Forniamo una serie di informazioni relative al pagamento del bollo auto per la Regione Marche. Questo tipo di imposta relativa al possesso dell'automobile, varia infatti a seconda della Regione di appartenenza certificato nei documenti del veicolo.

Le principali distinzioni per il pagamento del bollo riguardano la tipologia di veicoli: autoveicoli e motoveicoli pagano un bollo auto relativo ad un periodo di 12 mesi, che si differenzia in base a determinati fattori: classe di appartenenza (euro 0 – euro 5), valore in termini di potenza, espressa in KW, tipologia di veicolo (classe A – F e targhe di prova)
Il totale del bollo auto da pagare nella Regione Marche per questo tipo di veicoli va da poco più di 300 euro fino a 410 euro circa.

Le altre classi di veicoli sono Autocarri e motocarri, Vetture con massa rimorchiabile, rimorchi speciali.

Quando e dove pagare il bollo nelle Marche

Tutti gli abitanti delle Marche potranno comodamente pagare la tassa negli uffici ACI di competenza, nelle Banche tramite bonifico o conto corrente, negli uffici postali, nelle varie agenzie che si occupano di pratiche auto, nei tabaccai dotati di sistema lottomatica. Ognuna di queste modalità prevede un piccolo sovrapprezzo fra 1 e 2 euro come pagamento del servizio.

Per tutti i veicoli già immatricolati, il pagamento va effettuato entro il mese successivo alla scadenza del bollo precedente. Per i nuovi veicoli immatricolati, il pagamento del bollo auto va effettuato a partire dal mese di immatricolazione, entro il mese stesso, o comunque entro la fine del mese successivo alla data di immatricolazione, qualora essa sia stata effettuata entro gli ultimi dieci giorni di quel mese.

In caso la data di scadenza sia un giorno festivo oppure un sabato, la data di scadenza può essere considerata il primo giorno feriale successivo.

Fruiscono dell'esenzione dal pagamento del bollo auto nella regione Marche i veicoli in dotazione ai corpi Armati Statali, Autocarri per l'estinzione di incendi, Autobus autorizzati dal Ministero dei Trasporti o dalla Marina Mercantile, Autoveicoli per il trasporto di persone bisognose di cure, autoveicoli di agenti diplomatici o consolari, veicoli per il trasporto di mutilati e invalidi, motori fuori bordo non superiori ai 6 CV.

Il bollo pagato in ritardo comprende una sanzione calcolata in base ai giorni: entro 14 giorni dalla data di scadenza l’importo aumenta di 0,2%; entro i 30 giorni la percentuale aumenta al 3% dell’importo base; oltre i 30 giorni, si deve pagare una sanzione pari al 3,75%, più gli interessi legali giornalieri.

Calcolare il costo del bollo

E’ possibile calcolare il costo del bollo per il proprio mezzo online sul sito dell’Agenzia delle Entrate e su quello dell’ACI. Nel primo caso, il calcolo si può effettuare in base alla targa, ai KW o ai CV del veicolo. Mentre sul secondo sito solo in base alla targa. In ogni caso, è consigliato basarsi sulla targa in quanto il calcolo è più preciso.
L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un software che calcola rapidamente, dopo aver inserito la categoria del veicolo e la targa, l’importo da versare, comprensivo di eventuali sanzioni e interessi.
Se, invece, abbiamo intenzione di calcolare un importo per un mezzo che vogliamo acquistare, potrebbe essere d’aiuto il sistema di conteggio tramite i dati tecnici: la potenza in KW o cavalli, direttiva euro, regione di immatricolazione, tipologia del veicolo.
L’Aci, oltre al calcolo del bollo online, fornisce ai soci la possibilità di pagare senza commissioni aggiuntive tramite all’Area Soci.

Cronologia dei pagamenti

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è possibile anche controllare i pagamenti della tassa effettuati in precedenza nelle tabaccherie o nelle agenzie di pratiche auto. Inoltre si possono verificare anche i pagamenti eseguiti alla Posta e all’ACI. Il controllo può essere effettuato per i pagamenti nelle regioni Marche, Valle d’Aosta, Friulia Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. In tutti i casi, il servizio è accessibile a chiunque ed è disponibile tutti i giorni della settimana dalle 7 alle 24.

