Scegliere l'amplificatore per auto adatto al nostro impianto stereo o alla nostra autoradio, non è una cosa banale. Infatti dobbiamo tenere presenti diversi fattori, fra cui l'uso che ne vogliamo fare, il tipo di impianto che vogliamo realizzare e sulla somma da spendere a disposizione.

La scelta principale per acquistarlo, verte sul luogo d'acquisto: è sicuramente preferibile un negozio specializzato rispetto al centro commerciale.

Il progetto per l'amplificazione a 4 canali o a 2 canali

Prima poi di procedere all'acquisto dell'amplificatore auto, è bene avere in mente il progetto dell'impianto stereo. E' pur vero che oggi la tecnologia ci consente di ascoltare la musica ovunque, è sufficiente avere un tablet o uno smartphone ed utilizzare uno dei tanti programmi di riproduzione musicale (ad. es Amazon Cloud Player), ma in auto possiamo optare per un amplificatore finale che migliori le prestazioni musicali.

La scelta può variare fra un impianto con amplificatore integrato, oppure un impianto con sistemi separati per il fronte anteriore e per il subwoofer, oppure un modello a tre vie, due delle quali dedicate al fronte anteriore, ed una dedicata al subwoofer.

La soluzione migliore a livello qualitativo è certamente la seconda, ma bisogna avere un budget abbastanza consistente. A livello di marchio, è importante scegliere fra i migliori del settore, quali gold, cerwin vega, jbl, audison, zapco, ecc...

Amplificatore auto integrato

Questa soluzione risulta certamente molto più economica, ma non è molto consigliata in quanto lo stesso apparecchio andrebbe ad amplificare due elementi, il subwoofer e gli altoparlanti, con diverse caratteristiche, fra cui le dimensioni delle bobine. Per questo subiranno diversi carichi di alimentazione, a volte superflui e a volte eccessivi per quel tipo di dispositivo.

Amplificatori equalizzatori separati o oggetto compatto? E il bluetooth?

Dedicarne uno solo al subwoofer è invece molto più auspicabile per ottenere il meglio dal proprio impianto. Le caratteristiche principali cui fare riferimento nella scelta sono innanzitutto la potenza, che deve essere pari a quella supportata dagli altoparlanti, meno un 10 % circa. La distorsione deve essere minore dello 0,05%, il rapporto segnale-rumore maggiore di 90 db e infine, la risposta in frequenza in un range da 15 Hz a 35.000 Hz.

Fondamenti audio: si trovano anche buoni modelli usati che non provocano disturbi e distorsioni. Ecco le nostre opinioni

Internamente, un amplificatore per auto è composto da vari elementi, definiti attivi, che sono collegati fra loro attraverso una serie di componenti elettronici quali condensatori, induttanze e resistori. Ognuno di questi va a comporre uno stadio, ed ogni stadio è alimentato a cascata dal precedente, da una sorgente a tensione continua

 

Classi di amplificatori: buoni ed economici

Basandosi sul proprio modo di lavorare, ogni amplificare auto farà parte di una particolare classe di appartenenza.
La classe A è la migliore, e i sistemi di classe A permettono la trasmissione del segnale sonoro generando distorsioni di bassissimo livello, a scapito dell'eccessivo calore che si va a generare.

La classe B contiene dispositivi che sparano il segnale a potenza molto elevata, ma con eccessivo disturbo del segnale.

Le altre classi esistenti sono la AB, che cerca di sintetizzare le caratteristiche positive degli stadi precedenti; la classe C che non è consigliata per amplificare le basse frequenze a causa del fortissimo segnale disturbante che andrebbe a generare. La classe D integra circuiti di tipo digitale.

A seconda del modello che scegliamo, ci troviamo a una serie di caratteristiche tecniche che è bene conoscere per evitare di prendere un prodotto che non soddisfa i requisiti dell'automobile.

Sensibilità audio

La sensibilità è relativa all'ingresso, ovvero si tratta della tensione necessaria da applicare ai morsetti di ingresso così che l'amplificatore lavori in maniera corretta.

Potenza nominale

La potenza nominale è quella rilevata sul canale di uscita, quando esso è caricato ad una misura base pari a 4 ohm. Tale misura della potenza è espressa in Watt, e si riferisce sempre ad un segnale di distorsione contenuto sotto una soglia di frequenza solitamente pari a 1 Khz (si parla di Watt in RMS).

Al momento dell'acquisto dell'amplificatore stereo, è bene leggere che la potenza fornita in uscita sia espressa in Watt RMS e non in altre tipologie di Wattaggio quali Watt picco-picco o watt musicali. Infatti i Watt RMS corrispondono a 8 volte i Watt picco-picco e 2 volte i Watt Musicali.

Altre caratteristiche da tenere presenti al momento dell'acquisto sono il rapporto fra segnale e disturbo (espresso in microvolt o in decibel) e la risposta in frequenza.

