Scegliere l'amplificatore per auto adatto al nostro impianto stereo o alla nostra autoradio, non è una cosa banale. Infatti dobbiamo tenere presenti diversi fattori, fra cui l'uso che ne vogliamo fare, il tipo di impianto che vogliamo realizzare e sulla somma da spendere a disposizione.

La scelta principale per acquistarlo, verte sul luogo d'acquisto: è sicuramente preferibile un negozio specializzato rispetto al centro commerciale.

Il progetto per l'amplificazione a 4 canali o a 2 canali

Prima poi di procedere all'acquisto dell'amplificatore auto, è bene avere in mente il progetto dell'impianto stereo. E' pur vero che oggi la tecnologia ci consente di ascoltare la musica ovunque, è sufficiente avere un tablet o uno smartphone ed utilizzare uno dei tanti programmi di riproduzione musicale (ad. es Amazon Cloud Player), ma in auto possiamo optare per un amplificatore finale che migliori le prestazioni musicali.

La scelta può variare fra un impianto con amplificatore integrato, oppure un impianto con sistemi separati per il fronte anteriore e per il subwoofer, oppure un modello a tre vie, due delle quali dedicate al fronte anteriore, ed una dedicata al subwoofer.

La soluzione migliore a livello qualitativo è certamente la seconda, ma bisogna avere un budget abbastanza consistente. A livello di marchio, è importante scegliere fra i migliori del settore, quali gold, cerwin vega, jbl, audison, zapco, ecc...

Amplificatore auto integrato

Questa soluzione risulta certamente molto più economica, ma non è molto consigliata in quanto lo stesso apparecchio andrebbe ad amplificare due elementi, il subwoofer e gli altoparlanti, con diverse caratteristiche, fra cui le dimensioni delle bobine. Per questo subiranno diversi carichi di alimentazione, a volte superflui e a volte eccessivi per quel tipo di dispositivo.

Amplificatori equalizzatori separati o oggetto compatto? E il bluetooth?

Dedicarne uno solo al subwoofer è invece molto più auspicabile per ottenere il meglio dal proprio impianto. Le caratteristiche principali cui fare riferimento nella scelta sono innanzitutto la potenza, che deve essere pari a quella supportata dagli altoparlanti, meno un 10 % circa. La distorsione deve essere minore dello 0,05%, il rapporto segnale-rumore maggiore di 90 db e infine, la risposta in frequenza in un range da 15 Hz a 35.000 Hz.

Fondamenti audio: si trovano anche buoni modelli usati che non provocano disturbi e distorsioni. Ecco le nostre opinioni

Internamente, un amplificatore per auto è composto da vari elementi, definiti attivi, che sono collegati fra loro attraverso una serie di componenti elettronici quali condensatori, induttanze e resistori. Ognuno di questi va a comporre uno stadio, ed ogni stadio è alimentato a cascata dal precedente, da una sorgente a tensione continua

 

Classi di amplificatori: buoni ed economici

Basandosi sul proprio modo di lavorare, ogni amplificare auto farà parte di una particolare classe di appartenenza.
La classe A è la migliore, e i sistemi di classe A permettono la trasmissione del segnale sonoro generando distorsioni di bassissimo livello, a scapito dell'eccessivo calore che si va a generare.

La classe B contiene dispositivi che sparano il segnale a potenza molto elevata, ma con eccessivo disturbo del segnale.

Le altre classi esistenti sono la AB, che cerca di sintetizzare le caratteristiche positive degli stadi precedenti; la classe C che non è consigliata per amplificare le basse frequenze a causa del fortissimo segnale disturbante che andrebbe a generare. La classe D integra circuiti di tipo digitale.

A seconda del modello che scegliamo, ci troviamo a una serie di caratteristiche tecniche che è bene conoscere per evitare di prendere un prodotto che non soddisfa i requisiti dell'automobile.

Sensibilità audio

La sensibilità è relativa all'ingresso, ovvero si tratta della tensione necessaria da applicare ai morsetti di ingresso così che l'amplificatore lavori in maniera corretta.

Potenza nominale

La potenza nominale è quella rilevata sul canale di uscita, quando esso è caricato ad una misura base pari a 4 ohm. Tale misura della potenza è espressa in Watt, e si riferisce sempre ad un segnale di distorsione contenuto sotto una soglia di frequenza solitamente pari a 1 Khz (si parla di Watt in RMS).

Al momento dell'acquisto dell'amplificatore stereo, è bene leggere che la potenza fornita in uscita sia espressa in Watt RMS e non in altre tipologie di Wattaggio quali Watt picco-picco o watt musicali. Infatti i Watt RMS corrispondono a 8 volte i Watt picco-picco e 2 volte i Watt Musicali.

Altre caratteristiche da tenere presenti al momento dell'acquisto sono il rapporto fra segnale e disturbo (espresso in microvolt o in decibel) e la risposta in frequenza.

