Come si può minimizzare il rischio di furto della moto e di essere lasciati a piedi per non rivedere più l’amata due ruote? La motocicletta sta vivendo un ritorno di interesse dettato da molteplici fattori, su tutti quelli economici e il rinnovato bisogno di libertà indotto dai mesi di lockdown.

Ora, sebbene i furti delle due ruote, leggendo i dati della Polstrada, sembrino in continuo declino da almeno dieci anni, sono sempre numerosi e la percentuale dei ritrovamenti è davvero molto bassa.

Oggi vi sono numerose contromisure da adottare per una strategia articolata da opporre all’astuzia del ladro.

L’antifurto meccanico

Perfezionato nel corso del tempo per complicare la vita ai ladri, il più rappresentativo di questa categoria resta la classica catena con lucchetto, uno strumento che, se ben scelto e utilizzato, rappresenta un dissuasore tra i più efficaci.

Per la massima protezione è necessario badare a tutti i dettagli riguardo lucchetti e catene moto: la lega deve essere di acciaio speciale, con anelli di almeno 12 mm a sezione poligonale inguainati con un materiale che renda meno efficaci le tronchesi.

Inoltre, va utilizzata in modo da lasciarla sospesa, per evitare che i ladri possano colpirla efficacemente. Analoghe considerazioni per il lucchetto, che deve avere il perno rotante: più difficile da segare.

Dopo la catena l’antifurto meccanico più richiesto è certamente il bloccadisco: scegliendo un esemplare tra i top di gamma di ottima marca si ottiene il meglio. Tuttavia, è bene considerare che in alcune regioni i furti di moto sono effettuati da bande organizzate con i furgoni; in tal caso il bloccadisco risulta meno efficace della catena, così come tutti gli altri sistemi che non prevedono l’effettivo vincolo della moto a un supporto fisso.

L’antifurto elettronico

Questa categoria di antifurti non ha riscosso grande successo tra i motociclisti, almeno fin quando non sono comparsi i modelli elettromeccanici. Il più diffuso è il bloccadisco con detector: consiste in un bloccadisco e un sensore di movimento che lo collega tramite cavo al manubrio; qualunque movimento della ruota anteriore comporta l’attivazione di un allarme. 

È più efficace solo se quando scatta il segnale qualcuno prende provvedimenti. Inoltre, non fissa la moto.

Un’ulteriore evoluzione è arrivata dall’impiego dei localizzatori GPS, che opportunamente occultati nella moto possono consentirne il ritrovamento. Bisogna però considerare che i ladri si evolvono con la tecnologia e spesso sono preparati a renderla inoffensiva. Per altro con tutta calma, giacché dentro ai furgoni il GPS non prende.

Tuttavia, esistono altre soluzioni. Oggi, alcuni dei più evoluti sistemi permettono la localizzazione anche tramite reti telefoniche e Wi-Fi. Questi dispositivi sono più difficili da schermare e c’è qualche chance di beccare i ladri prima che li disattivino.

moto

Una categoria in continua evoluzione, l’antifurto elettronico dovrebbe essere considerato un ausilio complementare a un buon antifurto meccanico. Uno su tutti, la catena.

Le strategie più efficaci

Oltre all’antifurto vi sono altre contromisure

La prima e più importante è la scelta del punto in cui lasciare la moto. Alcuni credono che la massima visibilità sia la migliore garanzia. Tuttavia, la visibilità compromette anche la sicurezza, giacché i ladri organizzati in bande girano per le strade guardandosi attorno per individuare la potenziale refurtiva. Se non vedono la moto, naturalmente, non possono rubarla. Meglio lasciarla in luoghi meno esposti, ma comunque visibili da finestre, balconi, esercizi commerciali e telecamere di sorveglianza.

Un’altra precauzione è la scelta del veicolo. Ove possibile è meglio evitare di acquistare esemplari di grande successo, richiestissimi anche dai ladri. Tipo l’Honda SH, lo scooter più rubato degli ultimi anni.

Conclusioni

È evidente che un’unica soluzione alla piaga dei furti di moto non esiste ancora e nessuna contromisura è assolutamente infallibile. Quella con il ladro è una partita da giocare sul terreno dell’astuzia, con il supporto della tecnologia e di un atteggiamento vigile.


