Con oltre 6 milioni di apparecchi circolanti e due milioni di transiti al giorno (e si parla di dati risalenti al 2008!), il Telepass consente a chi lo utilizza di percorrere la rete autostradale italiana senza il timore di dover sostenere le code chilometriche al casello.

All’uscita dell’autostrada il tratto percorso viene conteggiato dal sistema e il costo del pedaggio, senza alcuna maggiorazione, viene incluso nei costi delle fatture del Telepass che vengono addebitate al cliente.

Oltre ai costi del viaggio vengono addebitate al cliente altre spese: il canone di locazione e l’eventuale commissione della banca.

Cosa contiene una fattura del Telepass

Il Telepass viene rilasciato in locazione dalla Telepass S.p.A. e rimane una sua proprietà; il cliente pertanto non acquista l’apparecchio ma solo il suo utilizzo e paga nella fattura del Telepass un canone di locazione trimestrale di 3,75 euro, IVA inclusa.

A seconda della banca potrebbe essere prevista una spesa di commissione del valore comunque non superiore agli 1,55 euro, è compito del beneficiario del servizio informarsi presso la propria banca.

La fattura ha cadenza trimestrale e prevede per tutta la durata del periodo un tetto di 258,23 euro (o di 86 euro mensili per chi scelga di addebitare la spesa su di un conto BancoPosta), superato il quale la fatturazione diviene mensile con un pagamento di 3,72 euro fino al rientro dei termini prefissati.

Come visionare il documento?

La fattura del Telepass può essere visionata registrandosi al sito della società, per farlo bisogna:

  • accedere al sito telepass.it e registrarsi (ciccando su “registrati” dalla home in alto a destra);
  • immettere nel sistema i dati nel sistema inserendo il codice ID (il codice di 16 cifre ottenuto insieme all’aapparecchio), il nome dell’utente e la mail;
  • accettare i termini e le condizioni;
  • confermare la procedura.

Fatto questo sarà sufficiente tornare sulla pagina principale, inserire il nome utente e la password, scorrere le varie voci visionabili e cercare quella intitolata “le mie fatture”; si aprirà quindi una pagina con l’elenco ordinato di tutte le fatture (dalla prima all’ultima), liberamente scaricabili e stampabili.

Il servizio Family

Grazie al Telepass Family oltre 1.500.000 clienti possono percorrere le autostrade italiane senza doversi fermare a pagare al casello, grazie all’utilizzo di varchi dedicati che si aprono automaticamente al passaggio del mezzo.

Se questo può far risparmiare qualche minuto nei giorni infrasettimanali, nei periodi in cui gli italiani si spostano in massa per le vacanze beneficiare di una corsia privilegiata può portare a superare code chilometriche.

L’unico requisito per poter acquistarlo è di disporre di un conto postale o bancario sul quale addebitare le spese del pedaggio, tenendo presente che possono essere registrate due vetture per ogni apparecchio. Telepass Family è acquistabile nei Punti Blu o direttamente online se si possiede una carta di credito American Express, Agos o CartaSì o un conto presso la Banca della Toscana o il Monte dei Paschi di Siena.

Una volta attivato (solitamente in 5 giorni lavorativi) i clienti ricevono una fattura trimestrale comprendente l’importo dei pedaggi e il canone di locazione di 3,72 euro (IVA inclusa); qualora si superino i 258,23 euro di spesa su conto normale o gli 86,00 mensili per quello BancoPosta è prevista una quota di 3,72 euro al mese fino al rientro del tetto previsto.

Fatturazione online sul sito

La fattura è scaricabile dal sito telepass.it nella sezione riservata; quanti volessero ricevere la copia cartacea per posta insieme al riepilogo dei viaggi dovranno compilare il modulo relativo e pagare un costo di servizio di 0,56 euro IVA inclusa.

Montaggio dell'apparecchio

“Si alzerà o resterà abbassata?” Ogni cliente prova un certo disagio ad oltrepassare il casello ed abbondano storie più o meno reali di frontali con lo sbarramento.

