Quella che comunemente definiamo marmitta catalitica, è tecnicamente chiamata convertitore catalitico. La marmitta catalitica infatti, è in soldoni un dispositivo che va ad agire sull'impianto di scarico di un motore a combustione interna, dove viene montata, e funge da catalizzatore.

La sua introduzione nel mondo dei motori, è servita per ridurre le emissioni nocive dei gas di scarico del motore delle automobili.

Principio di funzionamento del catalitico

La marmitta catalitica è in grado di abbattere le emissioni nocive dei gas di scarico attraverso la presenza di una spugna di materiale catalitico, che fa in modo di ossidare i gas di scarico.

La spugna, agisce dunque in modo da trasformare gli idrocarburi in combustione, gli ossidi di azoto e il monossido di carbonio in acqua, azoto e anidride carbonica. Il convertitore catalitico entra in funzione quando la sua temperatura supera i 250°C, quindi non subito dall’accensione del motore. Può succedere che non funzioni bene o si rompa quando è soggetta a surriscaldamento ed avvelenamento. Significa che per evitare il primo problema bisogna stare attenti a non insistere nell’accensione del motore quando la batteria è esausta. Altrimenti la benzina arriverebbe al catalizzatore bruciandolo internamente. Inoltre, i lubrificanti a base di piombo, fosforo o zinco sono dannosi per la marmitta. Perciò, i veicoli con questo tipo di marmitta devono essere alimentate solo con benzina verde, cioè senza piombo.

Tipi di marmitte

Esistono tre tipi di marmitte catalitiche, in base alla funzione che svolgono:

  • ossidanti: limitano le emissioni di ossido di carbonio e idrocarburi trasformandoli in acqua e anidride carbonica;
  • riducenti: riescono a scindere gli ossidi di azoto in ossigeno+azoto;
  • trivalenti: svolgono entrambe le funzioni appena dette, ossidante e riducente.

Costituzione della marmitta

La marmitta catalitica è costituita da un corpo principale, il quale è munito di tutta una serie di minuscoli canali denominati CPSI, che sta a significare canale per pollice quadro. Una volta, invece dei canali erano presenti delle piccole sfere di ceramica che lasciavano passare il gas di scarico attraverso gli spazi lasciati vuoti.

Pertanto, il corpo della marmitta catalitica può essere di materiale ceramico o di metallo, su cui viene messo a depositare uno strato detto aggrappante, sui cui viene fatto impregnare e poi messo a cottura in forno un metallo nobile a scelta fra l'iridio, il palladio o il platino.

Questo elemento delle automobili, dunque, può essere considerato l'elemento attivo che opera nella depurazione dei gas di scarico sprigionati da un motore termico alimentato da uno dei seguenti carburanti: benzina, gas naturale, diesel, propano, olio vegetale, biodiesel.

Rispetto dell’ambiente

Uno degli aspetti positivi dell’invenzione della marmitta catalica è l’eliminazone dell’emissione di piombo nell’aria. Infatti, dagli anni ‘20 del Novecento fino agli anni ‘90, sulle automobili era installato il carburatore ed erano alimentate con benzina super col piombo. Purtroppo, le conseguenze per l’ambiente si sono dimostrate negative. Negli anni ‘90 fu creata la benzina “verde” e la marmitta catalitica per diminuire l’inquinamento ambientale e rendere più vivibili le città.
Nonostante ciò, oggi le auto emettono ancora CO2 e altri elementi tossici nell’aria dovuto alla combustione delle benzine.

