Conoscere il Codice della Strada è fondamentale per evitare sanzioni, soprattutto perché, com’è noto, la legge non ammette ignoranza. La questione del trasporto di bagagli sulle barre portatutto è importante non solo per ciò che dice la legge ma anche per una questione di sicurezza del viaggio e di consumo di carburante. Se per l’acquisto di un nuovo modello puoi dare uno sguardo su BarrePortatutto.it, per conoscere meglio la legge continua a leggere il nostro approfondimento

Perché è importante rispettare le norme?

La questione delle sanzioni forse non è il miglior incentivo che possiamo darvi. Eppure il coretto trasporto di bagagli ingombranti sul tetto dell’auto è una questione di cruciale importanza per la tua sicurezza. Se hai montato male un carico basta una frenata brusca a trasformare tutto in tragedia. Ecco quindi cosa dice la legge in materia di bagagli sul tetto dell’auto

Gli articoli 61 e 164 del Codice della Strada stabiliscono che il trasporto di bagagli non deve spostare il baricentro del veicolo perché questo incide sulla sua stabilità ad alta velocità e soprattutto in curva. Per questo il carico deve essere disposto simmetricamente, concentrando gli oggetti pesanti al centro del portapacchi. L’auto, inoltre, quando è applicato un peso, incontra maggiore resistenza all’aria e oltre a consumare più carburante potrebbe perdere stabilità e sbandare. Presta attenzione anche ai sorpassi di mezzi grandi per il trasporto. 

Peso e carico complessivo

Un altro fattore cruciale che riguarda la sicurezza ed il rischio di incorrere in sanzioni è il peso del carico complessivo. Bisogna prestare attenzione al peso massimo consentito come riportato dai libretti dei veicoli che ne stabiliscono le caratteristiche. Di solito il peso massimo caricabile sul tettuccio è riportato sul manuale d’uso della tua auto. Quanto ai carichi, inoltre, questi non devono sporgere oltre la sagoma della vettura e non devono invadere la parte anteriore del veicolo. Questo evita di ridurre il campo visivo di chi guida e anche degli altri automobilisti. La sporgenza massima posteriore è pari al 30% dell’auto e, in goni caso, l’ingombro massimo deve rispettare i limiti stabiliti dall’articolo 61 del Codice della Strada che specifica le misure massime per ogni tipologia di veicolo. Per esempio il bagaglio può sporgere lateralmente ma questo non deve superare i trenta centimetri dalle luci di posizione anteriori e posteriori. Il bagaglio deve essere segnalato da appositi pannelli a strisce bianche e rosse di materiale riflettente che è visibile anche di notte. 

Come si caricano i bagagli in auto

Come si è visto, la guida comoda e in sicurezza è un imperativo e sistemare bene i bagagli in auto e fuori dall’auto è un’operazione che deve essere svolta proprio con sistematicità e strategia. Quando si caricano i bagagli in auto bisogna pianificare la loro sistemazione in base al volume degli oggetti, alla tipologia (valige, alimenti, attrezzature sportive, suppellettili …) e priorità di carico e scarico (ponendosi la domanda: cosa serve scaricare per primo all’arrivo? Quali sono i bagagli ingombranti?). Successivamente occorre valutare dove si caricano i bagagli:

  • Bagagliaio posteriore;
  • Portapacchi esterno;
  • Sui binari del tetto dell’auto;
  • I sedili vuoti all’interno della vettura;
  • Traino.

Nella valutazione del caricamento, non bisogna mai dimenticare la sicurezza, per cui bisogna assolutamente evitare di:

  • caricare bagagli troppo pesanti nel bagagliaio posteriore per non creare sbilanciamenti del baricentro quando l’auto è in movimento;
  • non “ancorare” bene i bagagli nel vano portabagagli, lasciandoli pericolosamente fluttuare poiché in caso di frenate brusche o tamponamenti, i bagagli liberi possono ribaltarsi creando danni ai passeggeri;
  • asportare la cappelliera o appoggiarvi sopra i bagagli, in entrambi i casi, infatti, la sicurezza non è garantita poiché si toglie la visuale posteriore al guidatore e gli oggetti posti sopra o non frenati dalla cappelliera rischiano di ribaltarsi sui passeggeri e fuoriuscire dal vano bagagliaio durante la vettura in corsa o in seguito a brusche frenate.
  • Utilizzare scorrettamente il sedile posteriore senza reclinarlo. Le autovetture possono ampliare il vano bagagliaio reclinando i sedili posteriori, se si lasciano i bagagli liberi sulle sedute posteriori c’è il rischio che possano cadere addosso al conducente durante la marcia.
  • Legare i bagagli con gli elastici con i moschettoni sul portapacchi: gli elastici si sono dimostrati inaffidabili e non sicuri per ancorare i bagagli sul portapacchi, la stabilità è compromessa e l’impatto con l’aria ad alte velocità crea sollecitazioni che rendono insicuro il viaggio;
  • Far sporgere i bagagli oltre la lunghezza e la larghezza del tetto della vettura. I bagagli sporgenti oltre le dimensioni della sagoma del veicolo compromettono la stabilità dell’auto e rappresentano un ingombro pericoloso anche per le altre vetture circolanti.

