Spesso la centralina di una macchina è compromessa o comunque si trova nelle condizioni di non poter esprimersi al massimo a causa di alcune limitazioni e restrizioni che possono essere superate con una rimappatura. Questo tipo di operazione, infatti, offre l'opportunità di cambiare diversi parametri della centralina in modo da permettere al motore di dare il meglio di sé. I produttori si trovano nella situazione di dover adattare i propri modelli ai vincoli normativi dei Paesi in cui le vetture dovranno essere vendute: questo vuol dire che il software della ECU non viene ottimizzato per assicurare le più alte performance possibili o per garantire la migliore efficienza del carburante, ma è limitato da diverse condizioni di esercizio.

I vincoli che limitano le centraline

Si pensi al fatto che in ogni Paese i combustibili presentano delle specifiche differenti, per esempio, ma anche alle diverse condizioni di altitudine e di temperatura: le macchine che circolano in Svezia sono le stesse che circolano alle Canarie, ma è ovvio che si tratta di contesti con situazioni climatiche opposte, per cui i produttori sono obbligati a trovare una soluzione di compromesso che finisce per penalizzare le prestazioni. Da un punto di vista normativo, poi, non ci si può dimenticare delle leggi sull'inquinamento e sulle emissioni.

La rimappatura

La rimappatura ECU permette di eliminare, o comunque ridurre in misura significativa, tutti questi inconvenienti: il processo che ne è alla base è del tutto sicuro, dal momento che consiste in un incremento del livello di efficienza dei parametri termodinamici e in una loro ottimizzazione. I vantaggi sono molteplici, anche per chi è alla ricerca di una soluzione che assicuri un risparmio di carburante. Vale la pena di tener presente che ciascuna vettura ha una mappatura specifica, mentre i cambiamenti devono essere apportati in funzione delle necessità del conducente e degli obiettivi che egli si propone di raggiungere.

Si va più veloce?

Nella ricerca del miglior programmatore centraline, spesso l'intento è quello di aumentare il numero di cavalli dopo la rimappatura. Per un motore sovralimentato a benzina o a gasolio, in linea di massima, la crescita della potenza si aggira tra il 15 e il 25%, e lo stesso dicasi per l'incremento della coppia. Al tempo stesso, però, si beneficia di una riduzione dei consumi, che nei migliori dei casi può arrivare fino a 20 punti percentuali. Quello che conta, però, è continuare a garantire gli standard di sicurezza più elevati, e solo un test drive può confermare la bontà dei risultati raggiunti, in termini di comportamento su strada della vettura, di dinamica e di carico.

Che cosa cambia dopo la rimappatura

Una volta che la centralina è stata sottoposta a rimappatura, i sorpassi sono destinati a diventare più sicuri e più facili, mentre l'erogazione di potenza si amplia e diventa più morbida. Della crescita della coppia e della potenza si è già detto, ma vale la pena di mettere in risalto anche il miglioramento della risposta dell'acceleratore. Nel caso di un motore non sovralimentato, i cavalli possono aumentare fino al 15%, a patto di una meticolosa riprogrammazione delle curve di carburante.

Che cosa fare per consumare meno benzina

Nel caso in cui il principale obiettivo che si è interessati a raggiungere sia quello del risparmio di carburante, ci si deve focalizzare sull'allargamento della curva di erogazione e sul miglioramento della coppia ai bassi regimi. Questo implica, tuttavia, una precisione inferiore sul pedale dell'acceleratore anche a pieno carico. Lo stile di guida deve essere sempre adattato alle caratteristiche e alle esigenze del veicolo: se si tratta di un turbo diesel, si può arrivare a un risparmio di carburante nell'ordine del 15 o 20%.

La centralina: funzionamento e costi

Con annessa rimappatura, la centralina elettronica dell’auto è uno dei più grandi misteri per la maggior parte degli automobilisti. Capirne il funzionamento, alla luce di una recente rimappatura, può risultare utile e funzionale per le situazioni future. Cos’è la centralina per definizione? Una semplice componente, la quale servendosi di una rete di sensori, regolarizza e monitora l’accensione del veicolo e la sua distribuzione. Più che “centralina” il nome che meglio la rappresenterebbe sarebbe “unità di controllo motore”, a causa del fatto che la rete di sensori collegata all’unità di controllo motore, consente di racimolare ed elaborare una gran quantità di informazioni in tempi velocissimi. Essa per cui è una componente delicata, da non sottovalutare e, che a volte, può generare qualche problema, da non prendere sottogamba in quanto è una parte essenziale per la tua macchina. Cambiarla implica dei prezzi sostanziosi per il proprio portafoglio: essi oscillano da 1.000 a 3.000 euro, in base alla marca e al modello della propria vettura.

