Una professione che non risente molto della crisi e della mancanza di lavoro è sicuramente quella del meccanico per auto e moto.

Anche se di officine ce ne sono sempre tantissime e soprattutto nelle grandi città, pare che non bastino mai, vista la grandissima richiesta di riparazioni e guasti da far aggiustare. Per avere una buona fonte di guadagno sicura, aprire un'officina potrebbe dunque rivelarsi come una scelta molto indicata.

Quanto costa aprire un'officina meccanica? è comunque necessario avere un certo budget a disposizione, buone conoscenze riguardo al lavoro meccanico, ma anche un po' di nozioni legate al mondo della burocrazia lavorativa e pensionistica, come d'altronde per tutti i generi di lavori.

La nuova legge in materia

Il 5 gennaio 2013 è entrata in vigore la legge n. 224 dell’11/12/2012 apportando dei cambiamenti alla legge n. 122/92 riguardante l’attività di autoriparazione.

Questa comprende tutte le attività di “sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente dei veicoli a motore” di qualsiasi tipo, destinate al trasporto di persone o cose.

Questa breve introduzione giuridica serve ad aggiornare chi ha intenzione di aprire un’autofficina con una specializzazione. Innanzitutto, la nuova legge fonde le sezioni meccanica-motoristica con l’attività di elettrauto, dando vita alla “meccatronica”. Con questa distinzione, le attività di autoriparazione che si possono aprire in questo ambito sono: meccatronica, carrozzeria e gommista.

Condizioni per vecchie e nuove imprese

Dal momento in cui è entrata in vigore la legge, fino ad oggi, le nuove officine devono essere iscritte al Registro delle Imprese unicamente per l’attività di meccatronica. Occore presentare tutta la documentazione che attesti il possesso dei requisiti per svolgere le tre attività sopra citate.
Per quelle imprese già registrate anteriormente alla legge n. 224 sono previsti quattro casi:

  • se già abilitate all’attività meccanica-motoristica ed elettrauto, sono riconosciute in automatico secondo la nuova dicitura;
  • se sono abilitate solo allo svolgimento di attività meccanica-motoristica, potranno svolgere il lavoro per altri 5 (dall’entrata in vigore delle legge). Durante questo periodo i tecnici dovranno seguire un corso teorico-pratico di elettrauto per ottenere l’abilitazione;
  • lo stesso avviene per chi è elettrauto, quindi dovrà svolgere un corso di meccanica-motoristica per conseguire una certificazione;
  • se i tecnici dell’officina avevano più di 55 anni prima del 5/01/2013, questi possono continuare a svolgere l’attività senza cambiamenti fino alla pensione.

Cosa serve per aprire un'officina meccanica

Ecco i requisiti professionali per aprire un officina meccanica. Il responsabile dovrà aver conseguito: una laurea o diploma di istruzione secondaria di secondo grado in materia tecnica riguardante l’attività; titolo di studio tecnico - professionale e aver svolto un anno di lavoro dipendente negli ultimi 5 anni; aver seguito un corso regionale teorico - pratico e svolto un anno di lavoro dipendente nelle ultimi cinque.

L’impresa dovrà essere denunciata al Registro delle Imprese della zona di competenza per il certificato di inizio attività. Inoltre, ogni officina deve avere il proprio responsabile tecnico in possesso dei requisiti sopra descritti.



Potrebbe interessarti

Riviste sulle auto: scopriamo le più lette in Italia

Presentiamo una breve panoramica delle principali riviste di auto presenti nelle edicole italiane. In questa pagina troverete l'elenco dei migliori magazine mensili, settimanali e bisettimanali che raccolgono materiale sul mondo delle quattro ruote per rimanere sempre aggiornato.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto: come partecipare e come acquistare?

Un modo per acquistare auto a prezzi molto vantaggiosi è quello di partecipare alle aste giudiziarie auto. Come per le altre aste giudiziarie, le aste giudiziari di auto sono particolari attività processuali che seguono una esecuzione immobiliare o un fallimento.

Leggi tutto...

Club Alfa Italia: come aderire

Il Club Alfa Italia è un luogo, concreto e virtuale allo stesso tempo, in qui tutti gli appassionati di Alfa Romeo possono ritrovarsi per scambiarsi idee ed organizzare incontri; è nato abbastanza recentemente, nel 2003, come punto di riferimento sul web per gli amanti di questa autovettura.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Leggi tutto...

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Concessionari Ford a Torino: come trovarli?

La casa automobilistica Ford grazie al nome del proprio fondatore è, probabilmente, il marchi automobilistico più noto al mondo; la casa di Detroit ha dato vita, nel corso della propria storia, a modelli di auto che sono rimasti nell'immaginario collettivo (un esempio su tutti, la Gran Torino).

Leggi tutto...

Concessionari Audi a Milano: dove trovare gli ultimi modelli

L’Audi è la casa automobilistica tedesca, fondata da August Horch nei primi anni del '900, oggi appartenente al gruppo Volkswagen. La vera spinta alla casa automobilistica dell'Audi risale al 1965, quando al salone di Parigi, la ditta presentò "Audi 72", un modello progettato e realizzato in prototipo dalla Daimler-Benz. Da lì seguì l'uscita dell'Audi 80 ricca di optional quali: abs, pretensionatore delle cinture di sicurezza, inedito motore a iniezione diretta da 112cv, dotabile anche di trazione integrale permanente.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Emilia Romagna

Dal 2014 la storica azienda torinese ha vissuto un passaggio epocale nella propria storia: il marchio infatti si è trasformato in FCA, che nasce dalla fusione di FIAT con Chrysler con relativa quotazione alla borsa di Wall Street.

Leggi tutto...

Concessionarie Ford a Roma: a chi rivolgersi?

La Ford possiede marchi quali Volvo, Mazda, Lincoln e Mercury. Nel 2007, è scesa al terzo posto come costruttore mondiale dopo General Motors e Toyota. Nonostante la crisi, i concessionari Ford di Roma restano comunque un punto di riferimento per chi cerca questi veicoli nella capitale.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Toscana: a chi rivolgersi?

A tutti coloro che risiedono in Toscana, presentiamo dei concessionari Fiat a cui si possono rivolgere per l'acquisto di auto nuoveauto usate, di veicoli commerciali, di auto a metano o a 5 porte del marchio di Torino. La professionalità e la cortesia che contraddistinguono questi concessionari, si estendono anche alla fase successiva alla vendita, momento in cui verrete assistiti con dei servizi che vi torneranno molto utili.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Autoscuole a Bologna: a chi rivolgersi?

Quando arriva il momento di iscriversi ad una scuola guida per conseguire la patente, spesso, si ha qualche dubbio sulla scelta di quella migliore. 
In ogni città o paese sono presenti numerose autoscuole: il primo passo da compiere è quello di recarsi presso quelle più vicine a casa, o più facili da raggiungere, per chiedere informazioni. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Fatture Telepass: come visionarle?

Con oltre 6 milioni di apparecchi circolanti e due milioni di transiti al giorno (e si parla di dati risalenti al 2008!), il Telepass consente a chi lo utilizza di percorrere la rete autostradale italiana senza il timore di dover sostenere le code chilometriche al casello.

Leggi tutto...
Go to Top