Sono molti coloro che hanno una certa curiosità nei confronti dell’auto elettrica, ma non hanno ancora le idee chiare su come funzionano questi mezzi, sulla spesa per la ricarica e sull’effettivo impatto ambientale delle vetture di questo genere. A complicare la faccenda contribuisce anche la disponibilità di vetture ibride e ibride plug-in, che la maggior parte degli italiani non sanno assolutamente cosa siano. Cerchiamo ora di fare un poco di chiarezza su questi concetti e sull’impatto ambientale di vetture di questo genere.

Quanto inquina l’auto elettrica

Esistono ovviamente opinioni contrastanti, ma in realtà l’auto elettrica ha un impatto ambientale assai ridotto rispetto a quelle con motore termico. Certo, nel corso della produzione delle vetture elettriche si produce anidride carbonica, proprio come avviene per qualsiasi altro tipo di automobile, furgone, camion o mezzo di trasporto di qualsiasi genere. Ciò che importa è che le auto elettriche non emettono anidride carbonica in città, ma neppure polveri sottili provenienti dalla combustione di combustibili fossili. Il bilancio degli inquinanti prodotti è quindi del tutto a favore delle auto elettriche, soprattutto nel caso in cui si aderisca a programmi che consentono di ricaricare l’auto ottenendo energia da sole fonti rinnovabili, come avviene con il programma irenGo mobilità elettrica. Solo con l’impegno delle aziende di fornitura sarà possibile ridurre ulteriormente l’impatto ambientale delle vetture elettriche.

Elettrica, ibrida, plug-in: cosa significa

Un’auto elettrica è una vettura che viaggia grazie alla presenza a brodo di un motore elettrico, alimentato da batterie. Ogni modello oggi disponibile ha batterie di diverse dimensioni e capacità, questo varia in modo importante la percorribilità dei mezzi; quando la batteria è scarica è necessario ricaricarla per potersi muovere ancora. Un’auto ibrida è una comune vettura con motore termico, che funziona con la benzina tanto per intenderci, insieme ad esso la vettura possiede anche un motore elettrico, con una piccola batteria. Tale batteria viene ricaricata da alcuni processi della vettura, quindi sia dal motore termico, sia dalle frenate o da altri tipi di attività. Le vetture plug-in sono a tutti gli effetti ibride, che però possiedono una batteria decisamente più capiente, che volendo si può anche ricaricare connettendola alla rete, proprio come avviene con le ormai tradizionali auto elettriche. Sono tre visioni di auto a basso impatto ambientale, con le quali si è cercato di rispondere alle esigenze di diversi tipi di viaggiatore.

Come si ricarica l’auto elettrica

L’auto elettrica, e anche l’ibrida plug-in, si ricaricano con un apposito connettore, che in genere può essere collegato direttamente ad una presa di corrente di casa. Per avere una fornitura più costante e controllata di energia elettrica molte aziende propongono delle apposite stazioni di ricarica, con prese dedicate e possibilità di verificare la quantità di energia elettrica assorbita dall’auto durante la ricarica. Alcune aziende propongono anche degli accumulatori da conservare a casa, che prelevano l’energia dall’impianto fotovoltaico, ad esempio, oppure che si ricaricano quando l’energia elettrica costa meno, secondo il contratto di fornitura disponibile presso la singola abitazione. Sono poi disponibili in molte città delle colonnine per la ricarica, il loro numero è in costante e regolare aumento lungo tutta la penisola.

Auto elettriche: nuovi incentivi per il 2020

L’auto elettrica ha oggi un significato che va oltre il gusto personale o le esigenze dei singoli, si tratta di un tema che si trova all’interno della grande questione della sostenibilità ambientale e dell’importanza che possiedono i gesti che ognuno di noi può compiere quotidianamente per inquinare meno.
Tra questi gesti vi è un minore utilizzo della plastica monouso, un minore utilizzo di luce e acqua quando non necessarie e, ovviamente, utilizzare meno l’automobile oppure optare per le nuovissime auto elettriche di cui abbiamo qui discusso.

Negli ultimi due anni, il governo ha ovviamente insistito sull’auto elettrica, prima in maniera poco efficiente inserendo l’ecobonus all’interno della legge di bilancio ma senza dargli la giusta importanza, adesso e soprattutto nel tanto atteso 2020 vedremo coinvolto in maniera diretta il settore automobilistico.
Il ministro dello Sviluppo economico ha infatti affermato che riunirà quante più grandi aziende possibili al fine di rendere questo passaggio il più semplice e guidato possibile, senza creare effetti distorsivi sul mercato.

