Home Page |
Email

Iscrizione all'ASI, il garante delle auto storiche

In un momento storico in cui le automobili si comprano a rate e si possono restituire dopo tre anni, è difficile immaginare che nel futuro possano esistere veicoli che riescano ad acquistare lo status di auto storiche, eppure il recupero dei modelli “vintage” rivisti in chiave moderna (Fiat 500, Maggiolino Volkswagen, Chrysler) la dice lunga, invece, sul fascino che esercita l’auto storica e sul privilegio – anche fiscale – di essere iscritti all’ASI, l’Automotoclub Storico Italiano.

La nascita dell’ASI e la tutela delle auto d’epoca

L’Automotoclub Storico Italiano nasce nel 1966 e riconosciuto ente morale di diritto privato per D.P.R. nr. 977 del 24 ottobre 1980.L’ente fa parte della FIVA, la Federation Internationale Vehicules Anciens, organismo internazionale che si occupa della tutela del motorismo storico. Per aderire è necessario essere iscritti ad uno dei club federati presenti su tutto il territorio nazionale. I club federati iscritti all’ASI sono 250, oltre a 29 club aderenti per un totale di 140.000 appassionati di auto d’epoca.

La mission dell’ASI

Per statuto, l’ente sostiene e tutela gli interessi della motorizzazione storica, con l’impegno di valorizzare e promuovere la cultura storica e sociale delle auto d’epoca. Promuove, inoltre, la conservazione e/o il recupero di veicoli che abbiano “compiuto” 20 anni dalla data di costruzione e non di immatricolazione. I veicoli certificati sono oltre 45.000 suddivisi in automobili, moto, veicoli commerciali, militari e agricoli.

Tra le attività, l’ente organizza e patrocina eventi culturali in cui le auto storiche sono poste in evidenza attraverso manifestazioni rievocative (Millemiglia), concorsi di eleganza, raduni, mostre e convegni.

Le caratteristiche di un auto storica

Si definiscono auto e moto storiche, i veicoli che superano i venti anni di vita e che mantengono le seguenti caratteristiche:

  • carrozzeria, telaio e/o allestimento conforme all’originale;
  • tappezzeria e allestimenti interni ben conservati e decorosi;
  • motore tecnicamente conforme all’originale montato dal costruttore, vale a dire quello annotato sui documenti del veicolo.

I requisiti per ottenere agevolazioni fiscali

Con risoluzione 112/E del 29 novembre 2011, l’Agenzia delle Entrate stabilisce che per i possessori di auto d’epoca non è più necessario aderire all’ASI per poter usufruire dell’esenzione dal bollo auto o tassa di possesso di veicoli dal valore storico o collezionistico, purché abbiano i requisiti per essere certificati come tali.

iscrizione asi

Nonostante ciò, vale la pena ricordare che i soci possono usufruire di ulteriori agevolazioni fiscali e godere di particolari convenzioni assicurative con polizze agevolate.La qualità dei veicoli certificati è molto alta, perché il Regolamento Tecnico dè applicato molto rigorosamente al fine di verificare l’autenticità e l’originalità dei veicoli e poter ottenere il Certificato di identità di auto d’epoca .

L'iscrizione all'Automotoclub storico italiano è molto conveniente per chi possiede auto storiche, in quanto permette di usufruire di benefici fiscali e facilitazioni per la circolazione, che il Legislatore ha riconosciuto a tali veicoli per la valenza storica e culturale che rappresentano. Molte compagnie assicurative riservano inoltre polizze agevolate ai veicoli che posseggono certificati rilasciati dall'Ente.

Come effettuare l'iscrizione

L'iscrizione dell'auto all'ASI avviene dopo aver contattato uno dei club federati del territorio italiano, che si occuperanno di tutte le pratiche necessarie, che comprendono anche i contatti con l'agenzia di assicurazione (in particolare l'ASI è convenzionata con la TORO), la tessera associativa e altri certificati.

I veicoli che possono essere iscritti sono tutti quelli a motore che abbiano compiuto almeno 20 anni di età dalla data di immatricolazione: ciclomotori, motoveicoli, autovetture, autocarri, autobus, autotreni, macchine agricole, veicoli militari, aeromobili, e natanti d'epoca.

Costi iscrizione

La quota associativa annua per l'iscrizione è di 41,32 euro, da versare tramite un club federato. Oltre a questa spesa, vanno aggiunte le spese della quota del club, variabili a seconda delle esigenze dello stesso.Oltre all'iscrizione, pagando la quota sociale si ha diritto ad una serie di documenti e certificati: l'attestato di storicità, il certificato di identità, il certificato sostitutivo delle caratteristiche tecniche e la carta FIVA

Accordo assicurativo TORO

L'iscrizione dà diritto ad una copertura assicurativa sui veicoli storici a prezzi molto vantaggiosi: chi è in possesso di certificato ASI ha infatti diritto ad uno sconto del 30% sui premi delle garanzie di RC e furto incendio.

Annalisa Maurantonio



Ultimi aggiornamenti


Contatti

Per contattare la redazione del sito Auto scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 


Iscrizione newsletter

Abbonati ai FEED

Veicoli storici





Iscrizione newsletter

 
www.autoyes.info di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com -