Con queste premesse, quindi, i bagagli più pesanti si ripongono nel bagagliaio posteriore addossandoli lungo la parete del sedile posteriore e ancorandoli con cura con delle cinghie in tessuto rinforzato. Il bilanciamento dell’auto è così garantito. Se si ha la possibilità di reclinare i sedili è bene spingere verso il centro della vettura i bagagli pesanti e voluminosi. Gli spazi vuoti si riempiono con oggetti o bagagli più piccoli incastrandoli tra di loro e le portiere o fissandoli con corde e cinghie. Se si trasportano prodotti deperibili, occorre posizionarli in cima agli altri bagagli e negli appositi contenitori che ne preservano la freschezza (cassette-frigo, borse termiche).

Come ancorare i bagagli sul portapacchi

I portapacchi possono essere di due tipologie:

  • A due binari, in alcuni modelli di auto sono già predisposti, altrimenti si possono acquistare separatamente purché compatibili con il proprio modello di vettura,
  • Travel box o siluro, un cassetto alla forma aerodinamica da collocare sul tetto della vettura.

Per fissare bene i bagagli sul portapacchi a binari occorre acquistare delle apposite corde con cricchetto: la corda è dotata di un gancio da un capo e di un cricchetto dall’altro capo all’interno del quale si fa passare la corda bloccandone lo scorrimento. Questa tipologia di corda garantisce la tenuta e ha una funzione antistrappo. Tuttavia, è molto più sicuro e raccomandabile utilizzare il travel box che è già corredato degli appositi attacchi da fissare ai binari del portapacchi e possiede le misure giuste in conformità con le norme stradali.

Bagagli ingombranti: come trasportare il materasso e il divano

La misura standard di un materasso è di 1,90 m per 1,60 e si tratta di un bagaglio ingombrante da trasportare sul portapacchi se non vi sono alternative come la consegna a domicilio. In caso di materassi bassi come quelli utilizzati per i divano-letto o le brandine e se il materiale di cui è fatto lo permette, è consigliabile comprimerlo in un sacco sotto vuoto o arrotolarlo e assicurarlo nel portabagagli. Se il materasso è steso bisogna creare una buona imbragatura che lo protegga dalle condizioni di trasporto esterne (agenti atmosferici, urti) e sia contenitiva. Il materasso si posiziona quanto più possibile al centro del tetto per mantenere la stabilità ed evitare l’effetto “vela” che provoca il pericoloso sbandamento dell’auto e lo si fissa con le corde a cricchetto sul portapacchi.
Anche nel caso del divano da due posti in su e delle poltrone occorre avere le stesse attenzioni. Il divano – oltre a essere ingombrante – è anche irregolare per cui necessita di maggiore attenzione nel trasporto. È opportuno togliere cuscini, l’eventuale materasso e ogni parte decomponibile che andranno caricati a parte. Il divano va protetto all’interno di un sacco di plastica e fissato al portapacchi con le apposite corde a cricchetto omologate. Trattandosi di un bagaglio voluminoso e ingombrante occorre fare attenzione alle sporgenze perché le sanzioni sono pesanti in caso di irregolarità. Le regole del trasporto dei carichi sporgenti (art. 61 del Codice della Strada) sono:

  • Il bagaglio non può sporgere per una lunghezza superiore a un terzo dell’intera lunghezza della vettura;
  • Non deve superare i 4,5 m di altezza e i 2,5 m di lunghezza totali;
  • Non deve superare in larghezza i 30 centimetri dalla posizione dei fari anteriori e posteriori, infatti si comprometterebbe la visibilità da parte degli altri veicoli circolanti e l’indicazione di cambio direzione (le “frecce”) sarebbe formalmente “viziata” e ingannevole se non allineata rispetto al perimetro dell’ingombrante.

Se si superano i limiti di sporgenza occorre utilizzare un cartello retroriflettente da apporre sul carico sporgente.

Come si caricano sul portapacchi la canoa e le biciclette

Il trasporto delle bici può avvenire in diversi modi:

  • Utilizzando un porta-biciclette da traino;
  • Con un porta-biciclette da apporre sul portellone posteriore del veicolo;
  • Con un porta-biciclette da tetto.

