Quella che comunemente definiamo marmitta catalitica, è tecnicamente chiamata convertitore catalitico. La marmitta catalitica infatti, è in soldoni un dispositivo che va ad agire sull'impianto di scarico di un motore a combustione interna, dove viene montata, e funge da catalizzatore.

La sua introduzione nel mondo dei motori, è servita per ridurre le emissioni nocive dei gas di scarico del motore delle automobili.

Principio di funzionamento del catalitico

La marmitta catalitica è in grado di abbattere le emissioni nocive dei gas di scarico attraverso la presenza di una spugna di materiale catalitico, che fa in modo di ossidare i gas di scarico.

La spugna, agisce dunque in modo da trasformare gli idrocarburi in combustione, gli ossidi di azoto e il monossido di carbonio in acqua, azoto e anidride carbonica. Il convertitore catalitico entra in funzione quando la sua temperatura supera i 250°C, quindi non subito dall’accensione del motore. Può succedere che non funzioni bene o si rompa quando è soggetta a surriscaldamento ed avvelenamento. Significa che per evitare il primo problema bisogna stare attenti a non insistere nell’accensione del motore quando la batteria è esausta. Altrimenti la benzina arriverebbe al catalizzatore bruciandolo internamente. Inoltre, i lubrificanti a base di piombo, fosforo o zinco sono dannosi per la marmitta. Perciò, i veicoli con questo tipo di marmitta devono essere alimentate solo con benzina verde, cioè senza piombo.

Tipi di marmitte

Esistono tre tipi di marmitte catalitiche, in base alla funzione che svolgono:

  • ossidanti: limitano le emissioni di ossido di carbonio e idrocarburi trasformandoli in acqua e anidride carbonica;
  • riducenti: riescono a scindere gli ossidi di azoto in ossigeno+azoto;
  • trivalenti: svolgono entrambe le funzioni appena dette, ossidante e riducente.

Costituzione della marmitta

La marmitta catalitica è costituita da un corpo principale, il quale è munito di tutta una serie di minuscoli canali denominati CPSI, che sta a significare canale per pollice quadro. Una volta, invece dei canali erano presenti delle piccole sfere di ceramica che lasciavano passare il gas di scarico attraverso gli spazi lasciati vuoti.

Pertanto, il corpo della marmitta catalitica può essere di materiale ceramico o di metallo, su cui viene messo a depositare uno strato detto aggrappante, sui cui viene fatto impregnare e poi messo a cottura in forno un metallo nobile a scelta fra l'iridio, il palladio o il platino.

Questo elemento delle automobili, dunque, può essere considerato l'elemento attivo che opera nella depurazione dei gas di scarico sprigionati da un motore termico alimentato da uno dei seguenti carburanti: benzina, gas naturale, diesel, propano, olio vegetale, biodiesel.

Rispetto dell’ambiente

Uno degli aspetti positivi dell’invenzione della marmitta catalica è l’eliminazone dell’emissione di piombo nell’aria. Infatti, dagli anni ‘20 del Novecento fino agli anni ‘90, sulle automobili era installato il carburatore ed erano alimentate con benzina super col piombo. Purtroppo, le conseguenze per l’ambiente si sono dimostrate negative. Negli anni ‘90 fu creata la benzina “verde” e la marmitta catalitica per diminuire l’inquinamento ambientale e rendere più vivibili le città.
Nonostante ciò, oggi le auto emettono ancora CO2 e altri elementi tossici nell’aria dovuto alla combustione delle benzine.

Direttive europee

Dal 1991, l’Unione Europea ha stabilito delle norme allo scopo di ridurre l’inquinamento. Sono state stabilite delle classe di appartenenza dei veicoli in base al livello di inquinamento prodotto. Queste classi partono da Euro 0 e rientrano i veicoli più nocivi immatricolati prima del 1992, quindi senza catalizzatore. Per queste auto è stato stabilito il passaggio a Euro 1, oppure il divieto di circolazione. La classe Euro 1, entrata in vigore nel 1993, riguarda i veicoli nuovi con la marmitta catalitica e un motore a iniezione. Nel 1997, una nuova direttiva ha imposto modifiche sia per i motori benzina che diesel. L’Euro 3, dal 2001, impone di installare il sistema Eobd che controlla il sistema antinquinamento.
Nel 2006 e nel 2008 vengono emanate le direttive Euro 4 ed Euro 5, per consigliare l’installazione del filtro antiparticolato e imporne l’adozione anche sulle auto diesel.



Potrebbe interessarti

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Leggi tutto...

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Leggi tutto...

Mercato delle auto usate: a maggio 2017 conferme positive

Il mercato delle auto, in questo 2017, ha attirato l'attenzione di tv e giornali in virtù degli ottimi risultati registrati nel corso del primo trimestre, soprattutto se messi a confronto con quanto rilevato solo lo scorso anno.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Leggi tutto...

Auto all'asta per privati: vediamo come funziona

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Leggi tutto...

Concessionarie Audi a Roma: ecco dove andare

La casa automobilistica Audi fa parte attualmente del gruppo Volkswagen, ed è presente a Roma con diverse concessionarie. Venne fondata da August Horch nel 1909.

Leggi tutto...

Concessionari BMW a Torino: alcune indicazioni

Quando si parla di auto di lusso, il nome BMW è tra i primi che viene in mente; il marchio tedesco si è sempre contraddistinto, nella sua storia, per l'eleganza dei suoi modelli e per la solidità della meccanica e del motore, e i concessionari di Torino offrono ai piemontesi la possibilità di verificare con i propri occhi quanto questo sia vero.

Leggi tutto...

Profumi per auto: benessere alla guida

La memoria olfattiva è tra le capacità umane più interessanti ed evocative: è sufficiente un odore, un profumo o un’aroma per riportare la mente a luoghi e situazioni più o meno piacevoli.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Emilia Romagna

Dal 2014 la storica azienda torinese ha vissuto un passaggio epocale nella propria storia: il marchio infatti si è trasformato in FCA, che nasce dalla fusione di FIAT con Chrysler con relativa quotazione alla borsa di Wall Street.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prendere la patente alla Motorizzazione di Milano: tutte le informazioni

Appena compiuti 18 anni, il primo pensiero di molti ragazzi è proprio quello di ottenere il foglio rosa in modo da poter guidare l’auto, per iniziare ad avere maggiore indipendenza e libertà di movimento. Effettuare l'esame per la patente in motorizzazione permette di ridurre di molto i tempi tecnici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Lucca

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi tutto...
Go to Top