Partiamo quindi con la descrizione generale di questo costosissimo elemento, individuandone la collocazione. La centralina si trova esattamente nel vano motore, che spesso si trova sotto il vano portaoggetti o ancora sotto il cruscotto. Capire quale effettivamente sia è facile, perché è intuibile da una presa di corrente per il collegamento di un dispositivo portatile. La sua collocazione è strategica: sulla base dei dati raccolti dalla rete di sensori, la centralina regolarizza con estrema velocità tutti i parametri necessari. Sulla base del tipo di motore controllato la centralina calcola la quantità di combustibile necessaria per formare una miscela capace di bruciare senza lasciare residui di alcun tipo. Grazie a queste continue misurazioni, si possono ridurre notevolmente le formazioni di agenti inquinanti e il consumo del combustibile. Allo stesso identico modo si muovono le funzioni di controllo dell’accensione del veicolo e della relativa distribuzione meccanica. Il prezzo che una centralina elettrica standard può avere all’interno del mercato, come annunciato precedentemente, è molto elevato e varia moltissimo. Al prezzo oscillante fra i 1.000 e 3.000 euro, si devono aggiungere altri 500 o 600 euro per la manodopera. Fortunatamente però, nella maggior parte dei casi, la centralina, se guasta, si piò riparare o essere riprogrammata e, per queste due azioni, il costo varia tra i 300 e i 750 euro, più i relativi 150 euro per la manodopera annessa. Oggi giorno esistono molte aziende online facilmente reperibili che offrono svariate soluzioni per la tua centralina, basta navigare un po’ sul web e trovare l’equipe giusta!



Potrebbe interessarti

Auto ibride in commercio: quali sono le loro caratteristiche?

Un veicolo ibrido è un mezzo di trasporto con un sistema di propulsione di tipo termico ed un motore elettrico. Oltre a questa definizione relativa al motore, una auto ibrida può essere definito dal tipo di carburante utilizzato: alcuni esempi sono il motore a benzina-gpl, oppure a benzina e metano, o ancora benzina-idrogeno. Con questo tipo di veicolo potrete ottenere delle agevolazioni sul bollo auto e potrete circolare nella fascia verde, evitando così il blocco auto imposto dal comune. Così oltre a combattere l'inquinamento delle polveri sottili, eviterete qualsiasi blocco del traffico.

Leggi tutto...

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Leggi tutto...

Nuova Fiat 500X Sport: opinioni e recensione

fiat-500x-sport-2019.webp

Arriva un nuovo membro della famiglia Fiat 500X, il nuovo modello 500xSport si presenta con un assetto più sportivo e aggressivo. La Fiat 500X Sport è dedicata a tutte le persone che amano lo stile della Fiat 500 ma desiderano entrare in un auto più spaziosa, energica e a tratti aggressiva. I dettagli fanno la differenza, per questo motivo è stato integrato nella carrozzeria uno splitter anteriore.

Leggi tutto...

Incentivi auto elettriche: cosa fanno per noi i produttori di queste tipologie di vetture?

Le auto elettriche fanno parte della classe di vetture dette ecologiche, che utilizzano una fonte energetica alternativa alla benzina. Possono essere elettriche, ibride, a gpl, a metano, a idrogeno o a biocombustibili.

Leggi tutto...

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionarie Ford a Milano: tutte le informazioni

 

La Ford Motor Company, fondata nel 1903, si distingue fin dall’inizio per l'introduzione di nuove forme di organizzazione del lavoro (anche se nel 2007, la Ford è scesa al terzo posto come costruttore mondiale). Attualmente, nonostante la crisi, i modelli continuano ad avere successo: i concessionari di Milano possono testimoniare grazie ai dati di vendita.

Leggi tutto...

Concessionari Audi a Milano: dove trovare gli ultimi modelli

L’Audi è la casa automobilistica tedesca, fondata da August Horch nei primi anni del '900, oggi appartenente al gruppo Volkswagen. La vera spinta alla casa automobilistica dell'Audi risale al 1965, quando al salone di Parigi, la ditta presentò "Audi 72", un modello progettato e realizzato in prototipo dalla Daimler-Benz. Da lì seguì l'uscita dell'Audi 80 ricca di optional quali: abs, pretensionatore delle cinture di sicurezza, inedito motore a iniezione diretta da 112cv, dotabile anche di trazione integrale permanente.

Leggi tutto...

Concessionari Ford a Napoli: quale scegliere?

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Leggi tutto...

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot del Veneto: qualche consiglio

É recente la notizia di una nuova vita in casa Pegeot. L’azienda francese che gestisce anche Citroen, ha acquistato per poco più di 1 miliardo di euro il marchio Opel, direttamente dal gruppo General Motors.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Palermo (e in Sicilia in generale)

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Noleggio a lungo termine e leasing: che rapporto c'è?

Negli ultimi anni, con la crisi finanziaria che ha inciso considerevolmente sulle tasche degli Italiani, hanno avuto maggiore diffusione quelle particolari pratiche che permettono di possedere un'automobile (sia per i professionisti che vi lavorano e sia per i semplici privati), ma che evitano gli esborsi economici per il suo acquisto e tutti quei costi connessi al suo possesso e manutenzione.

Leggi tutto...
Go to Top