In tutti i casi si tratta di una specifica attrezzatura a binario che si fissa sul portapacchi o sul portellone tramite gli appositi attacchi predisposti sui quali poggiare e incastrare le ruote delle biciclette con dei ganci a chiusura a scatto. I modelli in commercio sono diversi, alcuni prevedono il blocco delle bici tramite la forcella sulla ruota anteriore. In ogni caso, bisogna sincerarsi che tutti gli agganci siano ben funzionanti e ben saldi e il controllo della tenuta deve essere accurato. Questa struttura non permette di trasportare più di 3 bici. Nel caso di trasporto della canoa – ipotizzando una lunghezza di 4,5 metri – si rientra nel caso degli ingombri sporgenti fuori misura, per cui occorre munirsi di cartello retroriflettente e di un ulteriore nastro rosso da posizionare sulla coda sporgente della canoa. È preferibile il trasporto con traino. Qualunque sia la modalità di trasporto è opportuno proteggere l’imbarcazione con teli morbidi o l’apposita copertura e legare a poppa e a prua i rispettivi paraurti anteriore e posteriore.

Controlli stradali e sanzioni

In caso di controlli stradali della polizia gli agenti controlleranno che il bagaglio sia ben saldo e che non costituisca pericolo per te e per gli alti automobilisti. Qualsiasi bagaglio dovrà essere regolarmente sistemato e ancorato su Barre Portatutto o nei Travel Box, che sono dispositivi omologati in base al modello di auto. Il viaggio sarà bloccato quando le condizioni di traporto non rispettano il codice della strada e le sanzioni possono essere pecuniarie o prevedere il ritiro della carta di circolazione e della patente. La multa va dai 74€ a 296€ e comprende la decurtazione di tre punti della patente. Il veicolo verrà scortato sino al luogo di messa in sicurezza e, dopo una successiva verifica, si potrà riprendere il viaggio per riavere i documenti ritirati


Potrebbe interessarti

Vendita auto usate: meglio affidarsi ad un concessionario

Nella situazione in cui si deve sostituire la propria autovettura ci si trova, nella maggior parte dei casi, a doverne scegliere una nuova (o “meno usata” rispetto a quella che abbiamo) e a rivendere quella che stiamo utilizzando quotidianamente. 

Neopatentati: mai più utilitarie, è il momento del SUV

 049 Neopatentati mai più utilitarie è il momento del SUV

No, non è assolutamente detto che i neopatentati debbano necessariamente accontentarsi di auto poco brillanti, come tipicamente sono utilitarie e city car.

Auto a km 0: una guida imperdibile per capirne a pieno il significato

 

Tra vetture nuove e usate c’è una terza via: l’auto a km0, dal prezzo di listino vantaggioso e dal contachilometri praticamente intatto La crisi non è ancora alle spalle, e basta guardare le principali rilevazioni economiche per rendersene conto. Soprattutto, resta un generalizzato calo dei consumi, particolarmente evidente nel settore delle vendite di automobili: in Italia, il 2013 si è chiuso con un totale di centomila vetture immatricolate in meno rispetto al già non brillante 2012.

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Fiat del Veneto: a chi rivolgersi?

Vi offriamo una panoramica sui concessionari Fiat del Veneto a cui potete rivolgervi per provare, chiedere un preventivo o acquistare gli ultimi modelli di successo della casa di Torino, come ad esempio la fiat 500, fiat punto, fiat professional e veicoli commerciali. Prima di chiamare e/o di visitare fisicamente le concessionarie avrete la possibilità di visionare il loro sito web. Vi renderete certamente conto in maniera più dettagliata delle offerte che le case propongono a noi consumatori.

Concessionari BMW a Torino: alcune indicazioni

Quando si parla di auto di lusso, il nome BMW è tra i primi che viene in mente; il marchio tedesco si è sempre contraddistinto, nella sua storia, per l'eleganza dei suoi modelli e per la solidità della meccanica e del motore, e i concessionari di Torino offrono ai piemontesi la possibilità di verificare con i propri occhi quanto questo sia vero.

Club 500 Italia: come funziona e come aderire?

La migliore associazione di 500 al mondo è proprio il fiat 500 club Italia, che vanta 21.000 soci sparsi su tutto il pianeta.

Leggi anche...

Costo per la patente b: tutte le informazioni

La B richiede un’età minima di 18 anni e risulta conseguibile sostenendo una prova a quiz ed una prova di guida su un'autovettura. Abilita a condurre gli autoveicoli di massa complessiva non superiore a 3,5 tonnellate e che abbiano un numero di posti a sedere non superiori a 8 escluso il conducente.

Leggi anche...

Kit per la sicurezza in auto: ecco cosa serve!

Ogni Stato della Comunità Europea ha stabilito negli ultimi anni quali siano i dispositivi obbligatori da inserire nei kit per la sicurezza in auto.

Leggi anche...

Rimborso chilometrico Michelin: tutte le indicazioni!

rimborso chilometrico michelin

Gli utenti che risultano essere dipendenti o professionisti che utilizzano l'automobile durante il loro lavoro, possono usufruire delle Tabelle Aci rimborso chilometrico. In questo modo, vengono quantificati i costi chilometrici necessari ad ottenere i rimborsi per tutti coloro che utilizzano un proprio veicolo nello svolgimento di attività per conto di un datore di lavoro specifico.

Go to Top