Direttive europee

Dal 1991, l’Unione Europea ha stabilito delle norme allo scopo di ridurre l’inquinamento. Sono state stabilite delle classe di appartenenza dei veicoli in base al livello di inquinamento prodotto. Queste classi partono da Euro 0 e rientrano i veicoli più nocivi immatricolati prima del 1992, quindi senza catalizzatore. Per queste auto è stato stabilito il passaggio a Euro 1, oppure il divieto di circolazione. La classe Euro 1, entrata in vigore nel 1993, riguarda i veicoli nuovi con la marmitta catalitica e un motore a iniezione. Nel 1997, una nuova direttiva ha imposto modifiche sia per i motori benzina che diesel. L’Euro 3, dal 2001, impone di installare il sistema Eobd che controlla il sistema antinquinamento.
Nel 2006 e nel 2008 vengono emanate le direttive Euro 4 ed Euro 5, per consigliare l’installazione del filtro antiparticolato e imporne l’adozione anche sulle auto diesel.


Potrebbe interessarti

Aste giudiziarie auto a Modena: un’opportunità per fare buoni affari

Non si tratta di un percorso consueto quello di pensare di partecipare ad un’asta giudiziaria per poter acquistare un’automobile o altro bene in buone condizioni e magari anche di un certo pregio; ma è pur sempre una modalità attuabile.

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Modelli auto Kia: scopri tutte le novità

 

I modelli auto Kia vengono prodotti dalla casa automobilistica coreana, in particolare si tratta della prima azienda della Corea del Sud ad aver iniziato la produzione di modelli automobilistici.

Scegliere l’auto: meglio nuova o usata?

Decidere di scegliere un’auto nuova o una usata sono entrambe decisioni che dipendono dalle intenzioni della persona in base alle proprie particolari esigenze. Da quanto si capisce dalle ricerche in merito, gli italiani negli ultimi anni preferiscono sempre di più le vetture di seconda mano.

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Club 500 Italia: come funziona e come aderire?

La migliore associazione di 500 al mondo è proprio il fiat 500 club Italia, che vanta 21.000 soci sparsi su tutto il pianeta.

Concessionarie BMW a Roma: info e contatti

L'azienda tedesca BMW è nota in tutto il mondo per la produzione di autoveicoli e motoveicoli; ha sede a Monaco di Baviera, ma è presente in ogni città, anche naturalmente a Roma, con numerose concessionarie. Inutile soffermarci sull'affidabilità e sulla professionalità di una casa che vende ogni anno milioni di autovetture. Siamo certi che l'approfondimento che oggi vi presentiamo sarà di vostro gradimento.

Concessionari Peugeot a Torino: info e contatti

Con la grande quantità d’informazioni automobilistiche a disposizione su internet, si può acquistare in concessionario la propria auto Peugeot dopo una scelta ponderata. Infatti, una decisione informata è quello che lascerà l'acquirente completamente soddisfatto. L'ideale è poter entrare in concessionarie pegout torino con le idee molto chiare, sapendo già quali sono le vostre preferenze riguardo al veicolo che vorrete acquistare.

Leggi anche...

Autoscuole a Genova: tutti gli indirizzi e i contatti pronti all'uso

Di seguito una lista che sicuramente sarà utile a quanti di voi si volessero impegnare nel conseguire le patenti di guida nella città di Genova. Vengono infatti riportate le migliori agenzie autoscuole della città.

Leggi anche...

Michelin Uptis, lo pneumatico senza aria, a prova di foratura

Una gomma forata è una grossa seccatura, sotto ogni punto di vista. A meno che non si è provvisti di assistenza stradale all-inclusive, bisogna affrontare il costo del nuovo pneumatico ed eventualmente, se non si possiede la ruota di scorta, anche il servizio di trasporto verso il più vicino gommista. In ogni caso, anche nell’ipotesi più ottimistica (si ferma l’auto proprio di fronte ad un gommista), dobbiamo fare i conti con la perdita di tempo. Per non parlare poi della sicurezza.

Leggi anche...

Incentivi per le auto ad idrogeno

Il sogno degli automobilisti, ma anche degli ecologisti, è quello di poter guidare automobili ad emissione zero: questo sarebbe possibile abbandonando una volta per tutte il motore a combustione, che necessità di petrolio, e passare definitivamente a motori che si alimentano grazie ad energie alternative.

Go to Top