Posto che la regola d’oro è di osservare il limite di 30 chilometri orari per l’attraversamento del varco, per azzerare i rischi ci sono alcune accortezze da rispettare:

  • il dispositivo va posizionato sul suo supporto nella parte superiore e centrale del parabrezza;
  • collocarlo sul cruscotto o tenerlo in mano, nel portaoggetti o in altre zone dell’auto non garantirà l’apertura della sbarra;
  • due o più dispositivi nella stessa vettura entrano in conflitto tra loro e possono non permettere un corretto scambio di informazioni con la stazione ricevente;

Come montare il Telepass Family sulle moto

Nel caso si utilizzi in moto, deve essere posizionato:

  • nel portaoggetti se di plastica;
  • sul manubrio utilizzando il sostegno acquistabile dai rivenditori autorizzati;
  • nel borsello mediante la tasca apposita.

Giorgio Brunetti



Potrebbe interessarti

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Leggi tutto...

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Leggi tutto...

Ecco i fattori da valutare nell'acquisto di un'auto

Avere un’auto nuova e di proprietà è un sogno per tutti, sono però sempre di più le famiglie che sono costrette a rinunciare all’acquisto di auto nuove, oppure a dividere un’unica vettura per tutta la famiglia.

Leggi tutto...

Modelli auto Kia: scopri tutte le novità

 

I modelli auto Kia vengono prodotti dalla casa automobilistica coreana, in particolare si tratta della prima azienda della Corea del Sud ad aver iniziato la produzione di modelli automobilistici.

Leggi tutto...

Auto per disabili usate: ecco alcune idee per risparmiare

Le auto per disabili sono veicoli adibiti al trasporto di persone che possono avere gravi handicap fisici e psichici; si tratta di automobili realizzate con particolari allestimenti ed optional che facilitino il trasporto dei disabili: munite di pedane per sollevare le carrozzine o altri congegni in grado di aiutare le persone affette da particolari disturbi ed handicap a salire agevolmente in macchina e viaggiare in tranquillità

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Concessionari: rivendere auto usate

Il mercato dell’auto vive in un costante altalenarsi tra periodi di crisi e boom di vendite. La clientela italiana è molto variegata, perché diverse sono le esigenze di ogni singolo cliente.

Leggi tutto...

Targhe storiche: possono essere usate per la re-immatricolazione?

È raro veder circolare vetture autenticamente storiche dotate della propria targa di origine, capita invece di vedere vetture storiche dotate di targhe moderne; questo perché la vigente normativa non permette di re-immatricolare vetture storiche con una targa in “formato” storico e coloro che se ne fanno realizzare una appositamente non possono circolare se non in luoghi privati.

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Leggi tutto...

Concessionarie Ford a Milano: tutte le informazioni

 

La Ford Motor Company, fondata nel 1903, si distingue fin dall’inizio per l'introduzione di nuove forme di organizzazione del lavoro (anche se nel 2007, la Ford è scesa al terzo posto come costruttore mondiale). Attualmente, nonostante la crisi, i modelli continuano ad avere successo: i concessionari di Milano possono testimoniare grazie ai dati di vendita.

Leggi tutto...

Concessionari BMW a Torino: alcune indicazioni

Quando si parla di auto di lusso, il nome BMW è tra i primi che viene in mente; il marchio tedesco si è sempre contraddistinto, nella sua storia, per l'eleganza dei suoi modelli e per la solidità della meccanica e del motore, e i concessionari di Torino offrono ai piemontesi la possibilità di verificare con i propri occhi quanto questo sia vero.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Autoscuole a Genova: tutti gli indirizzi e i contatti pronti all'uso

Di seguito una lista che sicuramente sarà utile a quanti di voi si volessero impegnare nel conseguire le patenti di guida nella città di Genova. Vengono infatti riportate le migliori agenzie autoscuole della città.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Borsa per la moto, come sceglierla?

Esistono diverse modalità di viaggiare e scoprire nuovi Paesi e culture. Vi è chi sceglie un comodo aereo, altri magari una macchina o, altri ancora, in sella ad una moto. E proprio quest'ultima forse rappresenta un modo di viaggiare un pò più scomodo rispetto alle altre soluzioni, ma davvero affascinante e suggestivo e che permette di godersi pienamente gli ambienti ed i paesaggi che si attraversano.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sospensione della targa di un ciclomotore: come fare?

Può capitare ai possessori di un motorino o ciclomotore, spesso giovani, che dopo diversi anni vogliano acquistarne uno nuovo o addirittura passare ad una vera e propria automobile, una volta conseguita la patente di guida.

Leggi tutto...
Go to Top