Riforma patenti 2013: cosa è cambiato?

Le novità della riforma patenti 2013 interesseranno essenzialmente autotrasportatori, autisti e aspiranti tali, mentre per i possessori di patenti B le cose resteranno in sostanza inalterate. Dal 19 Gennaio 2013 saranno attive le novità previste dalla riforma delle patenti.

Occorrerà aver compiuto il ventunesimo anno d’età per il conseguimento della patente C, mentre per accedere alla categoria D sarà necessario aver compiuto 24 anni.

Nuove tipologie di patenti previsti dalla riforma

Tra le novità del provvedimento vedranno la luce nuovi permessi:

  • patente D1: per ottenerla sarà necessario aver compiuto 21 anni. Fa riferimento alla guida di autoveicoli di lunghezza massima di otto metri, realizzati per il trasporto di un massimo di 16 persone, oltre al conducente.
  • patente C1: per ottenerla sarà necessario aver compiuto 18 anni. Fa riferimento a mezzi la cui massa massima autorizzata è superiore a 3500 kg, ma non al di sopra dei 7500 kg, realizzati per il trasporto di un massimo di otto passeggeri oltre al conducente
  • patente A2: in luogo della patente di guida della categoria A per accesso graduale, per la guida di motocicli di potenza non superiore a 35 Kw ( attualmente non superiore a 25 Kw) ed un rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 Kw/Kg
  • patente AM: in luogo del certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori

riforma patenti 2013

Le novità della riforma per le patenti moto

La riforma delle patenti prevede che dal 19 gennaio 2013 saranno integralmente applicabili le disposizioni del decreto legislativo 18 Aprile 2011 n.59. Il decreto dispone l’introduzione di nuove categorie di patenti di guida e nuovi limiti d’età per il conseguimento di alcune di esse.

Partiranno una serie di novità anche per le moto: innanzitutto l’accesso diretto alla patente A3 non prima dei 24 anni. Inoltre, si potranno guidare motocicli con potenza massima di 35 Kw, che attualmente con la patente A2 è limitata a 25 kW. In tema di limiti di velocità per i neopatentati, viene esteso anche ai titolari di patente A2 e A il divieto di oltrepassare 100 km/h in autostrada e 90 km/h sulle strade extraurbane principali per i primi tre anni dal conseguimento della patente .

Inasprimento delle sanzioni per i trasgressori, grazie alla nuova riforma patenti

Uniformità con la patente europea e addio al patentino per i motocicli: sono queste le maggiori novità. Prenderà il via l’obbligo per i conducenti di ciclomotori di conseguire una vera e propria patente, la patente AM per i motorini e la A1 per i motocicli fino a 125 cc. Soppressione della patente di categoria E, che verrà sostituita da sottocategorie delle patenti C e D. Infine, un inasprimento delle sanzioni pecuniarie per chi non è in possesso delle abilitazioni professionali.

Corsi recupero patente

Con l'avvento della patente a punti, qualora si commettano determinate infrazioni previste dal codice della strada, oltre alla normale sanzione amministrativa, è prevista la decurtazione di tot punti patente, fino ad esaurimento dei punti.
È possibile frequentare dei corsi per recuperare i punti patente, l'importante è farlo prima che vengano esauriti tutti ipunti a disposizione. L'iscrizione ad un corso di recupero patente a punti segue la consegna di una lettera di comunicazione originale del Dipartimento trasporti terrestri che comunica la perdita di punteggio.

Corsi recupero di tipo A

La prima tipologia di corso di recupero patente a punti è riservata alle seguenti categorie di patente: A1, A, B, B+E.
In totale, grazie a questo corso di recupero, sarà possibile recuperare un totale di 6 punti patente. Il corso di questo tipo ha la durata di 12 ore, da effettuarsi nel giro di due settimane consecutive.
La durata massima di queste lezioni è di 2 ore al giorno, e non è possibile ammettere più di 25 partecipante.
Sono consentite un massimo di 4 ore di assenza, recuperabili all'interno del periodo del corso. Se si effettuano più ore di assenza, il corso sarà da ripetere.

Corsi recupero di tipo B

La seconda tipologia di corso di recupero patente a punti è riservata alle seguenti categorie di patente: C, C+E, D, D+E.
Inoltre questo corso offre anche il conseguimento del certificato di abilitazione professionale del tipo KA e KB.
In totale, grazie a questo corso di recupero, sarà possibile recuperare un totale di 9 punti patente. Il corso di questo tipo ha la durata di 8 ore, da effettuarsi nel giro di quattro settimane consecutive.
La durata massima di queste lezioni è di 2 ore al giorno, e non è possibile ammettere più di 25 partecipante.
Sono consentite un massimo di 6 ore di assenza, recuperabili all'interno del periodo del corso. Se si effettuano più ore di assenza, il corso sarà da ripetere.



Ultimi aggiornamenti


Contatti

Per contattare la redazione del sito Auto scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 


Iscrizione newsletter
Informazioni Utili Autoscuole in Italia





 
www.autoyes.info di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com -