

Autosupermarket: compravendita e offerte per auto

Uno dei principali siti italiani dedicati alla vendita e all'acquisto di automobili, è Autosupermarket.it. In questo sito italiano è possibile trovare tutte le migliori offerte di auto usato, ed è possibile trovare e vendere sia automobili usate che nuove, oltre ad avere a disposizione una panoramica su tutta una serie di offerte e occasioni di auto a km0.

Leggi tutto...

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

eBay: ricambi auto e pezzi vintage per le vetture d'epoca

Uno dei modi più efficaci per reperire ricambi d'auto epoca al giorno d'oggi è quello di effettuare le proprie ricerche su internet: sul web infatti esistono molti siti che si occupano di commercializzare pezzi di ricambi per auto d'epoca.

Leggi tutto...

Concessionarie Ford a Milano: tutte le informazioni

 

La Ford Motor Company, fondata nel 1903, si distingue fin dall’inizio per l'introduzione di nuove forme di organizzazione del lavoro (anche se nel 2007, la Ford è scesa al terzo posto come costruttore mondiale). Attualmente, nonostante la crisi, i modelli continuano ad avere successo: i concessionari di Milano possono testimoniare grazie ai dati di vendita.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Toscana: a chi rivolgersi?

A tutti coloro che risiedono in Toscana, presentiamo dei concessionari Fiat a cui si possono rivolgere per l'acquisto di auto nuoveauto usate, di veicoli commerciali, di auto a metano o a 5 porte del marchio di Torino. La professionalità e la cortesia che contraddistinguono questi concessionari, si estendono anche alla fase successiva alla vendita, momento in cui verrete assistiti con dei servizi che vi torneranno molto utili.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat del Veneto: a chi rivolgersi?

Vi offriamo una panoramica sui concessionari Fiat del Veneto a cui potete rivolgervi per provare, chiedere un preventivo o acquistare gli ultimi modelli di successo della casa di Torino, come ad esempio la fiat 500, fiat punto, fiat professional e veicoli commerciali. Prima di chiamare e/o di visitare fisicamente le concessionarie avrete la possibilità di visionare il loro sito web. Vi renderete certamente conto in maniera più dettagliata delle offerte che le case propongono a noi consumatori.

Leggi tutto...

Concessionari Ford del Veneto: qualche riferimento

Se avete deciso che la vostra prossima macchina deve essere una Ford, non importa se nuova o usata, vi consigliamo dei concessionari del Veneto a cui potete rivolgervi. Affidandovi a questi professionisti del settore, potrete ottenere il modello di Ford costruito secondo le vostre esigenze.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bollo auto nella Regione Marche: info principali

Forniamo una serie di informazioni relative al pagamento del bollo auto per la Regione Marche. Questo tipo di imposta relativa al possesso dell'automobile, varia infatti a seconda della Regione di appartenenza certificato nei documenti del veicolo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Incentivi per le auto a metano: rendi ecologica la tua vettura

I fondi disponibili sono stati messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo economico e sono piuttosto limitati, si tratta nel complesso di 3 milioni e mezzo di euro, motivo per il quale è consigliato fare presto per riuscire ad ottenere il prestito.

Leggi tutto...
Go to Top