Home Page | Network Nigiara
Email

Aste auto confiscate: affari e risparmi incredibili

Sebbene qualcuno potrebbe ridere davanti a una tale premessa, visto il momento storico che stiamo vivendo, vogliamo mettere una interessante pulce nell’orecchio a tutti coloro che credono di possedere il cosiddetto “fiuto” per gli affari unito a cifre relativamente importanti: costoro potrebbero infatti ricavare degli utili interessanti semplicemente partecipando alle aste dove vengono vendute le auto sequestrate.

Nella loro stra-grande maggioranza, infatti, queste auto sono portate alle aste e poi vendute con la loro garanzia ancora in stato di corso e, soprattutto, a prezzi davvero convenienti (solitamente si va da un minimo di 800 euro fino a tetti di partenza pari a 6000, massimo 7000 euro). Tutto ciò, unito a molto altro, fa delle autovetture confiscate l’oggetto di occasioni immancabili e di un affare modestamente semplice.

Dove racarsi

Dobbiamo, innanzitutto, partire dalla Cancelleria Fallimentare di un qualsiasi Tribunale. Il nome, effettivamente, non è incoraggiante: ne diamo atto ai lettori. Ed è chiaro: non sempre e non a tutti capita di acquistare prodotti davvero convincenti. Però, bisogna ricordare che trattandosi di aste, tutti gli interessati dovrebbero (e, lo sottolineiamo, possono) reperire tutte le informazioni utili riguardanti i mezzi messi in vendita.

Capita perciò, agli interessati, di comperare una Punto degli anni ’90 a poche centinaia di euro come capita di ritrovarsi con auto più recenti a prezzi tutto sommato sempre competitivi, benché sull’ordine dei diecimila euro e rotti. In queste aste, l’offerta base per un’auto nuova è, solitamente, pari a diecimila euro circa. Il che significa che si va a salire anche piuttosto rapidamente.

Dettaglio importante auto confiscate

Le autovetture confiscate presentano, talvolta, l’assenza sia del Certificato di Proprietà che del Libretto di Circolazione: succede, in realtà, abbastanza di sovente; ma l’importante è che questo dettaglio venga preventivamente descritto, poiché altrimenti non avremmo modo di accedere al Pubblico Registro Automobilistico al fine di richiederne i “doppioni”.

Provenienza auto confiscate

Una volta confiscate, le auto arrivano alle aste perché, il più delle volte, facevano parte dei corredi di rivenditori falliti, quando non di parchi macchine. Ecco spiegato perché, molto spesso, parliamo di mezzi nuovi o quasi. L’altra fetta della torta, invece, riguarda i veicoli una volta appartenenti a contribuenti incapaci di assolvere ai propri doveri fiscali, pertanto diventati oggetto di sequestri (amministrativi o penali). Nei casi in cui i mezzi abbiano già almeno dieci anni di vita, il prezzo di vendita sarà difficilmente superiore al 30% delle normali tariffe di listino.

Di Michele G. Picozzi



Ultimi aggiornamenti


Contatti

Per contattare la redazione del sito Auto scrivere all'indirizzo email enr.mainero@gmail.com

 


Iscrizione newsletter

Abbonati ai FEED

GUIDA ALL'ACQUISTO

Auto da acquistare

Auto a Metano

Veicoli in Leasing





 
www.autoyes.info di Enrico Mainero - email enr.mainero@gmail.com -