Esenzione dal pagamento

Anche i cittadini marchigiani possono usufruire dell’esenzione o della riduzione del bollo a patto che possiedano un mezzo rientrante nelle categorie di seguito indicate:

  • vetture impiegate per il trasporto dei disabili, qualsiasi sia l’handicap fisico. L’auto deve essere intestata al disabile o ad un familiare di cui è a carico fiscalmente;
  • veicoli a metano o GPL: viene riconosciuta una riduzione del 75% sul costo totale;
  • veicoli elettrici: l’esenzione è valida per i primi 5 anni dalla prima immatricolazione, in seguito l’importo viene ridotto del 75%;
  • auto storiche: la prima immatricolazione deve risalire ad almeno vent’anni precedenti. L’unico pagamento da effettuare è un contributo annuo inferiore a 30 euro.


Potrebbe interessarti

Auto all'asta per privati: vediamo come funziona

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Leggi tutto...

5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata

Scopri quali sono i 5 elementi da osservare quando si acquista un’auto usata, per non incorrere in fregature o eventuali sanzioni.

Leggi tutto...

Fiat 500L Trekking: scopri la nuova 4x4 in miniatura!

Nonostante la difficile situazione del mercato europeo versi in grave crisi da ormai troppo tempo, Fiat ha ottenuto un buon successo di pubblico con il lancio della nuova 500L, una vettura che è stata in grado di trasferire lo spirito sbarazzino e simpatico della sua sorella minore a portata di famiglia.

Leggi tutto...

Auto a km 0: una guida imperdibile

 

Tra vetture nuove e usate c’è una terza via: l’auto a km0, dal prezzo di listino vantaggioso e dal contachilometri praticamente intatto La crisi non è ancora alle spalle, e basta guardare le principali rilevazioni economiche per rendersene conto. Soprattutto, resta un generalizzato calo dei consumi, particolarmente evidente nel settore delle vendite di automobili: in Italia, il 2013 si è chiuso con un totale di centomila vetture immatricolate in meno rispetto al già non brillante 2012.

Leggi tutto...

I più condivisi

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarla!

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari, anche a Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Leggi tutto...

Concessionari Ford a Torino: come trovarli?

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Leggi tutto...

Targhe storiche: possono essere usate per la re-immatricolazione?

È raro veder circolare vetture autenticamente storiche dotate della propria targa di origine, capita invece di vedere vetture storiche dotate di targhe moderne; questo perché la vigente normativa non permette di re-immatricolare vetture storiche con una targa in “formato” storico e coloro che se ne fanno realizzare una appositamente non possono circolare se non in luoghi privati.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat a Torino: una guida per orientarsi

Qui di seguito vi presentiamo i concessionari della Fiat di Torino a cui potete rivolgervi per provare e ammirare l'auto dei vostri sogni. Il marchio Fiat e la città di Torino sono indissolubilmente legate a doppio filo: sono stati proprio degli imprenditori di Torino, nel lontano 1899, a dar vita alla fabbrica di automobili e da quel momento le storie di queste due identità hanno percorso strade parallele.

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prendere la patente alla Motorizzazione di Milano: tutte le informazioni

Appena compiuti 18 anni, il primo pensiero di molti ragazzi è proprio quello di ottenere il foglio rosa in modo da poter guidare l’auto, per iniziare ad avere maggiore indipendenza e libertà di movimento. Effettuare l'esame per la patente in motorizzazione permette di ridurre di molto i tempi tecnici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il funzionamento della rimappatura della centralina

Spesso la centralina di una macchina è compromessa o comunque si trova nelle condizioni di non poter esprimersi al massimo a causa di alcune limitazioni e restrizioni che possono essere superate con una rimappatura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Uffici ACI Torino: informazioni e contatti

Chi possiede un'autovettura sa che ci sono degli obblighi e dei doveri da dover rispettare. Per ogni esigenza tuttavia è bene sottolineare che il cittadino ha una struttura che lo aiuterà a divincolarsi tra le maglie complicate della burocrazia: stiamo parlando dell'ACI.

Leggi tutto...
Go to Top