Circuito Mosfet: come si collega

La maggior parte degli amplificatori necessita di un circuito di alimentazione Mosfet. Questo tipo particolare di circuito serve a inviare agli altoparlanti una dose di alimentazione in caso di cali di tensione che possono verificarsi nell'automobile, dovuti alla particolare struttura del circuito di alimentazione dell'automobile stessa.



Potrebbe interessarti

Incentivi auto elettriche: cosa fanno per noi i produttori di queste tipologie di vetture?

Le auto elettriche fanno parte della classe di vetture dette ecologiche, che utilizzano una fonte energetica alternativa alla benzina. Possono essere elettriche, ibride, a gpl, a metano, a idrogeno o a biocombustibili.

Leggi tutto...

Fiat 500L Trekking: scopri la nuova 4x4 in miniatura!

Nonostante la difficile situazione del mercato europeo versi in grave crisi da ormai troppo tempo, Fiat ha ottenuto un buon successo di pubblico con il lancio della nuova 500L, una vettura che è stata in grado di trasferire lo spirito sbarazzino e simpatico della sua sorella minore a portata di famiglia.

Leggi tutto...

Auto per disabili usate

Le auto per disabili sono veicoli adibiti al trasporto di persone che possono avere gravi handicap fisici e psichici; si tratta di automobili realizzate con particolari allestimenti ed optional che facilitino il trasporto dei disabili: munite di pedane per sollevare le carrozzine o altri congegni in grado di aiutare le persone affette da particolari disturbi ed handicap a salire agevolmente in macchina e viaggiare in tranquillità

Leggi tutto...

Aste giudiziarie auto a Torino: affari per tutte le tasche!

Le aste giudiziarie di auto a Torino permettono agli automobilisti piemontesi di coronare il sogno di acquistare “La” macchina che hanno sempre desiderato e di avere a prezzi inferiori anche di due volte rispetto alle offerte del mercato.

Leggi tutto...

Perché acquistare un auto usata e come trovare l'occasione

Acquistare un'auto usata è la migliore scelta, se si ha intenzione di risparmiare. La convenienza risiede anche nel fatto che acquistare un'auto nuova, invece, significa subire nei primi 2 anni di vita del bene, un consistente deprezzamento che conduce ad una rapida svalutazione. Questo è il principale motivo che spinge, chi acquista un'auto nuova, a cederla prima che ciò avvenga. 

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Il registro ASI: auto d’epoca

Quanti hanno la fortuna di possedere una moto o auto d’epoca? Quante persone non sanno che possono tutelare la propria moto auto d’epoca grazie all’ASI, ottenendo anche tante agevolazioni?

Leggi tutto...

Concessionari Fiat in Toscana: a chi rivolgersi?

A tutti coloro che risiedono in Toscana, presentiamo dei concessionari Fiat a cui si possono rivolgere per l'acquisto di auto nuoveauto usate, di veicoli commerciali, di auto a metano o a 5 porte del marchio di Torino. La professionalità e la cortesia che contraddistinguono questi concessionari, si estendono anche alla fase successiva alla vendita, momento in cui verrete assistiti con dei servizi che vi torneranno molto utili.

Leggi tutto...

Concessionari Peugeot a Napoli: una guida rapida

Questi elencati di seguito, sono i concessionari Peugeot di Napoli e provincia a cui potete rivolgervi sia per la vendita di auto, ma anche per l'assistenza e la rivendita di ricambi originali per la vostra Peugeot.

Leggi tutto...

Concessionari Citroen a Milano e provincia: a chi rivolgersi?

La casa automobilistica Citroen, presente a Milano grazie ai numerosi concessionari, è stata fondata nel 1919, o meglio è diventata tale in seguito alla trasformazione della precedente industria di materiale meccanico e militare. 

Leggi tutto...

Concessionari ufficiali Volkswagen del Veneto: i contatti

Se, per la vostra nuova auto, cercate il giusto connubio tra carattere sportivo ed eleganza ed affidabilità tedesca, il marchio Volkswagen è quello che fa per voi. Qui di seguito vi segnaliamo dei concessionari Volkswagen del Veneto a cui potete rivogelrvi per l'acquisto di un'auto nuova o usata.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Motorizzazione civile a Palermo (e in Sicilia in generale)

Il Ministero dei Trasporti si occupa del piano generale dei trasporti e della logistica e i piani di settore per i trasporti, compresi i piani urbani di mobilità, ed esprime, per quanto di competenza, il concerto sugli atti di programmazione degli interventi di competenza del Ministero delle Infrastrutture.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Tabelle ACI rimborso Km: tutte le indicazioni!

Gli utenti che risultano essere dipendenti o professionisti che utilizzano l'automobile durante il loro lavoro, possono usufruire delle Tabelle Aci rimborso chilometrico. In questo modo, vengono quantificati i costi chilometrici necessari ad ottenere i rimborsi per tutti coloro che utilizzano un proprio veicolo nello svolgimento di attività per conto di un datore di lavoro specifico.

Leggi tutto...
Go to Top