Potrebbe interessarti

Acquisto auto in leasing: scopri come fare

Nell'ambito dell'acquisto delle automobili, esiste una particolare pratica di finanziamento molto diffusa e utilizzata, ovvero il leasing. Questo termine, in generale, definisce una forma contrattuale di finanziamento attraverso la quale il soggetto, definito locatore, concede ad un un altro soggetto, definito utilizzatore, il diritto di utilizzare un qualsivoglia bene, ricambiando tale utilizzo con il pagamento di un canone mensile.

Neopatentati: mai più utilitarie, è il momento del SUV

 049 Neopatentati mai più utilitarie è il momento del SUV

No, non è assolutamente detto che i neopatentati debbano necessariamente accontentarsi di auto poco brillanti, come tipicamente sono utilitarie e city car.

Noleggio a lungo termine o acquisto auto nuova? Quale conviene?

Acquistare un’auto diventa sempre più una scelta importante da effettuare perché oltre al costo di acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, bisogna aggiungere le spese di mantenimento, come la benzina, la manutenzione, l’assicurazione, le tasse e così via.

Macchine tuning, scopri insieme a noi quali sono questi veicoli

macchine tuning

Sicuramente avremo avuto modo di incrociarle in qualche città o sulle strade percorse giornalmente, magari apprezzandone o criticandone l’estetica, tuttavia non sapevamo che si chiamassero in questa maniera. Stiamo parlando delle cosiddette macchine tuning.

Mercato delle auto usate: conferme positive

Il mercato delle auto, in questo 2017, ha attirato l'attenzione di tv e giornali in virtù degli ottimi risultati registrati nel corso del primo trimestre, soprattutto se messi a confronto con quanto rilevato solo lo scorso anno.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Peugeot a Torino: info e contatti

Con la grande quantità d’informazioni automobilistiche a disposizione su internet, si può acquistare in concessionario la propria auto Peugeot dopo una scelta ponderata. Infatti, una decisione informata è quello che lascerà l'acquirente completamente soddisfatto. L'ideale è poter entrare in concessionarie pegout torino con le idee molto chiare, sapendo già quali sono le vostre preferenze riguardo al veicolo che vorrete acquistare.

Concessionari Volkswagen a Torino: tutte le informazioni

Nei concessionari del gruppo Volkswagen di Torino, potrete trovare tutti quei modelli di auto nuove e auto usate che fanno parte della grande famiglia del marchio tedesco di cui fanno parte anche altri grandi case automobilistiche come Audi, Seat e Skoda. Non solo Polo Golf, quindi, saranno disponibili per voi nella rete di concessionari, ma anche A4, A6, Fabia e Altea: in pratica, grazie a questo nutrito parco macchine difficilmente non riuscirete a trovare il modello che fa per voi.

Concessionari Ford nel Veneto: qualche riferimento utile

Concessionari Ford nel Veneto

Se avete deciso che la vostra prossima macchina deve essere una Ford, non importa se nuova o usata, vi consigliamo dei concessionari del Veneto a cui potete rivolgervi. Affidandovi a questi professionisti del settore, potrete ottenere il modello di Ford costruito secondo le vostre esigenze.

Leggi anche...

Motorizzazione di Torino: indirizzo della sede e orari

Motorizzazione di Torino

La motorizzazione civile di Torino ha i propri uffici in via Bertani 41. Esiste anche un distaccamento che si occupa di revisione e collaudi a Settimo torinese, in strada Cebrosa 27. E' possibile richiedere le informazioni per la presentazione delle pratiche e la consultazione delle normative.

Leggi anche...

Cerchi MAK: le opinioni degli automobilisti

I cerchi MAK vengono scelti con frequenza dagli automobilisti perché coniugano design ricercato e affidabilità: ecco quali sono le opinioni di chi li acquista. I cerchi MAK rappresentano una delle scelte più diffuse fra gli automobilisti, poiché si tratta di prodotti di design che coniugano elevata qualità e affidabilità. L’azienda italiana con sede a Brescia ha saputo conquistare un’ampia fetta di mercato grazie a cerchioni in lega realizzati con materiali altamente qualitativi e dalle linee moderne ed innovative, infatti fra i pregi principali dei cerchi MAK troviamo il disegno e le geometrie dei diversi modelli, che caratterizzano immediatamente le auto su cui vengono montati.

Leggi anche...

Assicurazione eventi atmosferici, come funziona

2012 Citroen DS5 Side

Nel momento della stipula di un contratto assicurativo per l’automobile, molto spesso ci si trova a poter scegliere tra una serie di polizze accessorie, più o meno importanti ed onerose.

Go to Top