Naturalmente la conversione della filiera produttiva al tecnologico deve essere graduale soprattutto perché bisogna controllare la risposta del pubblico ed essere certi che le nuove automobili abbiano il successo che meritano.
Gli incentivi del 2019 sono stati infatti riconfermati per il 2020, lasciando comunque spazio ad eventuali rivisitazioni tese in ogni caso a stimolare un maggiore acquisto delle autoelettriche.
Per tale ragione vi mostriamo di che incentivi stiamo parlando al fine di potervi permettere di comprendere al meglio quanto affermato fino ad ora e poter decidere che auto acquistare con maggiore consapevolezza.
Le vetture che usufruiranno anche nel 2020 degli incentivi auto sono distinte in due fasce (dipendenti dal valore delle emissioni):

  • Da 0 a 20 g/km di CO2 il bonus oscillerà tra i 6.000 e i 4.000 euro (cambia da caso a caso soprattutto in caso di rottamazione);
  • Da 21 a 70 g/km di CO2 allora il bonus sarà compreso tra i 2.500 e i 1.500 euro (anche in questo caso la variazione si ha per l’eventuale rottamazione);

Accanto a questi incentivi, strettamente correlati alla rottamazione che meriterebbe un discorso a parte, troviamo una ecotassa pensata per scoraggiare l’acquisto di auto inquinanti.
Tuttavia quest’idea non ha fatto altro che scaturire numerose polemiche tanto dai produttori quanto dai consumatori finendo per non riguardare tutte le vetture, ecco che allora bisogna prestare molta attenzione a quello che il mercato ci offre e a quello che conviene economicamente ma non solo!


Potrebbe interessarti

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Il contralbero del motore: come funziona

Una delle componenti importanti del motore, ma spesso ignorata dai più, è il cosiddetto contralbero. Il contralbero, noto anche come albero di equilibratura, è una parte del motore necessaria per la riduzione delle vibrazioni del motore stesso.

Acquisto di auto con la legge 104: tutte le agevolazioni

L’esistenza delle persone affette da handicap è faticosa e costosa, considerato che necessita di ausili ortopedici e del supporto di persone e strumenti disponibili a titolo oneroso. Lo Stato prevede agevolazioni, detrazioni ed esenzioni fiscali per questi soggetti, anche nel caso dell’acquisto auto disabiliLe persone con handicap che possono usufruire delle agevolazioni sono:

Garanty.it: compra la tua auto usata e garantiscila con noi!

garantly.jpg

Hai idea di quanto potrebbero costarti dei danni meccanici alla tua auto usata? Ti chiariamo noi questi dubbi. Un guasto al motore ti potrebbe costare fino a 5000 euro, un problema al radiatore 500 euro, per riparare il cambio potresti spendere fino a 3500 euro, 1800 euro per sistemare la turbina e 2000 euro per problemi agli iniettori.

Autosupermarket: compravendita e offerte per auto

Uno dei principali siti italiani dedicati alla vendita e all'acquisto di automobili, è Autosupermarket.it. In questo sito italiano è possibile trovare tutte le migliori offerte di auto usato, ed è possibile trovare e vendere sia automobili usate che nuove, oltre ad avere a disposizione una panoramica su tutta una serie di offerte e occasioni di auto a km0.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Aste giudiziarie per le auto d'epoca: occasioni irripetibili in tempo di crisi

Tutti coloro che si trovano in possesso di un’auto o di una moto d’epoca godono molto spesso di una serie di agevolazioni davvero molto speciali concesse dalla legge, soprattutto per quanto concerne il tema delle polizze di responsabilità civile (che, a voler vedere, altro non sono se non le nostre RC).

Concessionarie Mini a Roma: ecco dove trovarle e come contattarle

concessionari mini a roma

La Mini è un'automobile inglese prodotta fin dal 1959; in Italia è molto diffusa, anche grazie alla presenza di numerosi concessionari Mini Roma che vendono oltre ai vari modelli standard anche la mini countryman e la mini cooper s. La sua storia è molto complessa e attraversa tutte le vicissitudini della Casa automobilistica britannica che la produceva: la British Motor Corporation.

Concessionari Ford nel Veneto: qualche riferimento utile

Concessionari Ford nel Veneto

Se avete deciso che la vostra prossima macchina deve essere una Ford, non importa se nuova o usata, vi consigliamo dei concessionari del Veneto a cui potete rivolgervi. Affidandovi a questi professionisti del settore, potrete ottenere il modello di Ford costruito secondo le vostre esigenze.

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Palermo (e in Sicilia in generale)

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi anche...

Borse laterali per scooter, quali le caratteristiche a cui prestare attenzione

borse laterali scooter

Per potersi muovere ormai con una certa disinvoltura, sia in percorsi brevi nelle caotiche città oppure in quelli più lunghi nelle strade italiane, un mezzo come lo scooter rappresenta un veicolo fondamentale.

Leggi anche...

ACI Bari: indirizzi e recapiti degli uffici

ACI sta per “Automobile Club Italia”. L'istituzione si pone come il punto di raccordo fra l'utente delle automobili e le problematiche concernenti il mondo delle quattro ruote e la sua burocrazia.

Go to Top