Circuito Mosfet: come si collega

La maggior parte degli amplificatori necessita di un circuito di alimentazione Mosfet. Questo tipo particolare di circuito serve a inviare agli altoparlanti una dose di alimentazione in caso di cali di tensione che possono verificarsi nell'automobile, dovuti alla particolare struttura del circuito di alimentazione dell'automobile stessa.



Potrebbe interessarti

Auto all'asta per privati: vediamo come funziona

Per acquistare una automobile a prezzi veramente stracciati, una possibilità è quella di partecipare alle aste auto, ovvero aste giudiziarie in cui vengono vendute automobili provenienti da società o soggetti caduti in fallimento o esecutati, o ancora alle aste auto vengono vendute automobili prelevate durante pignoramenti.

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto a Modena: un’opportunità per fare buoni affari

Non si tratta di un percorso consueto quello di pensare di partecipare ad un’asta giudiziaria per poter acquistare un’automobile o altro bene in buone condizioni e magari anche di un certo pregio; ma è pur sempre una modalità attuabile.

Leggi tutto...

Scegliere l’auto: meglio nuova o usata?

Decidere di scegliere un’auto nuova o una usata sono entrambe decisioni che dipendono dalle intenzioni della persona in base alle proprie particolari esigenze. Da quanto si capisce dalle ricerche in merito, gli italiani negli ultimi anni preferiscono sempre di più le vetture di seconda mano.

Leggi tutto...

Acquisto auto in leasing: scopri come fare

Nell'ambito dell'acquisto delle automobili, esiste una particolare pratica di finanziamento molto diffusa e utilizzata, ovvero il leasing. Questo termine, in generale, definisce una forma contrattuale di finanziamento attraverso la quale il soggetto, definito locatore, concede ad un un altro soggetto, definito utilizzatore, il diritto di utilizzare un qualsivoglia bene, ricambiando tale utilizzo con il pagamento di un canone mensile.

Leggi tutto...

Mercato delle auto usate: a maggio 2017 conferme positive

Il mercato delle auto, in questo 2017, ha attirato l'attenzione di tv e giornali in virtù degli ottimi risultati registrati nel corso del primo trimestre, soprattutto se messi a confronto con quanto rilevato solo lo scorso anno.

Leggi tutto...

I più condivisi

Concessionarie Audi a Roma: ecco dove andare

La casa automobilistica Audi fa parte attualmente del gruppo Volkswagen, ed è presente a Roma con diverse concessionarie. Venne fondata da August Horch nel 1909.

Leggi tutto...

Concessionari Fiat a Torino: una guida per orientarsi

Qui di seguito vi presentiamo i concessionari della Fiat di Torino a cui potete rivolgervi per provare e ammirare l'auto dei vostri sogni. Il marchio Fiat e la città di Torino sono indissolubilmente legate a doppio filo: sono stati proprio degli imprenditori di Torino, nel lontano 1899, a dar vita alla fabbrica di automobili e da quel momento le storie di queste due identità hanno percorso strade parallele.

Leggi tutto...

Concessionari Ford del Veneto: qualche riferimento

Se avete deciso che la vostra prossima macchina deve essere una Ford, non importa se nuova o usata, vi consigliamo dei concessionari del Veneto a cui potete rivolgervi. Affidandovi a questi professionisti del settore, potrete ottenere il modello di Ford costruito secondo le vostre esigenze.

Leggi tutto...

Concessionarie BMW a Roma: info e contatti

L'azienda tedesca BMW è nota in tutto il mondo per la produzione di autoveicoli e motoveicoli; ha sede a Monaco di Baviera, ma è presente in ogni città, anche naturalmente a Roma, con numerose concessionarie. Inutile soffermarci sull'affidabilità e sulla professionalità di una casa che vende ogni anno milioni di autovetture. Siamo certi che l'approfondimento che oggi vi presentiamo sarà di vostro gradimento.

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prendere la patente alla Motorizzazione di Milano: tutte le informazioni

Appena compiuti 18 anni, il primo pensiero di molti ragazzi è proprio quello di ottenere il foglio rosa in modo da poter guidare l’auto, per iniziare ad avere maggiore indipendenza e libertà di movimento. Effettuare l'esame per la patente in motorizzazione permette di ridurre di molto i tempi tecnici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il carter secco: differenze con quello umido

Nel mondo delle automobili, il termine carter può essere declinato in vari modi. In genere, non è altro che uno o più coperchi la cui funzione è quella di proteggere determinati componenti delicati dell'automobile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Uffici provinciali ACI: Roma e le altre città italiane

L'ACI, la Federazione Automobile Club d'Italia, opera sull'intero territorio italiano offrendo servizi di assistenza ai soci e agli Enti Pubblici attraverso gli uffici provinciali ACI e le ben oltre 1500 delegazione sparze sull'intera penisola per andare incontro a ogni persona di ogni città.

Leggi tutto...
Go to Top